Non Categorizzato 14 aprile 2016

Sì a #curiamolacorruzione ma attenti alla percezione

Ha fatto molto discutere l’indagine sulla percezione della corruzione in sanità realizzata nell’ambito del progetto “Curiamo la corruzione” da Transparency International Italia, Censis, ISPE-Sanità e Rissc. Nel 37% delle aziende sanitarie italiane si sarebbero verificati episodi di corruzione negli ultimi cinque anni, circa un terzo dei casi non sono stati affrontati in maniera appropriata e […]

Ha fatto molto discutere l’indagine sulla percezione della corruzione in sanità realizzata nell’ambito del progetto “Curiamo la corruzione” da Transparency International Italia, Censis, ISPE-Sanità e Rissc. Nel 37% delle aziende sanitarie italiane si sarebbero verificati episodi di corruzione negli ultimi cinque anni, circa un terzo dei casi non sono stati affrontati in maniera appropriata e ammontano a 1 miliardo di euro l’anno gli sprechi nei beni e servizi non direttamente legati alla cura dei pazienti. Ad affermarlo sono gli stessi dirigenti delle 151 strutture sanitarie che hanno partecipato all’indagine. I dati sono stati presentati a Roma nel corso della prima Giornata nazionale contro la corruzione in sanità ed i commenti che ne sono conseguiti stanno avendo una straordinaria eco virale sui social attraverso l’hashtag #curiamolacorruzione. Il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone invita però alla cautela sui numeri e sulla dimensione del fenomeno, visto che «per misurare la corruzione si utilizzano perlopiù dati di percezione» (come riportato solo nella chiusura del rapporto). E sebbene la percezione della corruzione porti il nostro Paese agli ultimi posti in Europa – l’Italia è 61esima in fondo alla classifica, la Francia sta a metà, 32esima – sarebbe opportuno dire che il passaggio dalle percentuali ai valori assoluti presenta addirittura, con una media inferiore a 20 episodi all’anno, un sistema virtuoso, o comunque tra i meno inquinati dei settori pubblici e privati. Dunque, sicuramente sì a #curiamolacorruzione, ma stando attenti a non svilire il nostro SSN e le sue eccellenze.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...