Salute 10 gennaio 2018

Vaccini, interviene l’Ue: «Preoccupati per scetticismo, rafforzeremo sostegno a Stati»

La portavoce alla Salute della Commissione europea, Anca Paduraru, annuncia misure per condividere dati e per lo scambio delle migliori pratiche. Sarà coinvolto il Comitato per la sicurezza sanitaria che si occupa delle minacce sanitarie transfrontalieri della Ue. Intanto si infiamma la polemica politica in Italia

di Giovanni Cedrone

«Siamo molto preoccupati per l’aumento dello scetticismo sui vaccini». Le parole della portavoce della Commissione Ue per la Salute, Anca Paduraru, non lasciano adito a dubbi: a Bruxelles le posizioni anti-vaccini di diversi movimenti populisti preoccupano. E forse non è un caso che le parole della Paduraru arrivano proprio nel giorno in cui il segretario della Lega Matteo Salvini annuncia che, una volta al governo, abolirà le norme sull’obbligo vaccinale introdotto su iniziativa del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha subito replicato bollando l’esternazione di Salvini come una posizione «che mette a rischio la salute dei nostri figli».

La fibrillazione pre-elettorale su un tema delicato come quello dei vaccini deve aver allarmato i vertici Ue. «Vogliamo sottolineare – ha spiegato Paduraru – l’importanza dei programmi di vaccinazione nella protezione della salute pubblica. Ad oggi, la copertura vaccinale rimane elevata nell’Ue», anche se poi ha chiarito che la vaccinazione è «responsabilità degli Stati membri».

In tutti i casi Bruxelles continuerà a vigilare sul tema. «La Commissione – continua Paduraru – è tuttavia impegnata a rafforzare il sostegno dell’Ue agli sforzi nazionali. Collaboreremo con gli Stati membri per sensibilizzare sull’importanza della vaccinazione e sulle possibili conseguenze della mancata vaccinazione». Lo strumento sarà quello del Comitato per la sicurezza sanitaria, che si occupa delle minacce sanitarie transfrontaliere nell’Ue, che avrà il compito di coordinare gli interventi. La portavoce per la salute ha spiegato che sarà possibile, ad esempio «promuovere la condivisione dei dati e lo scambio delle migliori pratiche, fornire supporto tecnico alle campagne nazionali di comunicazione sanitaria e persino agevolare strumenti e pareri scientifici».

Non è la prima volta che Bruxelles interviene sul tema in modo esplicito. A novembre il Commissario alla Salute Vytenis Andriukaitis aveva sottolineato, senza mezzi giri di parole, che i movimenti contrari ai vaccini «ci riportano a periodi in cui non c’era alcuna conoscenza scientifica, ci riportano all’età della pietra».

Articoli correlati
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
HPV, calano le coperture. De Vincenzo (Gemelli): «Estendere gratuità e più promozione nelle scuole»
Profilassi contro il Papillomavirus sotto il 50% per i giovani. L'allarme del Ministero della Salute seguito alla relazione sulle coperture vaccinali 2017. «Vaccino preventivo per tumore cervice ma anche per altre malattie oncologiche» così Rosa De Vincenzo, ginecologa Policlinico Gemelli
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali
No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto. Alle famiglie vengono tolti 28 dollari […]
Vaccini, Siani (Pd): «Autocertificazione sia transitoria. Manteniamo obbligo per due anni e poi proviamo a convincere le famiglie»
Il deputato democratico, pediatra, sottolinea: «Norma non può servire ad aggirare obbligatorietà. Fa intendere ai cittadini che sia scelta politica invece non è così»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...