Sanità internazionale 24 ottobre 2017

Turismo sanitario, perché scegliere di farsi curare all’estero?

Il turismo sanitario è un fenomeno dai numeri sempre più grandi. In tutto il mondo, sono dagli 11 ai 14 milioni le persone che ogni anno scelgono di farsi curare in un Paese diverso dal proprio, dando vita ad un giro di affari di 100 miliardi di dollari. E queste cifre continuano a crescere ad […]

Il turismo sanitario è un fenomeno dai numeri sempre più grandi. In tutto il mondo, sono dagli 11 ai 14 milioni le persone che ogni anno scelgono di farsi curare in un Paese diverso dal proprio, dando vita ad un giro di affari di 100 miliardi di dollari. E queste cifre continuano a crescere ad un ritmo del 10% annuo. Le mete più ambite a livello globale sono Tailandia (1,2 milioni di visite), Messico (1 milione), Malaysia (850mila), Stati Uniti (800mila), Singapore (610mila) e India (400mila). Sono soprattutto gli statunitensi a decidere di lasciare la propria casa quando si devono operare: sceglie di intraprendere la strada del turismo sanitario il 45% della popolazione. Ma anche tedeschi (34%), inglesi (23%), e arabi (19%) raggiungono cifre importanti.

Come riportato da un interessante approfondimento de La Stampa, Tailandia e Malaysia sono richieste soprattutto per gli interventi ortopedici, gli Stati Uniti sono scelti per cardiologia e cardiochirurgia ma anche per le cure contro il cancro, per le quali si va anche in Francia e in Germania. L’America Latina, madre della chirurgia estetica, resta la meta preferita per chi decide di sottoporsi a qualche ritocchino, ma noi italiani andiamo soprattutto in Croazia per cure odontoiatriche o in Turchia per trapianti di capelli.

Ma cosa porta milioni di pazienti ogni anno ad allontanarsi dal proprio Paese per farsi curare? Sono due le ragioni principali: la prima riguarda la possibilità di sottoporsi ad interventi che nel proprio Paese sono vietati, come poteva essere in Italia la fecondazione eterologa assistita. Ma il nodo centrale che porta molti ad andare al di là dei confini è il prezzo delle prestazioni: a conti fatti, si stima che l’80% dei turisti sanitari intraprenda questa strada per il rapporto qualità/prezzo. Basti pensare che se un bypass coronarico negli Stati Uniti può costare anche 88mila dollari, in Messico lo stesso intervento costa 37800 dollari, in Italia tra i 35 e i 40mila euro, in India addirittura 14400 dollari.

Articoli correlati
Nuovi LEA, il debutto della fecondazione eterologa e delle tecnologie avanzate
Altri 470 milioni sul piatto per garantire i servizi sanitari essenziali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...