Sanità internazionale 3 agosto 2018

Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve

Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]

Immagine articolo

Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno starebbe pensando per far fronte alla crescente carenza di medici all’interno del National Health Service.

Attualmente, dopo la laurea (di quattro anni) ai neo-dottori è richiesto di svolgere un altro anno di formazione lavorando come medici junior. In questo modo, raggiungono i cinque anni previsti dalle norme UE. La proposta prevede invece l’eliminazione dell’anno di lavoro e la possibilità quindi di esercitare la professione in quanto medici a tutti gli effetti subito dopo i quattro anni di studi universitari.

In questo modo, oltre a garantire un ricambio generazionale più veloce e massiccio e l’iniezione di nuova linfa nelle corsie degli ospedali di Sua Maestà, si assicurerebbe anche un risparmio di diversi milioni di sterline che potrebbero essere investiti nella formazione di altri studenti.

Un’altra proposta circolata nei corridoi di Westminster e di Downing Street prevede la conversione del percorso formativo di alcune professioni sanitarie, come ad esempio quello dei fisioterapisti, in lauree più brevi delle attuali quinquennali. Oppure, ancora, si pensa a periodi di apprendistato da svolgere in Gran Bretagna da proporre agli studenti di medicina che, non essendo riusciti ad entrare in graduatoria, hanno deciso di studiare all’estero. In questo modo, sarebbero incoraggiati a tornare a casa ed a lavorare nel NHS.

«Ci sono anche effetti positivi che la Brexit può offrirci» ha commentato il membro della Camera dei Lord conservatore Stephen Barclay, nel tentativo di distrarre l’opinione pubblica dall’«isteria» provocata dalle prospettive che vedono, in caso di assenza di accordo, una Gran Bretagna senza farmaci. «C’è la necessità di aumentare il numero di medici e professionisti sanitari e queste potrebbero essere alcune soluzioni per centrare l’obiettivo».

Al contrario, le associazioni di pazienti hanno già iniziato a lanciare l’allarme: «Qualunque modifica al percorso formativo dei medici – ha dichiarato Peter Walsh di Action Against Medical Accident – deve essere sottoposto ad un’attenta analisi, prestando particolare attenzione alle implicazioni che può avere sulla qualità delle cure e sulla sicurezza dei pazienti. C’è un motivo per cui ora sono necessari cinque anni per formare adeguatamente un medico. Abbassare l’asticella e cercare una soluzione semplice e rapida al problema della carenza dei medici possono avere delle pericolose ed inattese conseguenze».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ANCHE LA FIASO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI NE MANCHERANNO QUASI 12MILA, MAGGIOR NUMERO TRA ANESTESISTI»

Articoli correlati
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Sanità, Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Ministero Salute non sia subordinato al MEF. Aumentare al più presto contratti specializzazione»
Dalla governance farmaceutica alle liste d’attesa, intervista all’assessore Giulio Gallera: «Fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare o aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico»
Aggressioni ai medici, Ministro Grillo: «È emergenza, ho chiesto militari in ospedale come soluzione tampone per arginare il fenomeno»
Nella seconda parte dell’audizione alle Commissioni Affari Sociali e Sanità riunite la titolare della Salute ha affrontato anche il tema della formazione post laurea: «Ho in mente schema che riprende il percorso europeo sulla formazione-lavoro, senza bloccare i neo laureati»
Conferenza Regioni, via libera al riparto di 110,1 miliardi del fondo sanitario. Borse MMG aumentano di 800 unità
Assegnati 75 milioni del Fondo disabili alle Regioni a statuto ordinario. Saitta (Coordinatore Commissione Salute): «Gli specializzandi dell’ultimo anno operino immediatamente nell’ambito del sistema sanitario. L'auspicio è che il Governo riallinei il Fondo sanitario a livelli pari a quelli di altri Paesi europei e che soprattutto termini la stagione dei tagli»
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...