Sanità internazionale 6 marzo 2018

KO per il turno di notte? Ecco come resistere e recuperare nei giorni successivi

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa […]

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa e i giorni successivi, in modo da entrare in servizio pienamente efficienti e garantendo totale sicurezza.

La mattina precedente al turno di notte, è consigliabile svegliarsi naturalmente, senza quindi impostare la sveglia. Il British Medical Journal consiglia poi di evitare di bere caffè la mattina e, tra le 2 e le 6 di pomeriggio, di fare un sonnellino di circa un’ora e mezza.

Una volta iniziato il turno di notte, è fondamentale rimanere attivi, riposarsi per 10-20 minuti durante la prima parte del turno e bere caffeina prima del sonnellino. Sarà l’unico caffè consentito per tutto il turno. Le sostanze che aiutano a restare svegli sono senz’altro efficaci, ma è sconsigliato assumerle perché possono causare effetti collaterali. Mangiare poco e pasti leggeri, dando al cibo un valore consolatorio. I ricercatori consigliano poi di scrivere elenchi delle cose da fare nei momenti più critici, in modo da evitare qualunque conseguenza dovuta alla stanchezza e alla scarsa reattività.

Nelle ultime ore di turno e prima di tornare a casa, continuare a non bere bevande a base di caffeina e non fumare, evitare il contatto diretto con la luce del sole, indossando occhiali da sole anche in giornate nuvolose. Sarebbe preferibile tornare a casa utilizzando i mezzi di pubblici piuttosto che la propria auto.

Una volta che si è finito il turno e si è tornati a casa, si consiglia di cercare di dormire per almeno 90-180 minuti. Una volta svegli, uscire all’aperto e provare a tornare a dormire ad un orario più vicino possibile a quello normale. Nei giorni successivi al turno di notte, è meglio evitare di dormire di giorno.

Nei giorni tra i diversi turni di notte, bisogna recuperare il sonno perso: si deve andare allora a dormire il più presto possibile, evitando, prima di coricarsi, il consumo di alcol e di fissare per molto tempo schermi e luci luminose. È meglio dormire in una stanza buia e silenziosa e accettare il fatto che dormire poco è meglio di niente: via libera quindi anche a dormite brevi e frammentate, cercando però in tutti i modi di massimizzare il riposo.

Articoli correlati
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Salute degli occhi, parte il progetto: “Ci vediamo a scuola” per gli studenti milanesi
Come non compromettere la salute visiva con tablet e smartphone? Grazie al progetto “Ci vediamo a scuola”, gli esperti dell’Ics Maugeri di Milano daranno indicazioni e consigli a 600 studenti di 10 istituti cittadini, di ogni ordine e grado, aderenti a “Rete salute”. L’iniziativa, dedicata ad alunni, docenti e genitori, punta alla diagnosi precoce dei […]
Giornata Internazionale del Sonno, Leonardo Calò (Policlinico Casilino): «Fondamentale prevenire disturbi per vivere meglio»
L’organismo umano ha bisogno di dormire bene e prepararsi alla giornata successiva. Ma sono tante le patologie che minano la qualità del sonno: dalle insonnie alle apnee notturne. Il Professor Calò: «Ben vengano nuove tecnologie che ci permettono di effettuare diagnosi veloci ed accurate»
Osas, Paolo Golia (Policlinico Casilino): «Ѐ importante non sottovalutarle, possono favorire ipertensione, ictus e attacchi cardiaci»
«Le conseguenze delle apnee notturne sono molte: dalla scarsa attenzione all’irritabilità, passando per il rischio di incidenti stradali allo sviluppo di patologie cardiovascolari anche gravi» l’intervista al cardiologo
La Società Italiana di Neurologia promuove la Settimana Mondiale del Cervello
“Non c’è muscolo senza cervello” è il tema dell’edizione 2018 della Settimana Mondiale del Cervello, la campagna di sensibilizzazione promossa in Italia dalla Società Italiana di Neurologia (SIN). La Società Italiana di Neurologia (SIN) è da sempre impegnata nella battaglia contro le malattie del sistema nervoso, sostenendo la ricerca, promuovendo l’assistenza e la cura e, infine, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Lavoro

Medici in pensione, liquidato il primo cumulo e gli aumenti per inflazione. Ecco quanto crescono gli assegni

L’Enpam comunica che appena le autorità vigilanti daranno il via libera arriveranno gli adeguamenti scattati dal primo gennaio con tutti gli arretrati. Intanto arriva la liquidazione della prima pe...