Sanità internazionale 1 marzo 2016

International healthcare

If burnout endangers doctors and patients

The burnout syndrome threatens medical care quality. As a matter of fact, cases of “emotional and physical exhaustion” among doctors increase all over the world (it is estimated 30% of white coats over 50 years), because they are demoralized by the amount of work, a more and more cumbersome bureaucracy and legal concerns.
White coats suffer from losses of attention and focus always more frequently; therefore, they are protagonists (and victims at the same time) of mistakes. As a result, the strong work-related stress induces them drugs and alcohol use in several cases: in Italy there are about 5 thousand white coats doing it; in the EU context, the figure increase to about 40 million, that is 22% of the population. This is the picture of the Italian doctors’ conditions made by Beniamino Palmieri, professor of surgery at the University of Modena and Reggio Emilia and project coordinator of “Doctor take care of yourself”. The finger is pointed against precariousness, doctors’ advanced age, turnover rate: all these factors contribute to chaos and confusion in hospitals. And difficulties redoubled in large cities such as Rome, London or Paris, which deal with “chronic emergencies” every day.
But what takes a huge loss is also the relationship between doctors and patients. Scientific studies showed that a stressed doctor is not only less friendly, but he makes mistakes easier, even fatal. Of course it is an international problem that crosses Italian borders, although in other countries there seems to be more attention to this phenomenon. For the president of Fnomceo (Italian Federation of medical Associations), Amedeo Bianco, «doctors’ job has great responsibilities and it is subject to high stress. In the US – he adds – medical profession is considered as at high social risk», whereas «in our country, unfortunately, little is being done in this field. We should start detecting the phenomenon, for example by establishing an observatory ad hoc. I mean – Fnomceo president concludes – in order to tackle the problem, we need active counter-policies».

Articoli correlati
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
Dalla FNOMCeO alla FIMMG, coro di ‘auguri’ dal mondo della Sanità al Ministro Grillo. E su Facebook i militanti chiedono la fine dell’obbligo vaccinale
L’esponente del Movimento Cinque Stelle è il 36esimo inquilino di Lungotevere Ripa. Tanti i dossier sul tavolo: dal contratto alle aggressioni ai medici. Il virologo Burioni: «È doveroso giudicare il nuovo Ministro sui fatti e non in base a un pregiudizio»
Privacy, tutte le novità del GDPR per medici e ospedali spiegate dal Direttore FNOMCeO De Pascale
Dalla nomina del Data Protection Officer alla valutazione del rischio, ecco cosa fare per adeguarsi alla nuova normativa sul trattamento dei dati personali che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
Omeopatia, Fnomceo: «Non è scienza, nessuna patologia migliora». La replica: «È atto medico»
Un botta e risposta fra la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e la comunità omeopatica sulla validità del metodo complementare. Oggetto della disputa una scheda pubblicata sul portale 'Dottore ma è vero che?' che prende le distanze dalla prassi terapeutica non convenzionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...