Sanità internazionale 16 luglio 2018

In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali

No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto. Alle famiglie vengono tolti 28 dollari […]

Immagine articolo

No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto.

Alle famiglie vengono tolti 28 dollari ogni due settimane per ogni figlio di meno di 19 anni non vaccinato. Sono circa 730 dollari l’anno, che diventano 1460 se si hanno due figli e più di 2mila dollari se se ne hanno tre. Cifre importanti, per una famiglia.

È interessante però leggere le motivazioni che hanno spinto gli australiani a trattenere i soldi due volte al mese e non tutti insieme una volta l’anno: si tratta infatti di un «promemoria continuo dei rischi che i genitori fanno correre non solo ai propri figli ma anche a quelli degli altri». Esenti dalla misura, ovviamente, i bimbi che non possono vaccinarsi per problemi di salute certificati dal medico di famiglia.

Niente sanzioni amministrative quindi, niente autocertificazioni. E questa è solo una delle tante misure adottate in molti Paesi del mondo in cui le percentuali di vaccinati sono inferiori a quelle raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Francia due anni fa due genitori che si erano rifiutati di vaccinare i figli sono stati condannati a due mesi di prigione; l’iscrizione a scuola è preclusa ai non vaccinati negli Stati Uniti e in Canada; in Germania i genitori no-vax devono firmare una liberatoria assumendosi tutte le responsabilità e le spese sanitarie per i propri figli e per le eventuali persone contagiate.

Insomma, i metodi possono essere tanti e differenti tra loro, ma l’obiettivo è sempre lo stesso: raggiungere il 95% di vaccinati per assicurare la copertura di gregge. Misure che sono state e possono essere efficaci, ma che non convincono i più contrari. Tornando nella terra dei canguri, i no-vax si sono ben organizzati con medici “vicini agli anti-vaccinisti” che curano i figli. Allo stesso modo appena è entrato in vigore l’obbligo vaccinale in Italia molti genitori, non potendo iscrivere a scuola i propri figli, si sono organizzati con lezioni a domicilio. Le vie per scappare dai vaccini sono infinite.

LEGGI ANCHE: VACCINI, SIANI (PD): «AUTOCERTIFICAZIONE SIA TRANSITORIA. MANTENIAMO OBBLIGO PER DUE ANNI E POI PROVIAMO A CONVINCERE LE FAMIGLIE»

Articoli correlati
Vaccini, Baroni (M5S): «Non siamo contro, obbligatorietà resta. Daremo attuazione ad anagrafe vaccinale»
«Verranno potenziate campagne di sensibilizzazione e informazione tramite medici, pediatri e i centri vaccinali preposti», sottolinea il Capogruppo in Commissione Affari Sociali del Movimento Cinque Stelle
Vaccini, Grillo: «Pronto ddl su obbligo flessibile». E difende autocertificazione: «Ci sarà anche nel 2018»
La titolare della Salute conferma: «Prediligeremo il metodo della raccomandazione. Poi campagna di comunicazione». E annuncia misure contro il conflitto di interessi in ambito sanitario
Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola
I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»
Il premier Conte: «Non toccheremo la sanità nella prossima manovra». Sui vaccini: «Garantire diritto alla salute e all’istruzione»
Il Presidente del Consiglio parla della prossima legge di bilancio: «Non andremo a toccare settori strategici come sanità, scuola, ricerca perché assicurano una prospettiva di sviluppo». E rivela: «Mio figlio ha fatto tutte le vaccinazioni d’obbligo, l’ho accompagnato io»
Vaccini, ancora polemiche. Barillari: «Politica viene prima di scienza». M5S: «Prendiamo le distanze»
In un post su Fb il Consigliere regionale del Lazio vicino al mondo no vax attacca: «I politici devono ascoltare la scienza, collaborare, non farsi ordinare cosa è giusto e cosa è sbagliato». La replica del Movimento: «Linea è quella del Ministro Grillo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...