Salute 15 novembre 2016

Psicosi vaccini, la parola a Piero Angela: «Medici ecco quello che non sapete…»

Il popolare conduttore televisivo al convegno di FNOMCeO ed Eaci al Ministero della Salute: «Date retta alle autorità sanitarie, fate vaccinare i vostri figli. Non ascoltate voci non autorevoli prive di consistenza»

Vaccini, il tema delle coperture, soprattutto in età pediatrica, è un argomento tabù che crea tensioni non solo all’interno dell’opinione pubblica ma anche nella comunità scientifica. I dati pubblicati dal Ministero della Salute, relativi alle coperture del 2015, segnalano una diminuzione dei vaccini che vengono somministrati nei primi 24 mesi di vita del bambino, escluse le coperture per meningococco C e pneumococco, che mostrano invece un incremento.

Quanto i mass media e internet contano nel processo di disinformazione sui vaccini che genera una psicosi sempre più diffusa? Sanità Informazione lo ha chiesto a Piero Angela, divulgatore scientifico e famoso conduttore televisivo, appena insignito della Laurea Honoris Causa in Scienza e Tecnologia dei Materiali che gli è stata consegnata presso l’Università di Tor Vergata il 14 novembre scorso.

«Il problema rispetto alla paura dei vaccini si risolve facilmente, – spiega il giornalista televisivo in occasione del convegno “Perché vaccinarsi: il ruolo dei media per una cultura della prevenzione”, organizzato dalla FNOMCeO  insieme all’Eaci – l’importante è avere fiducia nella scienza. Dobbiamo ricordare tutti i vantaggi che nel corso del tempo l’umanità ha guadagnato grazie ai vaccini? Un tempo si moriva giovanissimi, si moriva a causa del tifo, del morbillo, malattie oggi debellate o rese inoffensive grazie alla scienza».

«Grazie alle vaccinazioni l’umanità è in salute come non lo è mai stata – prosegue Angela -. Dobbiamo diffidare delle bugie che ci vengono raccontate, informazioni false che girano e che purtroppo sono molto dannose. Date retta alle autorità sanitarie, fate vaccinare i vostri figli. Non ascoltate voci non autorevoli che corrono su internet e che sono completamente prive di alcun valore».

«In tutti i campi ci sono personaggi devianti che hanno opinioni diverse». Piero Angela ricorda il caso esemplare del medico inglese Andrew Wakefield che, insieme a colleghi del Royal Free hospital di Londra, pubblicò sul Lancet, una conosciuta rivista scientifica, una ricerca che evidenziava un probabile legame tra autismo e vaccino trivalente per morbillo, parotite e rosolia.

«La scienza non è fatta di opinioni, – ribadisce – bisogna sempre dimostrare quello che si dice. Ora i vaccini sono stati ampiamente dimostrati, chi ha certe obiezioni non è mai stato in grado di dimostrare il contrario». Infatti da ricordare che Wakefield venne ben presto smentito a causa della irrilevanza e della poca affidabilità delle sue ricerche, inoltre fu possibile dimostrare che il medico inglese aveva agito per interesse visto che aveva richiesto il brevetto per un nuovo vaccino che voleva proporre sul mercato in alternativa a quelli esistenti. «Dunque – conclude Angela – questo medico, ricordiamo tutti, venne radiato dall’Ordine a causa delle sue recriminazioni prive di fondamenta».

Articoli correlati
Morbillo, OMS: «In Europa record di casi negli ultimi dieci anni: nel primo semestre 2018 sono stati 41mila»
I Paesi che hanno registrato più di mille contagi sono l’Italia (con 2029 casi di morbillo), la Francia, la Georgia, la Grecia, la Russia, la Serbia e l’Ucraina. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ricorda: «Per combattere questa malattia mortale è necessario raggiungere il 95% di copertura vaccinale»
Vaccini, Baroni (M5S): «Non siamo contro, obbligatorietà resta. Daremo attuazione ad anagrafe vaccinale»
«Verranno potenziate campagne di sensibilizzazione e informazione tramite medici, pediatri e i centri vaccinali preposti», sottolinea il Capogruppo in Commissione Affari Sociali del Movimento Cinque Stelle
Vaccini, Grillo: «Pronto ddl su obbligo flessibile». E difende autocertificazione: «Ci sarà anche nel 2018»
La titolare della Salute conferma: «Prediligeremo il metodo della raccomandazione. Poi campagna di comunicazione». E annuncia misure contro il conflitto di interessi in ambito sanitario
Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola
I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»
Il premier Conte: «Non toccheremo la sanità nella prossima manovra». Sui vaccini: «Garantire diritto alla salute e all’istruzione»
Il Presidente del Consiglio parla della prossima legge di bilancio: «Non andremo a toccare settori strategici come sanità, scuola, ricerca perché assicurano una prospettiva di sviluppo». E rivela: «Mio figlio ha fatto tutte le vaccinazioni d’obbligo, l’ho accompagnato io»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano