Sanità internazionale 20 febbraio 2018

Morte assistita, il British Medical Journal si schiera per la legalizzazione

Il British Medical Journal sostiene la legalizzazione della morte assistita. Sostenuta dalla «maggioranza dell’opinione pubblica inglese», a detta del BMJ, la morte assistita è «il proseguimento della presa in carico del paziente che la richieda in piena consapevolezza, funziona bene in altre parti del mondo» e va quindi introdotta nella legislazione. Proprio mentre in Italia infuoca […]

Il British Medical Journal sostiene la legalizzazione della morte assistita. Sostenuta dalla «maggioranza dell’opinione pubblica inglese», a detta del BMJ, la morte assistita è «il proseguimento della presa in carico del paziente che la richieda in piena consapevolezza, funziona bene in altre parti del mondo» e va quindi introdotta nella legislazione. Proprio mentre in Italia infuoca il dibattito sul processo a Marco Cappato, accusato di suicidio assistito per aver accompagnato dj Fabo a morire in Svizzera, una tra le più importanti ed autorevoli riviste scientifiche nel mondo scende in campo a favore dell’eutanasia.

In un editoriale che accompagna uno speciale pubblicato sul numero dell’8 febbraio, la direttrice Fiona Godlee si rivolge inoltre ai medici inglesi chiedendo loro di adottare «per lo meno una posizione neutrale per permettere un dibattito pubblico aperto e informato». Parole chiare, che accompagnano una serie di articoli quasi tutti a favore della morte assistita ma che non nascondono quanto sia difficile per i medici aiutare i pazienti in questa scelta.

In un sondaggio dello scorso anno è risultato che il 55% dei medici britannici sarebbe favorevole alla proposta, cui tuttavia si oppone la British Medical Association. «Quella della BMA è una posizione tremenda, non hanno alcuna empatia» commenta al Mirror Sara Starkey, vedova di un malato di Parkinson che l’anno scorso ha posto fine alla sua vita in una clinica in Svizzera. «Mio marito sarebbe stato felice di poter morire nella sua casa quando si sentiva pronto».

LEGGI ANCHE: I MEDICI: EUTANASIA DA LEGALIZZARE PER IL 71%, MA SOLO IL 54% LA PRATICHEREBBE

Sarah Jessiman, 51 anni, è malata terminale: «Sono terrorizzata della morte che mi aspetta. Non voglio andare in Svizzera e non voglio tentare il suicidio. Vorrei solamente avere l’opportunità di poter morire a casa accanto al mio cane».

Nelle pagine della rivista trova anche spazio un articolo dal titolo “Come ci si sente ad aiutare un paziente terminale a morire di una morte dignitosa“. A firmarlo, Sabine Netters, la dottoressa olandese che 10 anni fa aveva raccontato la sua prima esperienza con un paziente che le aveva chiesto di aiutarlo a morire. «Mi ha fatto capire che anche quando le terapie falliscono – si legge – il ruolo del medico non è finito ma cambia. L’obiettivo non è più allungare la vita ma aiutare a morire meglio. I libri di testo però non danno alcun consiglio e anni di tirocinio mi hanno lasciato impreparata».

LEGGI ANCHE: IN VIGORE IL “BIOTESTAMENTO”: COSA CAMBIA PER I MEDICI DAL 31 GENNAIO

Articoli correlati
Vaccini, perché in Italia sono obbligatori e in altri Paesi no? Lo spiega Rezza (ISS) sul British Medical Journal
«Non è irragionevole che il governo italiano consideri la possibilità di rivedere l’obbligatorietà dei vaccini. Ma qualunque modifica dovrebbe essere guidata da evidenze scientifiche, supportata da investimenti adeguati e valutata con attenzione, non affrettata con tanta urgenza». Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, interviene sulla questione vaccini con un lungo […]
GB, Corte Suprema: «Per sospendere cure è sufficiente accordo tra famiglie e medici»
Per porre fine alla vita di pazienti in stato vegetativo, in Gran Bretagna non sarà più necessaria l’autorizzazione del giudice. Secondo quanto stabilito dalla Corte Suprema, sarà sufficiente un accordo tra la famiglia e i medici. In assenza di accordo, la Corte raccomanda invece di rivolgersi ai giudici. È una decisione storica che Oltremanica ha […]
Caso Ripa di Meana, le differenze tra sedazione profonda e eutanasia
Il videotestamento della contessa ha riportato in primo piano la questione. Per l’anestesista Luciano Orsi la scelta rientra pienamente nell’ambito delle cure palliative, disciplinate dalla legge 38 del 2010
di Giovanni Cedrone
Più rischio di morte se il medico è anziano. Lo studio britannico
E’ il risultato raggiunto da una ricerca condotta da Yusuke Tsugawa della Harvard T. H. Chan School of public health e pubblicata nei giorni scorsi dal British Medical Journal. Osservando per tre anni, dal 2011 al 2014 circa 730mila pazienti ultra sessantacinquenni seguiti da 19mila medici statunitensi, i ricercatori hanno studiato il tasso di mortalità […]
Testamento Biologico, torna in Aula. Binetti (Udc): «Legge ostacolo ai medici». Cicchitto (Ap): «Agire secondo coscienza»
La parola al Parlamento. Altissimo il pressing per colmare il vuoto normativo sul tema fine vita. Paola Binetti, deputata Udc: «Nutrizione e idratazione rappresentano una garanzia per la salute». Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare: «Dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia, diritto pieno su gestione della nostra esistenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...