Politica 10 gennaio 2017

Tè verde, finocchio e ananas vietati. Perchè il Ministero li mette al bando…

Vietato l’utilizzo di alcuni principi attivi nelle preparazioni galeniche realizzate in farmacia. Immediata la reazione del mondo farmaceutico, Vittorio Contarina (Federfarma Roma): «Una decisione che uccide cento anni di galenica»

Il Ministero della Salute emana un decreto che vieta quaranta principi attivi per la preparazione di farmaci galenici dimagranti. Il decreto firmato il 22 dicembre e operativo dal 2 gennaio è «a scopo cautelativo», si legge sul testo a firma del Ministero «è fatto divieto ai medici di prescrivere e ai farmacisti di eseguire preparazioni magistrali contenenti principi attivi finora noti per essere impiegati nelle preparazioni galeniche a scopo dimagrante, per i quali non esistono studi e lavori apparsi su pubblicazioni scientifiche accreditate in campo internazionale che ne dimostrino la sicurezza in associazione».

Dunque il Ministero valuta rischiose alcune sostanze utili a realizzare preparati snellenti e ne ha vietato la prescrizione da parte dei medici e la conseguente preparazione ad opera dei farmacisti. A fare eco al Ministero anche l’Istituto Superiore di Sanità: «L’assenza di indicazioni approvate – si legge in una nota – indica che il profilo beneficio-rischio di questi farmaci nelle diete dimagranti è sfavorevole o che, quanto meno, gli studi disponibili non supportano un possibile loro uso nel trattamento dell’obesità».

La motivazione fulcro del divieto è che, relativamente a questi componenti naturali, non esistono studi scientifici che ne attestino la validità ma soprattutto l’inoffensività per la salute soprattutto se combinati all’assunzione di altri farmaci. Tra le sostanze bandite rientrano anche ingredienti piuttosto comuni e generalmente considerati innocui come il finocchio, il rabarbaro, l’ananas, l’arancio amaro e il tè verde.

Il decreto ha suscitato il malcontento del mondo farmaceutico. Istantanea la risposta di Federfarma che chiede urgente incontro con l’AIFA per avviare un opportuno tavolo di approfondimento. Sul tema Sanità Informazione ha interpellato il Presidente di Federfarma Roma, Vittorio Contarina: «Questo è un decreto che uccide la galenica in farmacia – afferma perentoriamente -. Stiamo parlando di sostanze che sono presenti in tantissimi alimenti. Si parla di ananas, finocchio, componenti assunti da centinaia di anni. Non è chiaro se questi elementi siano stati vietati solo nelle composizioni dietetiche o anche per tutte le altre soluzioni, attendiamo specifiche». Il punto è, prosegue Contarina, che «non si possono cancellare secoli di studi di letteratura farmacistica e di storia della farmacopea. Concordo con il Ministero perché si facciano delle indagini più approfondite ma non si può fare di tutta l’erba un fascio e vietare ingredienti naturali finora utilizzati comunemente».

Ecco la gallery delle sostanze messe al bando dal decreto ministeriale

Articoli correlati
Bologna, M5S: «Riconoscere l’estetica oncologica»
«La Regione Emilia-Romagna chieda al ministero della Salute di riconoscere la figura professionale in estetica oncologica». Ѐquesta la richiesta di Silvia Piccinini, capogruppo regionale del Movimento 5 stelle contenuta in una risoluzione che sarà discussa nelle prossime sedute dell’Assemblea legislativa. «Visto che ad una nostra interrogazione presentata qualche settimana fa, che chiedeva appunto l’inserimento dei tatuaggi medici tra i […]
Medicina Generale, firmato il Decreto che consente lo scorrimento della graduatoria per sei mesi
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha consegnato il Decreto ai nuovi vertici della Federazione Nazionale Ordini dei Medici
Legge Lorenzin, Nausicaa Orlandi (Presidente Consiglio Nazionale dei Chimici): «Riconosciuta valenza dei Chimici per tutela della salute»
Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della Legge Lorenzin, si apre una nuova era per i Chimici italiani. La Legge n. 3 dell’11 gennaio 2018 (“Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie  e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”) porterà dal 15 febbraio 2018, […]
Napoli, detrazione del 19% sugli alimenti aproteici per chi ha malattie renali croniche
Una buona notizia per gli oltre 348.000 pazienti nefropatici residenti in Campania: potranno infatti usufruire di una detrazione del 19% sull’acquisto di alimenti aproteici. Un’opportunità di risparmio che ad oggi è l’unica, dato che la Regione non prevede alcun tipo di rimborso sull’acquisto di questi alimenti, nonostante per chi soffre di insufficienza renale siano stati […]
Infezioni sessualmente trasmissibili in aumento: a rischio la fascia tra 15 e 24 anni
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a livello globale, l’incidenza delle infezioni sessualmente trasmissibili è calcolata in un milione di nuove infezioni al giorno. In Italia, la fascia d’età più a rischio è quella dei giovani tra i 15 e i 24 anni, poco informati su come prevenirle, come si contraggono e come si curano. Per questo, nasce la […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...