Sanità internazionale 11 giugno 2018

AAA, cercansi 10mila medici in Arabia Saudita

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni. […]

Immagine articolo

Prima dell’arrivo del 2020, l’Arabia Saudita avrà bisogno di 10mila medici. E di altri 20mila camici bianchi entro il 2030. Secondo gli esperti di Oxford Economics che hanno condotto lo studio, sono questi i numeri necessari per far fronte all’insufficienza di posti letto e alla crescita della popolazione cui il Paese assisterà nei prossimi anni.

Sono due le strade che si possono percorrere per affrontare questa carenza: formare più medici ed infermieri locali o attrarre professionisti stranieri, magari rendendo più semplice le procedure per ottenere il visto. «La maggior parte del personale sanitario – ha dichiarato ad Arab News Mansoor Ahmed, direttore del dipartimento sanità e formazione di Colliers International – dopo un paio di anni passati in Arabia Saudita migra in Paesi occidentali dove trova maggiori opportunità formative e di carriera. Per evitare questo fenomeno e incentivare medici e infermieri a rimanere nel Paese, soprattutto ora che il loro contributo è necessario, è fondamentale che il governo istituisca un percorso formativo finalizzato al lavoro, oltre che attrarre risorse qualificate dall’estero».

Per poter agire efficacemente, bisogna considerare, inoltre, la nuova composizione della popolazione: «Tra il 2015 ed il 2050 – continua Mansoor Ahmed – in Arabia Saudita nasceranno 21 milioni di bambini. Sarà quindi necessario un numero molto grande di strutture e personale dedicato a loro: ostetriche, ginecologi e pediatri. Inoltre le aspettative di vita si stanno allungando, e presto serviranno più strutture di assistenza a lungo termine per gli anziani». Per lo stesso motivo serviranno geriatri e oncologi.

Secondo la dottoressa Camille Sirgi del Consiglio d’Amministrazione dell’ospedale Bareen di Abu Dhabi, l’Arabia Saudita dovrebbe seguire l’esempio degli Emirati Arabi Uniti, che lo scorso mese hanno annunciato la possibilità di richiedere visti a lungo termine, fino a 10 anni, per investitori e specialisti, medici inclusi, attraendo così talenti dall’estero e inducendone un trasferimento più permanente. È inoltre convinta del fatto che sia necessario istituire più college e università per formare talenti sauditi, offrendo magari a coloro che decidono di studiare medicina incentivi finanziari e sussidi.

E se nelle aree metropolitane la carenza riguarda soprattutto gli specialisti, nelle zone rurali mancano anche le strutture sanitarie primarie: «Ci dovrebbero essere più programmi per sviluppare la sanità delle piccole città e delle regioni più remote – ha sottolineato un’infermiera australiana che lavora in Arabia Saudita». A questi, si dovrebbe aggiungere anche una maggiore educazione della popolazione su stili di vita salutari e su come prendersi cura di se stessi, in modo da ridurre il numero di malati e rendere la carenza di posti letto meno critica.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, SAITTA (CONF. REGIONI): «SE IL GOVERNO NON SAPRÀ EVITARLA, LE REGIONI ORGANIZZERANNO OFFERTA FORMATIVA PER CONTO PROPRIO» 

Articoli correlati
Smi-Lazio, aggressioni medici: «Serve reporting tempestivo degli episodi di violenza da parte delle aziende»
Sono in continua escalation le segnalazioni di aggressioni verbali o fisiche nei confronti dei medici in servizio nelle strutture sanitarie pubbliche del Lazio. E i numeri parlano chiaro: secondo l’Inail lo scorso anno, nel Lazio, sono stati 150 i casi di aggressione a medici, infermieri e operatori socio-sanitari. Senza contare gli eventi di intimidazione, minacce […]
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Aggressioni medici, Prefettura Crotone: «Aumenterà la vigilanza»
«L’ospedale di Crotone sarà oggetto di costante vigilanza, anche tenuto conto dell’importante afflusso di turisti per il periodo estivo. In particolare l’area esterna sarà presidiata con frequenti controlli da parte delle forze dell’ordine mentre i reparti dell’ospedale e il pronto soccorso saranno monitorati con maggiore intensità dal personale di vigilanza privata, soprattutto nella fascia serale». […]
Militari nei pronto soccorso. Fsi-Usae: «Positiva proposta del Ministro Grillo ma non risolutiva»
«Riteniamo positiva la proposta del ministro della Salute, Giulia Grillo, di impegnare le Forze Armate per il controllo degli ospedali, ovvio non sarà una soluzione risolutiva, è indispensabile la reintroduzione di posti di polizia nei pronti soccorsi degli ospedali come abbiamo detto più volte, ma non è l’unica soluzione che può fermare il fenomeno delle aggressioni a infermieri e medici, sono soprattutto […]
Sanità, Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Ministero Salute non sia subordinato al MEF. Aumentare al più presto contratti specializzazione»
Dalla governance farmaceutica alle liste d’attesa, intervista all’assessore Giulio Gallera: «Fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare o aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...