Sanità internazionale 11 giugno 2018

AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni. […]

Immagine articolo

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni.

Sono due le strade che si possono percorrere per affrontare questa carenza: formare più medici ed infermieri locali o attrarre professionisti stranieri, magari rendendo più semplice le procedure per ottenere il visto. «La maggior parte del personale sanitario – ha dichiarato ad Arab News Mansoor Ahmed, direttore del dipartimento sanità e formazione di Colliers International – dopo un paio di anni passati in Arabia Saudita migra in Paesi occidentali dove trova maggiori opportunità formative e di carriera. Per evitare questo fenomeno e incentivare medici e infermieri a rimanere nel Paese, soprattutto ora che il loro contributo è necessario, è fondamentale che il governo istituisca un percorso formativo finalizzato al lavoro, oltre che attrarre risorse qualificate dall’estero».

Per poter agire efficacemente, bisogna considerare, inoltre, la nuova composizione della popolazione: «Tra il 2015 ed il 2050 – continua Mansoor Ahmed – in Arabia Saudita nasceranno 21 milioni di bambini. Sarà quindi necessario un numero molto grande di strutture e personale dedicato a loro: ostetriche, ginecologi e pediatri. Inoltre le aspettative di vita si stanno allungando, e presto serviranno più strutture di assistenza a lungo termine per gli anziani». Per lo stesso motivo serviranno geriatri e oncologi.

Secondo la dottoressa Camille Sirgi del Consiglio d’Amministrazione dell’ospedale Bareen di Abu Dhabi, l’Arabia Saudita dovrebbe seguire l’esempio degli Emirati Arabi Uniti, che lo scorso mese hanno annunciato la possibilità di richiedere visti a lungo termine, fino a 10 anni, per investitori e specialisti, medici inclusi, attraendo così talenti dall’estero e inducendone un trasferimento più permanente. È inoltre convinta del fatto che sia necessario istituire più college e università per formare talenti sauditi, offrendo magari a coloro che decidono di studiare medicina incentivi finanziari e sussidi.

E se nelle aree metropolitane la carenza riguarda soprattutto gli specialisti, nelle zone rurali mancano anche le strutture sanitarie primarie: «Ci dovrebbero essere più programmi per sviluppare la sanità delle piccole città e delle regioni più remote – ha sottolineato un’infermiera australiana che lavora in Arabia Saudita». A questi, si dovrebbe aggiungere anche una maggiore educazione della popolazione su stili di vita salutari e su come prendersi cura di se stessi, in modo da ridurre il numero di malati e rendere la carenza di posti letto meno critica.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA (CONF. REGIONI): «SE IL GOVERNO NON SAPRÀ EVITARLA, LE REGIONI ORGANIZZERANNO OFFERTA FORMATIVA PER CONTO PROPRIO» 

Articoli correlati
Ex specializzandi, a Firenze arrivano i rimborsi ai medici e nuove interpretazioni giuridiche riaprono i termini della prescrizione
Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, giovedì 21 giugno, consegnerà a Firenze gli assegni ai medici fiorentini e delle altre province toscane. Tra i relatori Federico Gelli, Responsabile del Rischio in Sanità di Federsanità Anci
Zanzara tigre, Alessio d’Amato (Regione Lazio): «Una task force per una prevenzione in rete»
«I casi di Chikungunya verificatisi l’anno scorso hanno evidenziato l’importanza della prevenzione e del controllo dell’insetto che trasmette questa malattia: la  zanzare tigre». Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presentando il tavolo di esperti del settore che ha come obiettivo quello di creare una task force per rafforzare […]
Napoli, ha un tumore al seno ma non può essere operata: manca l’anestesista
Ha fatto il giro della rete l’appello di una donna di Napoli, che qualche giorno fa si è sentita rifiutare l’operazione chirurgica per un tumore al seno in tempi brevi nell’ospedale“Incurabili”«per carenza di anestesisti». A questo punto, la paziente si è rivolta ad altre stutture della città ma le lunghe liste d’attesa non permettevano un […]
Cortona, al Signorelli protocollo di intesa Regione-Miur per la qualifica di OSS
L’Istituto Signorelli di Cortona ha aderito al protocollo di intesa promosso da Regione Toscana e MIUR-Ufficio Scolastico Regionale, che promuove una sperimentazione rivolta agli Istituti Professionali ad indirizzo Socio Sanitario volta a far conseguire agli studenti la qualifica di OSS (Operatore Socio Sanitario)al termine del percorso di studi. In Regione Toscana, attualmente, gli Istituti Professionali […]
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...