Sanità internazionale 18 giugno 2018

Il 10% delle dottoresse americane ha subito molestie sessuali

Anche i medici di Oltreoceano devono fare i conti con il fenomeno delle aggressioni. Soprattutto se donne. E proprio dove è nato il movimento #metoo, neanche le dottoresse sono libere dall’incubo delle molestie sessuali. Secondo uno studio di Medscape, una dottoressa su 10 e il 15% delle specializzande hanno avuto un’esperienza di molestie sessuali sul […]

Immagine articolo

Anche i medici di Oltreoceano devono fare i conti con il fenomeno delle aggressioni. Soprattutto se donne. E proprio dove è nato il movimento #metoo, neanche le dottoresse sono libere dall’incubo delle molestie sessuali. Secondo uno studio di Medscape, una dottoressa su 10 e il 15% delle specializzande hanno avuto un’esperienza di molestie sessuali sul lavoro negli ultimi tre anni. In generale, poi, riferisce di averle subite il 7% dei medici (12% donne, 4% uomini) e il 9% degli specializzandi (16% contro 4%). Le percentuali mostrano quindi come il problema sia principalmente (ma non esclusivamente) femminile.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, I DATI CHOC DEL SONDAGGIO ANAAO: DUE MEDICI SU TRE DENUNCIANO AGGRESSIONI

Lo studio ha coinvolto oltre 3.700 professionisti. Il 47% dei medici (uomini e donne) vittima di una molestia sessuale riferisce di essere stato insidiato da un collega. Negli altri casi si è trattato di amministrativi, personale non medico o pazienti, ma anche infermieri e studenti. Nel caso delle dottoresse, il 97% ha indicato un uomo come aggressore, mentre i medici sono stati molestati da una donna nel 77% dei casi. La maggioranza delle vittime di molestie sessuali aveva fra 35 e 44 anni. Da evidenziare, inoltre, che solo un quarto di tutti gli ‘incidenti’ segnalati ha portato ad un’indagine e si è intervenuti nel 38% dei casi.

Apprezzamenti pesanti sul proprio fisico, palpeggiamenti, abbracci e altri contatti fisici indesiderati o esplicite allusioni sessuali sono fra le molestie più comuni descritte dalle dottoresse. Ma non sono mancate le ripetute richieste di appuntamenti, proposte esplicite o ‘pseudo-corteggiamenti’ con messaggini ed e-mail indesiderati. Più rare le aggressioni sessuali, gli stupri o i ricatti, con la proposta di una promozione in cambio di prestazioni sessuali.

LEGGI ANCHE: «SI RISCHIA AD OGNI TURNO LA VITA, MA VOGLIO TORNARE LO STESSO A FARE IL MEDICO». PARLA LA DOTTORESSA VITTIMA DI VIOLENZA

«Il report sottolinea la necessità di intervenire sul tema delle molestie nella comunità medica e di assicurare che le vittime siano ascoltate», afferma Hansa Bhargava, direttore di Medscape Medical. «È il momento di renderci conto della realtà del problema: le molestie possono verificarsi anche nel mondo sanitario e molte vittime sentono che le proprie denunce non saranno prese sul serio». Anche perché a spaventare le vittime è anche di veder macchiata la propria reputazione. Così molte tacciono. Insomma, occorre un cambio di passo, magari sfruttando l’onda lunga del #metoo.

Articoli correlati
Liste d’attesa, violenza e autonomie: OMCeO Bari chiede convocazione urgente del Consiglio sanitario regionale
Filippo Anelli, in qualità di Presidente dell’Ordine dei medici di Bari ha inviato al Presidente Emiliano, nella sua veste di Assessore alla Sanità una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Sanitario Regionale della Puglia. L’Omceo ha richiesto di inserire all’ordine dei giorno della seduta il tema delle liste d’attesa e delle due proposte di legge […]
Ddl antiviolenza, FNOPO: «Indispensabile essere riconosciute pubblico ufficiale per contrastare aggressioni»
«Come rappresentanti delle 22mila ostetriche italiane torniamo a chiedere con determinazione il riconoscimento di pubblico ufficiale per le professioni sanitarie, compresa la nostra Categoria». Queste le richieste delle componenti del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica in merito al “no” della ministra della Salute, Giulia Grillo, al riconoscimento dello status […]
Reddito di Cittadinanza, Foad Aodi (Amsi): «No a cittadini di serie A e B, difendiamo l’uguaglianza e i diritti universali»
«Con la presente dichiarazione chiediamo al Governo Italiano di rivedere la sua decisione di escludere gli stranieri dal reddito di cittadinanza visto che siamo in un paese civile e democratico che difende da secoli i diritti umani e universali e l’uguaglianza. Dividere i cittadini in serie A e Serie B sicuramente non aiuta l’integrazione anzi […]
Scotti (FIMMG): «Formula 1+2. Ecco come cambiare la formazione in medicina generale»
Dopo la proposta FNOMCeO, il segretario della Federazione declina la possibile evoluzione: «Un anno di 'master' in collaborazione con l’università propedeutico al bando, alla medicina d'emergenza e a quella penitenziaria in cui c’è grave carenza organica»
Nursing Up al ministro Grillo: «Infermieri chiedono valorizzazione e assunzioni»
Una delegazione del sindacato Nursing Up è stata ricevuta al Ministero della Salute per parlare delle problematiche della categoria che conta 270mila infermieri nel pubblico impiego, a fronte di un fabbisogno di forza lavoro di almeno 50mila unità in più, stando allo standard minimo stabilito a livello internazionale da Oms, Ocse e Ue. Durante l’incontro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...