Sanità internazionale 15 maggio 2017

Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia

Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]

Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità.Le Quotidien riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario.

Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una vera e propria rivoluzione per dare maggior peso alla prevenzione, sottolineando come sia «meglio investire un euro oggi per prevenire le malattie che cinque euro domani per curarle». Inoltre, darà il via a un’iniziativa che coinvolgerà 40mila studenti di medicina che per 3 mesi andranno nelle scuole e nelle imprese proprio per fare sensibilizzazione e parlare di prevenzione.

Rimanendo in tema studenti, il neopresidente ha intenzione di rimettere in discussione il numero chiuso per l’accesso alla facoltà di medicina, senza però aver ancora proposto un’alternativa praticabile. Prevista anche una profonda riforma dell’organizzazione e della gestione degli ospedali, da attuare però solo dopo aver studiato a fondo la situazione presente e aver analizzato le varie soluzioni percorribili.

Ha promesso inoltre di sviluppare gli ambulatori, ridurre i pagamenti a prestazione (T2A) e di riconoscere maggiore autonomia agli stabilimenti, soprattutto per assumere nuovo personale; stanzierà 5 miliardi per finanziare l’innovazione e per modernizzare le strutture e i sistemi informativi degli ospedali. Per quanto riguarda il miglioramento dell’organizzazione delle cure di primo soccorso, il suo progetto non prevede un’unica soluzione che sia uniforme in tutto il Paese, ma intende mettere piuttosto l’accento sulle singole realtà di ogni territorio, valutando di caso in caso la soluzione migliore.

Vuole ampliare l’utilizzo della telemedicina e diversificare le modalità di pagamento. Infine, è prevista la presa in carico al 100% delle spese per occhiali, apparecchi acustici e protesi dentarie, senza eliminare il rimborso dei medicinali essenziali e aggiungendo a questi quelli necessari per la cura delle forme severe di ipertensione arteriosa.

Articoli correlati
Il SIVeMP denuncia un’altra aggressione al personale veterinario
Ennesima aggressione ai danni di un veterinario del servizio sanitario pubblico; solo l’ultima di una lunga serie di intimidazioni nei confronti del personale sanitario. «Il SIVeMP FVM (Sindacato Italiano Veterinari Medicina Pubblica) deve nuovamente denunciare una aggressione a un collega: nella notte fra sabato e domenica è stata incendiata l’auto di un dirigente veterinario dell’Asp […]
Aggressioni ai medici, Filippo Anelli (FNOMCeO): «Aumentiamo le pene ai violenti. Ma c’è problema culturale e di sistema»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici sottolinea: «Bene l’Osservatorio sulla violenza, ora c’è la necessità di rivedere i livelli di sicurezza delle sedi. Molte non rispettano le prescrizioni previste dalla legge 81 sulla sicurezza degli operatori». Poi sottolinea: «Sotto attacco diritto alla salute e diritto all’istruzione»
Aggressioni ai medici, la proposta di Toti Amato (OMCeO Palermo): «Serve un Daspo come negli stadi. Stop gratuità Ssn per i violenti»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo rilancia dopo la grande manifestazione di sabato in Piazza Politeama: «Non è giusto che tutti dobbiamo pagare per colpa di chi rompe o fa male a un medico o danneggia una struttura». Poi aggiunge: «Istituzioni agiscano prima che ci scappi il morto»
Aggressioni medici, pioggia di adesioni al sit in dell’OMCeO Palermo
Da Cittadinanzattiva Sicilia all'Associazione diabetici Palermo fino al Comitato consultivo dell'azienda Arnas Civico di Palermo: tante le realtà presenti alla manifestazione in in Piazza Politeama. Amato: «Sensibilizzare i cittadini investendo nella comunicazione»
OMCeO Palermo, sit-in contro aggressioni ai medici
Basta violenza, basta aggressioni. Questo è il senso del sit-in organizzato dall’ordine dei medici di Palermo domani alle 15.30, in piazza Politeama. L’obiettivo è rilanciare l’appello a tutti i medici siciliani, professionisti della sanità, rappresentanti istituzionali, sindacali e associazioni di pazienti, a manifestare pacificamente contro ogni forma di aggressione, a partire dalle violenze che si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...