Sanità internazionale 8 marzo 2016

International healthcare

Being a doctor: is this a job for women?
 

Nowadays medical degrees, in Italy as in other Countries, are mostly carried out by women. As a matter of fact, in Europe, more than half of white coats under 35 years are women. According to a study in thirty Countries by the Organization for Economic Cooperation and Development, women under 35 represent 58% of doctors in the UK, 60% in France and almost 63% in Spain. Italy holds the record, with a percentage higher than 65%. In the UK, female doctors have recently become the majority accounting for 51%, whereas in France they account for 41%. The researchers of CNRS (Centre national de la recherche scientifique) set the overtaking in 2022, when it is estimated that the figure will increase to 60%, on the basis of the enrollments at the faculty of Medicine.
Healthcare landscape is obviously changing. But often the higher career levels are still a men’s prerogative. Reasons cannot be found in the professional field but rather on the social level that still considers women as the family central figures and therefore they are often forced to sacrifice career in order to pursue the children’s wellness and education. According to SIC (Italian Society of Surgery), a surgeon – or an intern – out of two is a woman, but only 1% of them performs an important role in the NHS.
In Great Britain, the problem of the work plan, linked to a great demand by women for part-time shifts, already caused a great debate, with controversies and sexism accusations: as a matter of fact, doctors started the #LikeALadyDoc hashtag in response to an article in the Sunday Times claiming that the rising number of female doctors is causing problems in the NHS. The article, by Sunday Times columnist Dominic Lawson, refers to the “the feminization of medicine” and its impact on the NHS.

Articoli correlati
UK, Theresa May “regala” 20 miliardi di sterline per i 70 anni del servizio sanitario grazie alla Brexit. E a più tasse
Il Primo Ministro britannico intende mantenere la promessa sbandierata nella campagna elettorale per l’uscita dall’Unione Europea: i contributi al bilancio di Bruxelles saranno destinati al NHS. Ma per gli esperti i conti non tornano…
Crisi NHS, Theresa May promette finanziamenti. E la salute degli inglesi inizia a peggiorare
Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% […]
Turismo sanitario, per evitare le lunghe liste d’attesa gli inglesi scelgono l’Italia
Firmato un accordo tra il Salvator Mundi e l’organizzazione inglese Operations Abroad Worldwide per accogliere a Roma pazienti provenienti dal Regno Unito. Problemi strutturali del servizio pubblico britannico, risparmio economico e la possibilità di richiedere il rimborso delle spese sostenute tra le cause dell’esodo di oltre 50mila pazienti
Alimentazione questa sconosciuta: in Inghilterra gap formativo che preoccupa studenti, medici e pazienti
Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute, ma i medici inglesi ne sanno poco o nulla. È la denuncia di camici bianchi e studenti di medicina che sottolineano il gap formativo su tutto ciò che riguarda diete e stili di vita nonostante, riporta la BBC, l’80% dei pazienti dei medici di medicina generale abbia […]
L’AIIC lancia “Health technology challenge”, il premio per le soluzioni tecnologiche
Challenge è un termine mutuato dall’inglese che si traduce letteralmente con “sfida”. Il primo Health Technology Challenge (HTC) proposto dall’Associazione Italiana Ingegneri Clinici ha proprio le caratteristiche di una “sfida”: l’iniziativa dell’AIIC, infatti, vuole dare spazio alla presentazione di esperienze e soluzioni innovative per affrontare piccoli e grandi problemi della sanità attraverso il coinvolgimento di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...