Sanità internazionale 15 maggio 2017

Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia

Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]

Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità.Le Quotidien riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario.

Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una vera e propria rivoluzione per dare maggior peso alla prevenzione, sottolineando come sia «meglio investire un euro oggi per prevenire le malattie che cinque euro domani per curarle». Inoltre, darà il via a un’iniziativa che coinvolgerà 40mila studenti di medicina che per 3 mesi andranno nelle scuole e nelle imprese proprio per fare sensibilizzazione e parlare di prevenzione.

Rimanendo in tema studenti, il neopresidente ha intenzione di rimettere in discussione il numero chiuso per l’accesso alla facoltà di medicina, senza però aver ancora proposto un’alternativa praticabile. Prevista anche una profonda riforma dell’organizzazione e della gestione degli ospedali, da attuare però solo dopo aver studiato a fondo la situazione presente e aver analizzato le varie soluzioni percorribili.

Ha promesso inoltre di sviluppare gli ambulatori, ridurre i pagamenti a prestazione (T2A) e di riconoscere maggiore autonomia agli stabilimenti, soprattutto per assumere nuovo personale; stanzierà 5 miliardi per finanziare l’innovazione e per modernizzare le strutture e i sistemi informativi degli ospedali. Per quanto riguarda il miglioramento dell’organizzazione delle cure di primo soccorso, il suo progetto non prevede un’unica soluzione che sia uniforme in tutto il Paese, ma intende mettere piuttosto l’accento sulle singole realtà di ogni territorio, valutando di caso in caso la soluzione migliore.

Vuole ampliare l’utilizzo della telemedicina e diversificare le modalità di pagamento. Infine, è prevista la presa in carico al 100% delle spese per occhiali, apparecchi acustici e protesi dentarie, senza eliminare il rimborso dei medicinali essenziali e aggiungendo a questi quelli necessari per la cura delle forme severe di ipertensione arteriosa.

Articoli correlati
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
Sanità digitale: 32% dei medici usa app per screening. Intervista alla direttrice Osservatorio Innovazione Digitale Sanità
«L'Osservatorio è ormai un punto di riferimento per la ricerca sull’innovazione digitale perché permette un confronto e una collaborazione tra i diversi attori del settore sanitario. L'Italia è ancora indietro rispetto all’Europa. Il problema? Mancano gli investimenti». Queste le parole della direttrice dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano, Chiara Sgarbossa
Nasce la Casa della Salute Valdese. Saitta: «Sarà un modello»
«Il nostro obiettivo era sanare una ferita della nostra città, e nel farlo abbiamo deciso di riprendere un elemento caratterizzante dell’ospedale Valdese: la presa in carico del paziente. Non a caso si chiamerà Casa della Salute Valdese». Lo ha sottolineato questa mattina l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta intervenendo all’apertura della Casa della Salute di […]
Medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari: può una norma regionale imporre il tetto massimo orario?
Una norma regionale non può imporre autoritativamente il tetto massimo orario in 48 ore settimanali ai medici incaricati definitivi degli istituti penitenziari perché viola l’art. 117 secondo comma, lettera l), della Costituzione e invade la materia riservata alla competenza esclusiva dello Stato. La Consulta, con la sentenza n. 121/2017, ha bocciato così l’articolo 21, comma […]
«Macron all’Eliseo e la sfida sui ‘deserti medici’». Parla un medico italiano in Francia
La sanità nel programma del nuovo Presidente francese. Tra le proposte più significative: risolvere l'assenza di camici bianchi nelle zone rurali del Paese e garantire un rimborso al 100% di apparecchi e strumenti medici utili al paziente. Ecco l'intervista a uno specialista in medicina fisica e riabilitativa…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...