Sanità internazionale 3 maggio 2017

In Africa la prima campagna di vaccinazione su larga scala contro la malaria

Sono circa 430mila le persone che ogni anno muoiono a causa della malaria, malattia causata dalla puntura di alcune specie di zanzara. Il 92% di questi casi si registra in Africa. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che in tre stati africani, Kenya, Ghana e Malawi, nel 2018 si darà il via […]

Sono circa 430mila le persone che ogni anno muoiono a causa della malaria, malattia causata dalla puntura di alcune specie di zanzara. Il 92% di questi casi si registra in Africa. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che in tre stati africani, Kenya, Ghana e Malawi, nel 2018 si darà il via al primo progetto pilota che, in tre anni, porterà alla vaccinazione contro la malaria di circa 750 mila bambini tra i 5 e 17 mesi.

La scelta è caduta su questi tre Stati poiché annoverano un tasso di malati particolarmente elevato e, per limitare il problema, hanno già avviato dei programmi anti – malaria che stanno raggiungendo i primi risultati: grazie agli sforzi fatti negli ultimi 15 anni i decessi sono diminuiti del 62%. L’obiettivo, secondo l’OMS, è di continuare su questa strada e salvare migliaia di vite, riducendo di un terzo le infezioni più gravi e il ricovero di bambini per complicazioni, spesso molto gravi, legate alla malattia. Inoltre, il progetto è volto a valutare la reale efficacia del vaccino sul campo e la realizzabilità di una tale campagna su ampia scala. Il problema principale del vaccino, infatti, è legato alla necessità di somministrarne 4 diverse dosi, una al mese per tre mesi e un’altra dopo 18 mesi. Quest’ultima è la più importante, senza la quale l’efficacia della vaccinazione è notevolmente ridotta. La sfida sarà proprio far capire alle popolazioni l’importanza di sottoporsi a tutti e quattro i richiami e di seguire le indicazioni dei medici, permettendo loro di monitorare i pazienti e la situazione sanitaria generale delle regioni in cui verranno somministrate le dosi.

Saranno i governi dei tre Stati a stabilire quali aree del paese sottoporre al programma, dando ovviamente priorità alle zone con un rischio più elevato, rispettando comunque il coordinamento dell’OMS e di altre organizzazioni sanitarie. Il vaccino RTS,S-Mosquirix è stato sviluppato negli ultimi 25 anni dall’azienda farmaceutica inglese GlaxoSmithKline e finanziato in parte dalla fondazione di Bill e Melinda Gates. Si stima che sarà in grado di prevenire 4 casi di malaria su 10, insegnando al sistema immunitario come attaccare il parassita che causa la malattia.

ANCORA DAL MONDO….

Macron vs Le Pen. I due candidati alle Primarie francesi si sfidano a colpi di sanità. Atteso per domenica il verdetto finale. Intanto sul fronte sanità ecco le proposte: Marine Le Pen vuole aumentare il numero chiuso per l’accesso ai corsi universitari e per le specializzazioni, con l’obiettivo di frenare l’afflusso di medici dall’estero. Inoltre,  vuole avviare molti pensionamenti attesi”. Emmanuel Macron vuole risparmiare denaro eliminando la l’Aide Médicale d’Etat (AME), rinvigorire la lotta contro le frodi, ridurre il prezzo dei farmaci costosi e renderne altri rimborsabili. Ne parla francetvinfo.fr

Innovazione in medicina. Un tavolo virtuale per studiare l’anatomia del corpo umano. Si chiama Anatomage ed è il nuovo acquisto della Scuola di medicina dell’Università di Bari, presentato agli studenti nell’aula magna del Policlinico. Anatomage è una creatura della Silicon Valley, utilizzata da centinaia di atenei in tutto il mondo. Ne parla Repubblica.it

 

Articoli correlati
Corte Costituzionale: «Legittimo obbligo vaccini»
La Corte Costituzionale “ha dichiarato non fondate tutte le questioni prospettate”. Così ha risposto la Consulta in merito al ricorso della Regione Veneto sul decreto legge n. 73 del 2017, convertito nella legge n. 119 del 2017, in materia di vaccinazioni obbligatorie per i minori fino a 16 anni di età. In una nota si […]
Più di 37mila non sono in regola con l’obbligo vaccinale
Secondo quanto stabilito dalla nuova legge sui vaccini, il termine ultimo per presentare a scuola i certificati vaccinali o l’autocertificazione era il 31 ottobre scorso. Come si legge sul sito della Regione Lombardia, a due settimane dalla scadenza sono più di 37mila bambini e ragazzi – dai 6 fino ai 16 anni – che non […]
Vaccini, emendamento alla manovra. Stop autocertificazione, Asl invieranno liste non vaccinati alle scuole
Dopo mesi di dibattiti, discussioni e polemiche si è arrivati ad una semplificazione dell’iter vaccinale: come riporta Il Messaggero, dal prossimo anno saranno direttamente le Asl a inviare alle scuole i certificati sulle vaccinazioni degli studenti. Ѐstato approvato ieri, infatti, il provvedimento pensato per ridurre tempi e disagi alle famiglie con un emendamento al decreto fiscale collegato alla […]
Roberto Burioni, il paladino dei vaccini tra allarme tubercolosi e ‘somari’ all’italiana…
«La medicina non è democratica e chi si rivolge al dottor Google e alla dottoressa Wikipedia è ‘un somaro’». La  parola al virologo del San Raffaele ‘paladino’ dei vaccini e autore di un nuovo libro
di Lucia Oggianu
Global Nutrition Summit a Milano: Nutrition for Growth
Sabato 4 novembre si terrà a Milano, presso il Palazzo Reale, il Global Nutrition Summit 2017. La manifestazione, di portata internazionale,  è organizzata in collaborazione con il Comune di Milano e con la partnership, tra altri, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) e la Bill & Melinda Gates […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...