Sanità internazionale 12 settembre 2016

«Basta fare congetture sulla salute di Trump e Clinton». Ma la Clinton sta male davvero

«Fare diagnosi sui candidati politici e qualsiasi altra persona senza averli prima visitati è eticamente spregevole». Lo afferma il dottor Art Caplan dal Dipartimento di etica medica del NYU Langone Medical Center’s che, in occasione delle elezioni presidenziali, denuncia medici e psicologi con il vizio di fare diagnosi sui candidati alle prossime presidenziali americane, Donald […]

«Fare diagnosi sui candidati politici e qualsiasi altra persona senza averli prima visitati è eticamente spregevole». Lo afferma il dottor Art Caplan dal Dipartimento di etica medica del NYU Langone Medical Center’s che, in occasione delle elezioni presidenziali, denuncia medici e psicologi con il vizio di fare diagnosi sui candidati alle prossime presidenziali americane, Donald Trump e Hilary Clinton, senza alcun esame o dato certo, ma solo sull’osservazione di alcuni comportamenti a distanza. Donald Trump, ad esempio, è stato oggetto di diagnosi psicologiche e psichiatriche da professionisti mai incontrati. Allo stesso modo, Hilary Clinton è stata al centro di congetture sulla sua resistenza fisica e sulle sue condizioni neurologiche. Tuttavia, in questo caso, sembra che il candidato democratico abbia effettivamente manifestato qualche malessere l’11 settembre durante la cerimonia di commemorazione, confermati poi dalla notizia che due giorni prima le era stata diagnosticata dal suo medico una polmonite. Questo è ben diverso da fare supposizioni semplicemente guardando comportamenti intermittenti e incompleti di una persona a distanza senza comunicare con lei o sottoporla ad esami adeguati. «La medicina non è una specie di fenomeno psichico in cui basta vedere la persona per dire se è sana o no», dice il dottor Caplan, chiarendo che non si tratta di telemedicina, la quale è invece molto utile in caso di difficoltà di spostamento da parte del paziente o del medico. «Se un medico non apprezza un candidato politico deve scagliarsi contro la sua politica, non contro la sua salute».

Articoli correlati
Telemedicina in Francia, l’FHF: «Pratica in espansione, ma servono finanziamenti»
Diagnosi più precise prima del ricovero e assistenza migliore una volta che il paziente è tornato a casa. La telemedicina fa questo ed altro. È per questo che in Francia, dopo essere già stata sperimentata sotto varie forme, prende sempre più piede. A qualche giorno dalla presentazione (prevista per il 23 settembre) del progetto di […]
Sanità internazionale
La corsa delle App mediche 
Il bollettino del Ministero
Non perdete fiducia nelle vaccinazioni
di Ministero della Salute
Telemedicina, un salto in avanti per le nuove tecnologie
La Sanità italiana al banco di prova su un fenomeno che riscrive le regole del gioco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Lavoro

Miraggio contratto, Cavallero (Cosmed): «Non giochiamo a Robin Hood. Grave ipotesi di un rinnovo senza aumento alla dirigenza»

Intervista al segretario generale Cosmed Giorgio Cavallero sul rinnovo contrattuale dei medici: «Speriamo che trattativa inizi presto, ma aspettiamo atto di indirizzo e Legge di bilancio. E senza fon...