Sanità internazionale 10 ottobre 2017

Gli Stati Uniti hanno bisogno di medici italiani

Se in Italia i posti per gli specializzandi sono pochi rispetto al numero dei candidati, negli Stati Uniti il numero di specializzandi è inferiore rispetto ai posti disponibili. Come riportato dal New York Times, gli Stati Uniti formano un numero di medici decisamente inferiore rispetto al necessario, stanziandosi in fondo alla classifica OCSE relativa al […]

Se in Italia i posti per gli specializzandi sono pochi rispetto al numero dei candidati, negli Stati Uniti il numero di specializzandi è inferiore rispetto ai posti disponibili. Come riportato dal New York Times, gli Stati Uniti formano un numero di medici decisamente inferiore rispetto al necessario, stanziandosi in fondo alla classifica OCSE relativa al numero di dottori ogni 100mila abitanti.

Insomma, c’è bisogno di medici. E secondo l’autorevole testata statunitense, sarebbe necessario continuare a cercare all’estero: un quarto dei camici bianchi che operano negli Stati Uniti infatti sono già stranieri; circa un quarto degli specializzandi in ogni campo e un terzo dei residents che partecipano a programmi sub specialistici sono medici laureati in altri Paesi; più del 15% dei professori di medicina non è nato e non ha studiato negli States ma in Asia, Europa, Medio Oriente o Sud America; il 18% delle sperimentazioni cliniche è guidato da medici stranieri e il 18% degli autori di pubblicazioni in ambito medico non sono statunitensi.

Così come in altri campi, i medici stranieri tendono a lavorare nelle aree, professionali e geografiche, che i medici locali trovano meno attraenti: assistenza primaria, soprattutto alle persone anziane, nelle zone non urbane, dove l’insufficienza di medici è maggiore.

Ma gli Stati Uniti non sono l’unico Paese che si affida a medici che hanno studiato all’estero. E non è nemmeno il Paese con la percentuale più alta. Sulla base dei dati OCSE, il 58% dei medici che lavorano in Israele sono stranieri. Circa il 40% dei dottori di Irlanda e Nuova Zelanda hanno studiato altrove. Considerata la diversa dimensione dei Paesi, nessuno tuttavia si avvicina al numero di professionisti formati all’estero che lavorano negli Stati Uniti dove, nel 2015, erano 213mila. In Gran Bretagna sono 48mila, in Germania 35mila, in Australia, Francia e Canada le cifre vanno da 22mila a 27mila.

Ad oggi, non è semplice ottenere l’abilitazione per lavorare oltreoceano, ma migliaia di cittadini americani hanno un disperato bisogno di medici, anche nati e formati all’estero. I dati tuttavia suggeriscono la necessità di un cambiamento di queste politiche, in modo da rendere gli US più attraenti e non scoraggiare coloro che intendono trasferirsi.

Articoli correlati
UMEM e AMSI: «500 mila medici stranieri esercitano in Europa, urge un censimento»
Aumentate del 30% negli ultimi 5 anni le richieste di lavoro all'estero da parte dei medici in Italia; aumentate del 40% le richieste di lavoro provenienti dall'estero per i Professionisti della Sanità italiani e di origine straniera
Ciclone Trump: perché la sanità è così importante per il Presidente Usa? Lo spiega il medico italiano a Pittsburgh
Il primo atto ufficiale di Trump è stato sull'Obamacare. Claudio Loffreda-Mancinelli, medico anestesista italiano a Pittsburgh spiega: «Medici americani contrari alle volontà del nuovo Presidente. Un Sistema Sanitario che garantirà accesso a tutti? Fino ad ora ci sono state solo proposte vaghe»
In Francia è caccia ai camici bianchi italiani. La parola a un giovane medico italiano Oltralpe…
L’Europa del nord corteggia i medici italiani. Francesco Macrì Gerasoli, calabrese di Siderno, Responsabile Radiologia dell’Ospedale di Nîmes: «La nostra preparazione teorica non ha confronto, dovremmo incrementare la pratica che in Italia è carente»
Vince Trump, abrogazione per l’Obamacare? Ecco il programma del presidente
Trump sul podio del vincitore. Il nuovo presidente degli Stati Uniti sulla sanità: «Aboliremo la riforma di Obama e la sostituiremo con qualcosa di molto meglio...»
I medici internisti ospedalieri si lamentano: «Non veniamo rispettati»
“Non siamo stagisti!”. Negli Stati Uniti i medici internisti ospedalieri si sono sfogati pubblicamente denunciando di non essere rispettati da colleghi e pazienti. Lo conferma una recente ricerca del “Today’s Hospitalist”, secondo cui circa il 70% dei rispondenti non si sente tenuto nella dovuta considerazione: «In pratica –  afferma Amir Emami, un medico internista ospedaliero […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...