Sanità internazionale 18 maggio 2016

Diabetes emergency: 422 million sufferers

WHO launched a real alarm on emergency diabetes: the disease of the rich world, caused by a metabolic disorder that leads high concentration of sugars in the blood and severe complications (that sometimes end up with fatal outcomes), has now assumed the proportions of an epidemic. In its first comprehensive report on the disease WHO […]

WHO launched a real alarm on emergency diabetes: the disease of the rich world, caused by a metabolic disorder that leads high concentration of sugars in the blood and severe complications (that sometimes end up with fatal outcomes), has now assumed the proportions of an epidemic. In its first comprehensive report on the disease WHO shows that in 2014 the number of patients had reached 422 million, nearly four times the number established in 1980. In 1980, people with diabetes were 108 million. The disease – insidious because often is without noticeable symptoms – caused 1.5 million deaths in 2012, but in the same year was indirectly responsible for another 2.2 million deaths. Despite the progress of science and research, the prevalence of diabetes is expected to increase for the lifestyle changes, from “how and how much people eat, move and live.” The survey shows, moreover, that between 1980 and 2014, diabetes has increased its incidence in men than women, and that the disease rates grew up significantly in many low and middle income countries, including China, India, Indonesia, Pakistan, Egypt and Mexico. Margaret Chan, WHO Director-General, said that the results indicate the urgency of addressing both the poor diet that lifestyle, worldwide. The study also found that the North West Europe has the lowest rates of diabetes among women and men, with a prevalence adjusted for under 4% of women and 5-6% among men in Switzerland, Austria, Denmark, Belgium and the Netherlands. However, in no country of the world there has been a significant reduction in the incidence of this disease.

Articoli correlati
Senza nuovi antibiotici la tubercolosi tornerà. L’allarme dell’OMS
Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà […]
OMS Al G20: «Prossima epidemia sarà doppia: una causata dal virus, l’altra dalla paura»
Per la prima volta un summit importante come il G20 ha affrontato temi legati alla salute. All’incontro di Amburgo dei giorni scorsi era quindi presente anche il nuovo Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom, che, nel suo discorso, ha illustrato ai potenti della terra le priorità da affrontare per evitare l’insorgere di nuove […]
International healthcare
Well done on the “White Helmets”. Now it is time for international education
International healthcare
The dilemma amongst quality and efficiency
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...