Sanità internazionale 22 agosto 2017

Trapiantato il primo esofago artificiale negli Usa: è opera di due ricercatori italiani

Costruire un esofago in materiale sintetico; rivestirlo di cellule staminali del paziente; aspettare che intorno alla struttura ricresca il nuovo tessuto esofageo; rimuovere l’impalcatura artificiale che ha fatto da “binario” per la formazione del nuovo organo e salvare una vita. È quanto compiuto da due ricercatori italiani, Fabio Triolo (Direttore del Nucleo terapie cellulari dell’Università […]

Costruire un esofago in materiale sintetico; rivestirlo di cellule staminali del paziente; aspettare che intorno alla struttura ricresca il nuovo tessuto esofageo; rimuovere l’impalcatura artificiale che ha fatto da “binario” per la formazione del nuovo organo e salvare una vita. È quanto compiuto da due ricercatori italiani, Fabio Triolo (Direttore del Nucleo terapie cellulari dell’Università del Texas, a Houston) e Saverio La Francesca (Presidente di Biostage, l’azienda biotech che ha inventato la tecnologia), che seguendo questa procedura e mettendo in pratica anni di studi, ricerche e tentativi, hanno trapiantato il primo esofago artificiale su un paziente statunitense di 75 anni: malato di tumore ai polmoni, al cuore e all’esofago, ora, a detta dei medici, sta meglio. La zona esofagea colpita dal tumore è infatti stata rimossa e sostituita con quella artificiale. Come raccontato da Repubblica , dopo aver ottenuto l’approvazione dell’Fda (Food and drug administration) e visti gli ottimi risultati del primo intervento, i due ricercatori si dicono pronti a provare la nuova tecnologia anche su altri pazienti. Si stima che siano quasi mezzo milione l’anno i casi di tumore dell’esofago nel mondo, a cui si aggiungono altre malattie che compromettono la funzionalità dell’organo. I buoni risultati di questa nuova tecnica potrebbero quindi essere di fondamentale importanza per tante persone, che oggi vengono per lo più curate riutilizzando e reimpiantando una porzione di stomaco o di intestino nella zona esofagea; soluzioni che tuttavia possono portare a complicazioni importanti. Inoltre, la tecnica potrà essere utilizzata anche per salvare tanti bambini nati con malformazioni genetiche, per i quali le opzioni terapeutiche sono scarse. Tuttavia, sottolineano gli stessi ricercatori, è ancora necessario del tempo per perfezionare la tecnica, mentre la Biostage, l’azienda che ha creato l’organo artificiale, sta lavorando sulla possibilità di utilizzare una tecnica simile per il trapianto della trachea. Tuttavia siamo ancora molto lontani dal poter creare organi più complessi quali cuore, reni o polmoni.

Articoli correlati
La S.I.TRA.C (Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare) annuncia il XXII Congresso Nazionale
La Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare è lieta di annunciare il XXII Congresso Nazionale, previsto dal 22 al 24 febbraio a Firenze presso il Palazzo dei Congressi. L’evento riunirà i massimi esperti di cornea, nazionali ed internazionali, per tre giornate all’insegna delle tematiche e delle innovazioni più interessanti in materia. Negli ultimi decenni si […]
Parma, all’ospedale di Vaio si rimuovono tumori gastrointestinali senza bisturi
23Si chiama Dissezione endoscopica sottomucosa (Esd) ed è una tecnica mininvasiva che consente di rimuovere tumori gastrointestinali senza ricorrere all’intervento chirurgico. Si tratta di un delicato procedimento studiato in Giappone ma impiegato anche negli ospedali del nord d’Italia e da adesso anche in quello di Parma. Come riporta LaRepubblica, questa tecnica è pensata per asportare […]
Torino, il progetto I.E.S.A: Pazienti psichiatrici in affido
Il progetto IESA (Inserimento Eterofamiliare Supportato di Adulti) consiste nell’ospitare persone con problemi psichiatrici a casa propria per dare loro un senso di normalità, coinvolgimento ed inserimento familiare. Come riporta LaStampa, a Collegno, vicino Torino, vive una delle famiglie che hanno aderito al progetto I.E.S.A: è quella della signora Filomena, che tre anni fa ha deciso di […]
The CancerSeek, nuovo test del sangue per 8 tipi di tumori. Gori (Aiom): « Bene ma servono altri studi»
Ricercatori della Johns Hopkins University hanno messo a punto un esame universale che analizza sia il Dna mutato del cancro che alcune proteine prodotte sempre dal cancro. Con programmi di screening mirati, può aiutare a scoprire la malattia con un anno di anticipo.
La depressione ha origine nell’infanzia: la ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia
Una ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia dimostra il legame tra geni ed eventi traumatici dell’età evolutiva nel successivo sviluppo della depressione. Annamaria Cattaneo, ricercatrice dell’Istituto, ha pubblicato su Molecular Psychiatry un articolo intitolato “FoxO1, A2M e TGFB1: tre nuovi geni che predicono la depressione come conseguenza dell’interazione tra geni di vulnerabilità’ e condizioni ambientali avverse”. Si tratta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...