Sanità internazionale 4 aprile 2017

Carenza di medici in Francia: ecco le proposte dei candidati alle Elezioni Presidenziali

In 148 cantoni francesi non ci sono medici generici, in 581 non c’è un dentista. Il problema si è aggravato negli ultimi anni (nel 2010 l’assenza di medici generici riguardava 91 cantoni), interessa soprattutto le zone rurali e periferiche, anche se l’Associazione dei Sindaci Francesi (AMF) sottolinea che il problema riguarda anche zone frontaliere, specialmente […]

In 148 cantoni francesi non ci sono medici generici, in 581 non c’è un dentista. Il problema si è aggravato negli ultimi anni (nel 2010 l’assenza di medici generici riguardava 91 cantoni), interessa soprattutto le zone rurali e periferiche, anche se l’Associazione dei Sindaci Francesi (AMF) sottolinea che il problema riguarda anche zone frontaliere, specialmente al confine con la Svizzera, dove molti medici francesi decidono di trasferirsi, e Parigi, dove i prezzi degli immobili sono eccessivamente elevati.

Il problema coinvolge più di 7 milioni di francesi (il 10,4% della popolazione), costretti a recarsi in strutture preposte per le cure urgenti a mezz’ora dal loro domicilio. Secondo Le Monde, il 72% dei pazienti rinuncia alle cure, scoraggiati non solo dalle lunghe attese e dai costi, ma anche dalle eccessive distanze.  Inoltre, sono registrate altissime discrepanze nel tasso di mortalità nei vari comuni francesi: se a Parigi il tasso è del -3% rispetto alla media nazionale, nel Comune di Hénin-Beaumont, vicino al confine con il Belgio, il dato è più alto del 61%.

Mentre il gruppo di lavoro istituito ‘ad hoc’ dal Senato francese continua ad esaminare il problema e cercare delle soluzioni appropriate, il tema è stato affrontato anche dai candidati alle elezioni presidenziali che si svolgeranno il 23 aprile. Se per Benoît Hamon (candidato Partito Socialista) la soluzione potrebbe essere non rilasciare le convenzioni ai medici che vogliono lavorare nelle aree dove non c’è necessità di personale, per Francois Fillon (candidato Partito Repubblicano) bisognerebbe sfruttare la telemedicina. Jean-Luc Mélenchon (candidato Partito di Sinistra) propone invece incentivi economici a coloro che sono disposti a trasferirsi nelle aree dove la carenza di dottori è più rilevante mentre Marine Le Pen (candidata Fronte Nazionale) invierebbe in queste aree gli studenti di medicina per fargli svolgere stage. Infine, Emmanuel Macron (En Marche!) vorrebbe raddoppiare il numero delle “maisons medicales”, poliambulatori simili alle nostre guardie mediche, che permetterebbero di favorire la capillarità della rete.

Nel dibattito sono intervenute anche le agenzie di collocamento europee, che propongono, come soluzione, d’importare medici dagli altri Paesi europei per ripopolare le aree sguarnite di medici. Stipendi più remunerativi rispetto a quelli italiani, potrebbero attrarre i camici bianchi nostrani in possesso di una certificazione di livello A2 in francese, convincendoli ad emigrare per esercitare altrove.

Per approfondire:

In Francia è caccia ai camici bianchi italiani. La parola a un giovane medico italiano Oltralpe…

Articoli correlati
Macron e la sanità: ecco quello che cambierà in Francia
Macron è il nuovo presidente francese: ecco quello che cambierà per medici, ospedali e sanità. “Le Quotidien” riassume i principali cambiamenti promessi che riguardano la professione e il settore sanitario. Le scelte principali di politica sanitaria seguiranno per lo più la scia del quinquennio precedente, ma scaveranno anche diversi nuovi solchi. Innanzitutto Macron promette una […]
«Macron all’Eliseo e la sfida sui ‘deserti medici’». Parla un medico italiano in Francia
La sanità nel programma del nuovo Presidente francese. Tra le proposte più significative: risolvere l'assenza di camici bianchi nelle zone rurali del Paese e garantire un rimborso al 100% di apparecchi e strumenti medici utili al paziente. Ecco l'intervista a uno specialista in medicina fisica e riabilitativa…
Onu: l’Italia non è un Paese a misura di persona disabile. E all’estero qual è la situazione?
Come funziona l’assistenza sanitaria all’estero? Nel resto del mondo gli spazi sono più confacenti alle loro necessità? «In Italia prevale la diffidenza…», ecco il punto di vista delle famiglie…
In Francia è caccia ai camici bianchi italiani. La parola a un giovane medico italiano Oltralpe…
L’Europa del nord corteggia i medici italiani. Francesco Macrì Gerasoli, calabrese di Siderno, Responsabile Radiologia dell’Ospedale di Nîmes: «La nostra preparazione teorica non ha confronto, dovremmo incrementare la pratica che in Italia è carente»
«I nostri giovani chirurghi scappano all’estero». SIC spiega perché e come evitare la “fuga”
Risorse, formazione, aggiornamento ECM le note dolenti. Ma le iniziative delle Società Scientifica e le partnership per gli under 35 possono finalmente segnare una svolta. Intervista al Segretario/Tesoriere di Sic, il dottor Luciano Landa.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...