Sanità internazionale 9 dicembre 2015

Sanità internazionale

Lavorare meno, lavorare meglio…

Secondo un sondaggio nazionale della Mayo Clinic riferito al 2014, il 55% dei medici negli Stati Uniti è colpito dalla sindrome da burn-out, il crollo psico-fisico del lavoratore, percentuale aumentata del 10% in soli tre anni. Le cifre più elevate si evidenziano tra gli urologi (63,6%), i fisiatri (63,3%) e i medici di medicina generale (63%). Le donne rischiano di più rispetto ai colleghi maschi, probabilmente per la più giovane età media.
Della stessa opinione sono gli specialisti francesi, che stanno ancora sperando che la proposta di legge dell’ex ministro socialista Benoît Hamon del maggio scorso, di riconoscere il burn-out come malattia professionale, trovi spazio nella legislazione odierna. L’idea che ritmi di lavoro troppo serrati e la notevole riduzione delle ore di riposo possano far male, fino a portare lo specialista ad un serio crollo psico-fisico, è sposata anche dai camici bianchi italiani, che a fine novembre sono scesi in piazza al fianco dei propri sindacati per denunciare la mancata applicazione della Legge 161 che applica la direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro.
Ora l’aumento del personale sembra essere l’unica soluzione possibile per garantire turni equilibrati. Insomma, rispolverando un vecchio e glorioso detto: «Lavorare meno, lavorare tutti…».

Articoli correlati
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…
Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Policlinico Umberto I: «Abbiamo bisogno di più personale per garantire il diritto alla Salute»
TURNI MASSACRANTI - Il Dg Domenico Alessio analizza le difficoltà di applicazione della legge 161 già alla base di migliaia di ricorsi. «Sono sempre al fianco dei medici, ma è dura con queste limitazioni»
Turni massacranti, i DG “fanno squadra” con i medici
Formazione, e-health e blocco del turnover i temi toccati al FORUM PA. Angelo Lino Del Favero (Federsanità): «I ricorsi sono una realtà, serve un intervento…»
CREDITI ECM: «Assunzioni e carriera solo per chi è in regola»
La proposta di Carmine Gigli, presidente Fesmed. Il Ministro annuncia un giro di vite. La nuova Commissione ECM denuncia calo di crediti conseguiti nel 2015. Conte e Stella: «Prima delle sanzioni migliorare l’offerta formativa puntando su investimenti e nuovi incentivi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...