Salute 8 agosto 2017

Velocità e precisione: all’Ifo di Roma arriva Cyberknife, il robot che rivoluziona la radiochirurgia

Precisione, salvaguardia dei tessuti sani, minore invasività, riduzione degli effetti collaterali e del dolore. Sono questi i benefici di CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità Informazione

Un robot in sala operatoria. CyberKnife è un sistema innovativo per la radiochirurgia unico per potenzialità e precisione del trattamento dei tumori. Ѐ stato installato nel reparto di Radioterapia dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e rappresenta una nuova soluzione terapeutica per i pazienti affetti da patologie oncologiche. Minore invasività, riduzione degli effetti collaterali, precisione e salvaguardia dei tessuti sani, riduzione del dolore; sono solo alcuni dei benefici di una terapia con CyberKnife rispetto alle procedure di radioterapia tradizionali. Giuseppe Sanguineti, Direttore di Radioterapia oncologica dell’Ifo, lo definisce una vera rivoluzione e descrive le peculiarità e le funzionalità ai microfoni di Sanità informazione.

«CyberKnife – spiega il Direttore Sanguineti – è un macchinario molto innovativo in quanto coniuga il regolatore di radiazioni ad alta energia con un braccio robotizzato, in maniera tale da garantire un’estrema precisione. L’altra caratteristica fondamentale ed unica di questa macchina è la possibilità di tracciare la posizione del target, e dunque della malattia, nel tempo».

CyberKnife può essere utilizzato in tutte le aree del corpo dove c’è la possibilità di sfruttarne al massimo i vantaggi ma la portata del beneficio dipende da tanti fattori; l’estensione e la gravità della malattia e la vicinanza agli organi sani. Una visita radioterapica è in grado di determinare se ci sono le condizioni per un eventuale ricorso al CyberKnife: «Il paziente eleggibile per questo tipo di trattamento – continua Sanguineti – non è il paziente comune ma è un paziente particolare. Questo tipo di trattamento è nato e si è sviluppato per tumori della colonna spinale, dell’encefalo, per poi coprire anche altre zone del corpo. Deve essere un tumore di dimensioni relativamente modeste e deve essere tracciabile. Ѐ evidente che la tracciabilità è variabile, in quanto dipende sia dalla malattia che dal paziente». Questo macchinario diminuisce il numero di interventi sul paziente? «Sotto certi punti di vista è un’alternativa non invasiva alla chirurgia e quindi, in questo senso, sì, diminuisce il numero di interventi sul paziente». Sanguineti però non si sbilancia sulla platea di pazienti che è possibile trattare. «È difficile fare una stima perché dipende dalla realtà clinica, dal tipo di pazienti che si trattano. Posso dire che per un tumore al polmone in fase iniziale è una valida alternativa all’operazione chirurgica».

Articoli correlati
Assistenza ai disabili, Fiorda (Opi Roma): «Li accompagnamo verso autosufficienza. Ma servono percorsi formativi ad hoc»
«Non esiste una formazione specifica per l’infermiere che assiste il disabile, ma l’invecchiamento della popolazione e l’aumento delle disabilità richiedono un implemento delle specialistiche post-laurea. Prevedere l’infermiere per le persone con disabilità anche nelle scuole». Parla Maurizio Fiorda, consigliere dell’Opi di Roma
di Isabella Faggiano
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola
I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»
Aggressioni medici, Prefettura Crotone: «Aumenterà la vigilanza»
«L’ospedale di Crotone sarà oggetto di costante vigilanza, anche tenuto conto dell’importante afflusso di turisti per il periodo estivo. In particolare l’area esterna sarà presidiata con frequenti controlli da parte delle forze dell’ordine mentre i reparti dell’ospedale e il pronto soccorso saranno monitorati con maggiore intensità dal personale di vigilanza privata, soprattutto nella fascia serale». […]
L’INTERVENTO | Nuovi LEA, Cartabellotta (GIMBE): «Senza adeguato finanziamento SSN saranno illusione collettiva»
«L’accessibilità alla maggior parte delle nuove prestazioni è un miraggio, dalle regioni silenzio ‘sospetto’ su copertura economica», il punto di vista del Presidente della fondazione GIMBE
di Nino Cartabellotta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...