Sanità internazionale 26 settembre 2017

Senza nuovi antibiotici la tubercolosi tornerà. L’allarme dell’OMS

Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà […]

Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà a rischio i progressi della medicina moderna», ha dichiarato il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus. Oltre alla tubercolosi, che ogni anno ancora uccide circa 250mila persone, sono 12 le classi di patogeni più a rischio individuate in un rapporto dell’OMS che necessitano urgentemente di nuovi trattamenti. Tra gli altri, viene evidenziata una grave mancanza di opzioni di trattamento per la tubercolosi multiforme e ad ampio spettro di farmaco e per i patogeni gram-negativi, tra cui Acinetobacter e Enterobacteriaceae (come Klebsiella e E.coli) che possono causare infezioni gravi e spesso mortali e che rappresentano una minaccia in particolare negli ospedali e nelle case di cura. «Non abbiamo una linea di difesa contro questi tipi di infezioni estremamente pericolosi, che possono uccidere un paziente in pochi giorni», ha dichiarato Suzanne Hill, Direttrice del Dipartimento dei Medicinali essenziali dell’OMS.

Dei 51 nuovi antibiotici che sono attualmente in via di sviluppo, solo 8 sono trattamenti innovativi. La maggior parte infatti sono modifiche delle classi esistenti di antibiotici e rappresentano solo delle soluzioni a breve termine. L’appello dell’OMS è quindi chiaro: sono necessari nuovi investimenti per la ricerca e lo sviluppo di antibiotici efficaci contro queste infezioni, altrimenti ci ritroveremo come ai tempi in cui infezioni comuni e semplici interventi mettevano a rischio la vita dei pazienti. L’OMS e la “Drugs for Neglected Diseases Initiative” (DNDi) hanno quindi dato vita ad una partnership globale per la ricerca e lo sviluppo di antibiotici. Lo scorso 4 settembre Germania, Lussemburgo, Olanda, Sud Africa, Svizzera, il Regno Unito e il Wellcome Trust hanno stanziato più di 56 milioni di euro per questa iniziativa, «ma per porre fine alla tubercolosi sono necessari oltre 800 milioni di dollari l’anno», ha chiarito il dottor Mario Raviglione, Direttore del programma globale di tubercolosi dell’OMS.

Tuttavia, sottolinea l’Organizzazione, nemmeno i nuovi trattamenti saranno sufficienti per combattere la minaccia della resistenza antimicrobica se non verranno accompagnati da iniziative per migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni. L’OMS, insieme a governi e partner, ha già iniziato a lavorare su progetti che intendono raggiungere questi obiettivi e a promuovere l’utilizzo corretto degli antibiotici attuali e futuri.

Articoli correlati
«Lo sport è quasi come una medicina». Parola della campionessa olimpica Margherita Granbassi
Lo sport fa bene alla salute e al Servizio Sanitario Nazionale. La collaborazione del Coni con il Ministero della Salute per incentivare l’attività fisica di tutti
Curarsi o mangiare: la scelta che 100 milioni di persone nel mondo devono fare ogni giorno
Senza un sistema sanitario universale come quello italiano, in molti Paesi i pazienti sono costretti a sostenere delle spese mediche tanto elevate da ridursi in uno stato di povertà estrema, e devono provare a trovare un modo per sopravvivere con meno di 2 dollari al giorno. Sono circa 100 milioni le persone che ogni giorno […]
Roberto Burioni, il paladino dei vaccini tra allarme tubercolosi e ‘somari’ all’italiana…
«La medicina non è democratica e chi si rivolge al dottor Google e alla dottoressa Wikipedia è ‘un somaro’». La  parola al virologo del San Raffaele ‘paladino’ dei vaccini e autore di un nuovo libro
di Lucia Oggianu
Global Nutrition Summit a Milano: Nutrition for Growth
Sabato 4 novembre si terrà a Milano, presso il Palazzo Reale, il Global Nutrition Summit 2017. La manifestazione, di portata internazionale,  è organizzata in collaborazione con il Comune di Milano e con la partnership, tra altri, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) e la Bill & Melinda Gates […]
Tbc, settimo caso al Fatebenfratelli. Si tratta del barista della tavola calda interna all’ospedale
Settimo caso di tubercolosi in quattro mesi all’ospedale capitolino Fatebenefratelli. Dopo sei casi di contagio tra personale sanitario, quest’ultimo contagio si differenzia dagli altri perché il paziente non è un medico ma un barista della tavola calda interna all’ospedale. La struttura assistenziale fa sapere in una nota stampa che «non c’è alcun pericolo si verifichi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...