Sanità internazionale 6 marzo 2018

KO per il turno di notte? Ecco come resistere e recuperare nei giorni successivi

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa […]

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa e i giorni successivi, in modo da entrare in servizio pienamente efficienti e garantendo totale sicurezza.

La mattina precedente al turno di notte, è consigliabile svegliarsi naturalmente, senza quindi impostare la sveglia. Il British Medical Journal consiglia poi di evitare di bere caffè la mattina e, tra le 2 e le 6 di pomeriggio, di fare un sonnellino di circa un’ora e mezza.

Una volta iniziato il turno di notte, è fondamentale rimanere attivi, riposarsi per 10-20 minuti durante la prima parte del turno e bere caffeina prima del sonnellino. Sarà l’unico caffè consentito per tutto il turno. Le sostanze che aiutano a restare svegli sono senz’altro efficaci, ma è sconsigliato assumerle perché possono causare effetti collaterali. Mangiare poco e pasti leggeri, dando al cibo un valore consolatorio. I ricercatori consigliano poi di scrivere elenchi delle cose da fare nei momenti più critici, in modo da evitare qualunque conseguenza dovuta alla stanchezza e alla scarsa reattività.

Nelle ultime ore di turno e prima di tornare a casa, continuare a non bere bevande a base di caffeina e non fumare, evitare il contatto diretto con la luce del sole, indossando occhiali da sole anche in giornate nuvolose. Sarebbe preferibile tornare a casa utilizzando i mezzi di pubblici piuttosto che la propria auto.

Una volta che si è finito il turno e si è tornati a casa, si consiglia di cercare di dormire per almeno 90-180 minuti. Una volta svegli, uscire all’aperto e provare a tornare a dormire ad un orario più vicino possibile a quello normale. Nei giorni successivi al turno di notte, è meglio evitare di dormire di giorno.

Nei giorni tra i diversi turni di notte, bisogna recuperare il sonno perso: si deve andare allora a dormire il più presto possibile, evitando, prima di coricarsi, il consumo di alcol e di fissare per molto tempo schermi e luci luminose. È meglio dormire in una stanza buia e silenziosa e accettare il fatto che dormire poco è meglio di niente: via libera quindi anche a dormite brevi e frammentate, cercando però in tutti i modi di massimizzare il riposo.

Articoli correlati
2° Congresso Nazionale Onda: la salute della donna e della coppia
La salute della donna e della coppia nel periodo dopo l’età fertile, è il tema al centro della seconda edizione del Congresso nazionale Onda che si terrà a Milano all’Hotel Michelangelo il 19 e 20 settembre prossimi. Con queste parole, Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio Nazionale sulla salute della donna e di genere, introduce l’evento: «Ci occuperemo […]
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Salute degli occhi, parte il progetto: “Ci vediamo a scuola” per gli studenti milanesi
Come non compromettere la salute visiva con tablet e smartphone? Grazie al progetto “Ci vediamo a scuola”, gli esperti dell’Ics Maugeri di Milano daranno indicazioni e consigli a 600 studenti di 10 istituti cittadini, di ogni ordine e grado, aderenti a “Rete salute”. L’iniziativa, dedicata ad alunni, docenti e genitori, punta alla diagnosi precoce dei […]
Giornata Internazionale del Sonno, Leonardo Calò (Policlinico Casilino): «Fondamentale prevenire disturbi per vivere meglio»
L’organismo umano ha bisogno di dormire bene e prepararsi alla giornata successiva. Ma sono tante le patologie che minano la qualità del sonno: dalle insonnie alle apnee notturne. Il Professor Calò: «Ben vengano nuove tecnologie che ci permettono di effettuare diagnosi veloci ed accurate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...