Salute 9 agosto 2018

Vaccini, Grillo: «Pronto ddl su obbligo flessibile». E difende autocertificazione: «Ci sarà anche nel 2018»

La titolare della Salute conferma: «Prediligeremo il metodo della raccomandazione. Poi campagna di comunicazione». E annuncia misure contro il conflitto di interessi in ambito sanitario

Immagine articolo

Avanti tutta su autocertificazione delle vaccinazioni e sull’obbligo flessibile. Nonostante le polemiche di questi giorni, il Ministro Giulia Grillo non arretra. Ai microfoni di Omnibus, su La7, è arrivato da parte della titolare della Salute l’annuncio della presentazione di un progetto di legge della maggioranza sul tema dei vaccini nel quale sono previste delle misure flessibili di obbligo sui territori, e quindi anche nelle regioni e nei comuni dove ci sono tassi più bassi di copertura vaccinale o emergenze epidemiche. «Sebbene mi prendano in giro su questo punto, l’idea di un obbligo flessibile a seconda dei territori è l’idea più sensata. Ci sono infatti Regioni con 97% delle coperture e altro con l’87%. Da qui la necessità di un obbligo flessibile, la cosa più razionale da fare. In ogni caso da settembre partiremo con una campagna di comunicazione nazionale sul tema, cosa che non era ancora stata fatta», spiega il Ministro.

LEGGI ANCHE: VACCINI, PRESIDI IN RIVOLTA: SENZA CERTIFICATO DELLA ASL NIENTE SCUOLA

Anche sul tema dell’autocertificazione dell’iscrizione scolastica non sembrano all’orizzonte ripensamenti: «Lo strumento dell’autocertificazione è stato usato per tutto il 2017, non capisco questa presa di posizione di ieri. Lo useremo anche per il 2018 perché Lorenzin non ha istituito l’Anagrafe vaccinale nazionale e non volevamo caricare il cittadino di un onere ulteriore costringendolo a fornire tutta la documentazione», ha sottolineato il Ministro che ha criticato i presidi per la dura presa di posizione contro lo strumento: «Trovo davvero surreale tutta questa polemica. Io non c’entro nulla, non esiste una circolare Grillo. Mi sembra una polemica surreale e un atto politico contro di me che non c’entro niente. Ormai ho le spalle larghe e sono abituata. C’è una circolare condivisa Ministero della Salute – Miur antecedente di un mese a questo emendamento sui vaccini approvato in Senato durante l’esame del dl Milleproroghe. E, ripeto, l’autocertificazione è un atto deciso dal precedente governo e che proseguirà».

CONFLITTO DI INTERESSI IN SANITA’

Nella lunga intervista a Omnibus il Ministro ha anche fatto accenno ad alcune misure contro i conflitti di interesse in sanità da concordare con il Presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone: «Mi sono già messa in contatto con il presidente Cantone perchè voglio affrontare insieme a lui alcune misure per contrastare una serie di cose, tra cui quella più importante è il conflitto d’interesse in ambito sanitario. Bisogna intervenire in modo preciso – ha sottolineato il Ministro – perché il conflitto d’interesse, grave in ogni caso, lo è di più in sanità in quanto può provocare gravi danni. Ad esempio molti operatori della sanità operano anche in politica: se sono il proprietario di una struttura sanitaria che riceve soldi pubblici in teoria non dovrei esercitare contemporaneamente un ruolo politico».

LEGGI ANCHE: VACCINI, REGIONI PRONTE A RICORRERE A CONSULTA CONTRO RINVIO OBBLIGO. ANELLI (FNOMCeO):«PARLAMENTO RISPETTI SCIENZA »

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, Baroni (M5S): «Non siamo contro, obbligatorietà resta. Daremo attuazione ad anagrafe vaccinale»
«Verranno potenziate campagne di sensibilizzazione e informazione tramite medici, pediatri e i centri vaccinali preposti», sottolinea il Capogruppo in Commissione Affari Sociali del Movimento Cinque Stelle
Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola
I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»
Aggressioni, Cdm approva disegno di legge: prevista aggravante e osservatorio anti-violenza. Grillo: «Segnale forte»
Integrato articolo 61 Codice Penale, basta anche solo minaccia per aggravio pena. Il Ministro: «Primo ma fondamentale passo». Il Guardasigilli Bonafede: «Così tuteliamo al meglio diritto alla salute»
Il premier Conte: «Non toccheremo la sanità nella prossima manovra». Sui vaccini: «Garantire diritto alla salute e all’istruzione»
Il Presidente del Consiglio parla della prossima legge di bilancio: «Non andremo a toccare settori strategici come sanità, scuola, ricerca perché assicurano una prospettiva di sviluppo». E rivela: «Mio figlio ha fatto tutte le vaccinazioni d’obbligo, l’ho accompagnato io»
L’INTERVENTO | Nuovi LEA, Cartabellotta (GIMBE): «Senza adeguato finanziamento SSN saranno illusione collettiva»
«L’accessibilità alla maggior parte delle nuove prestazioni è un miraggio, dalle regioni silenzio ‘sospetto’ su copertura economica», il punto di vista del Presidente della fondazione GIMBE
di Nino Cartabellotta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...