Sanità internazionale 25 luglio 2017

Brexit, i britannici rischiano di perdere la copertura sanitaria nei Paesi UE

Tra le possibili conseguenze dell’uscita del Regno Unito dall’UE c’è anche il rischio che i cittadini britannici perdano il diritto alla Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), nient’altro che il retro della nostra tessera sanitaria, che, in caso di cure somministrate in un Paese UE diverso da quello di cittadinanza, consente al cittadino europeo di […]

Tra le possibili conseguenze dell’uscita del Regno Unito dall’UE c’è anche il rischio che i cittadini britannici perdano il diritto alla Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), nient’altro che il retro della nostra tessera sanitaria, che, in caso di cure somministrate in un Paese UE diverso da quello di cittadinanza, consente al cittadino europeo di ricevere le prestazioni alle stesse condizioni e allo stesso costo degli assistiti del Paese in cui ci si trova. Se un cittadino UK, ad esempio, si sente male in vacanza in Italia, potrà essere visitato e curato in un ospedale pubblico al solo prezzo del ticket. Forse, però, fino al 29 marzo 2019. I funzionari della Commissione Europea, infatti, hanno messo sul tavolo dei negoziati per la Brexit anche la TEAM: «Brexit significa questo», commentano fonti dell’Unione. David Davis, che guida la delegazione del Regno Unito nei negoziati, replica: «Stiamo cercando di trovare un modo per mantenere l’attuale sistema della TEAM anche dopo la fuoriuscita del Regno Unito dall’Unione», facendo magari pesare il fatto che anche i cittadini di Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera godono di questo diritto pur non essendo Paesi UE. Senza la TEAM i turisti, ad esempio, dovranno pagare di tasca propria le spese sanitarie o stipulare un’assicurazione. Ma il problema toccherà più da vicino il milione di britannici che risiede in altri Stati membri che, se la misura dovesse passare, dovranno adeguarsi in qualche modo alla novità.

«Quello che stiamo cercando di fare sul tema dei diritti di cittadinanza è di arrivare a un accordo reciproco che porti alla conservazione dei diritti esistenti», ha dichiarato al Telegraph un funzionario che si occupa dei negoziati per parte europea. «Quello che stiamo offrendo ai cittadini europei che vivono nel Regno Unito è giusto – continua il funzionario -. Ci aspettiamo che i nostri cittadini che vivono nei Paesi membri vengano trattati con lo stesso rispetto».

Il dibattito è vivace, i punti di vista sono ovviamente diversi. I negoziati procederanno nei prossimi mesi, quando verranno discusse e affrontate anche queste questioni. Sicuramente, qualunque sarà il risultato delle trattative, il Regno Unito ha dinanzi a sé un periodo di forti e importanti cambiamenti che riguarderanno gli aspetti più diversi della vita dei suoi cittadini.

Per approfondire l’argomento, leggi l’articolo sul Telegraph.

Articoli correlati
UK, Theresa May “regala” 20 miliardi di sterline per i 70 anni del servizio sanitario grazie alla Brexit. E a più tasse
Il Primo Ministro britannico intende mantenere la promessa sbandierata nella campagna elettorale per l’uscita dall’Unione Europea: i contributi al bilancio di Bruxelles saranno destinati al NHS. Ma per gli esperti i conti non tornano…
Crisi NHS, Theresa May promette finanziamenti. E la salute degli inglesi inizia a peggiorare
Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% […]
Turismo sanitario, per evitare le lunghe liste d’attesa gli inglesi scelgono l’Italia
Firmato un accordo tra il Salvator Mundi e l’organizzazione inglese Operations Abroad Worldwide per accogliere a Roma pazienti provenienti dal Regno Unito. Problemi strutturali del servizio pubblico britannico, risparmio economico e la possibilità di richiedere il rimborso delle spese sostenute tra le cause dell’esodo di oltre 50mila pazienti
L’OMS compie 70 anni: milioni di vite salvate, dall’Ebola all’Hiv
Il prossimo 7 aprile l’Oms dedicherà la Giornata Mondiale della Salute al tema della “Copertura sanitaria universale: per tutti e dovunque”. Nonostante i progressi compiuti, sottolinea l’Oms, ancora più di metà della popolazione mondiale non riceve i servizi essenziali di cui avrebbe bisogno. Il World Health Day 2018, sarà l’occasione per richiamare le istituzioni di tutto […]
Vaccini, Commissario UE a M5S: «Basta fake news. Ora hanno responsabilità sulla salute degli italiani»
ESCLUSIVA | Vytenis Andriukaitis (Commissario UE Salute) a Sanità Informazione: «Parlamento e Governo dovranno presentarci le loro decisioni e stabilire se basarle su fake news o sulla scienza». Poi affronta i principali temi sul tavolo: il dopo Brexit per i medici e i sanitari italiani che lavorano nel Regno Unito e la sfida della cronicità che affligge tutta Europa
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...