Salute 6 giugno 2018

Vaccini e autismo, Vicari (Bambino Gesù): «L’unica correlazione è temporale, non esiste un nesso causale»

Per creare una cultura dei vaccini «dobbiamo accogliere le paure dei genitori e non etichettarle come ‘mancanza di civiltà’» così Stefano Vicari, Responsabile Neuropsichiatria Infantile, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Immagine articolo

Sono trascorsi 20 anni da quello studio pubblicato su Lancet, a firma Andrew Wakefield, che sosteneva la correlazione tra autismo e vaccini. È storia nota come finì la carriera del medico inglese quando venne alla luce il suo coinvolgimento in attività fraudolente contro le case farmaceutiche produttrici dei vaccini e il suo tentativo di brevettare un sistema alternativo di profilassi. Nonostante Wakefield sia stato radiato e i suoi studi siano stati ritrattati, ancora oggi la scia delle sue teorie lascia spazio a perplessità e timori. Sul perché il tema vaccini susciti ancora tante polemiche e molteplici resistenze, risponde Stefano Vicari, Responsabile Neuropsichiatria Infantile, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

LEGGI LO SPECIALE VACCINI 

Il timore che il proprio bambino si ammali di autismo è uno dei motivi che spinge alcuni genitori no vax a non vaccinare i figli. Di fatto c’è una correlazione fra autismo e vaccini?

«Nessuna correlazione. Se vogliamo parlare di ‘correlazione’ l’unica che posso considerare è quella temporale. Mi spiego meglio: nel bambino la fase in cui possono cominciare ad insorgere i primi segni di autismo è in quell’arco temporale che va dai 12 ai 18 mesi ed è proprio il periodo in cui ricorrono le vaccinazioni. Questa coincidenza temporale in passato ha fatto temere o ipotizzare che ci potesse essere una correlazione causale, ossia che i vaccini potessero determinare l’autismo. Su questo sono stati condotti tantissimi studi da parte di organismi indipendenti (per capirci non pilotati da case farmaceutiche) come l’organizzazione Mondiale della Sanità, enti che hanno una serietà maggiore di Google o di Facebook e tutti hanno dimostrato un’assenza di correlazione tra vaccino e autismo. Faccio un esempio: in Giappone, un Paese densamente popolato, è stata addirittura sospesa la vaccinazione per un periodo temporale. In quel lasso di tempo i casi di autismo non solo non sono diminuiti ma anche leggermente aumentati. La coincidenza è temporale, non c’è rapporto causale, è come dire che l’estrema unzione si correla alla morte. È ovvio che l’olio santo non provoca il decesso, come i vaccini non provocano l’autismo. Questo è poco ma sicuro».

LEGGI ANCHE: VACCINI, CARSETTI (BAMBINO GESÙ): «ABBIAMO PAURA CHE L’OBBLIGO VACCINALE VENGA ABOLITO»

Dunque, sappiamo cosa può dare origine all’autismo?

«Ahimè no, o meglio sappiamo alcune cose, come per molte malattie, per esempio il cancro, esistono fattori di rischi. Ad esempio la genetica è un fattore elevato di rischio; se una coppia ha già un figlio autistico (sia che venga vaccinato oppure no) la possibilità che anche un secondogenito sia autistico aumenta. Pensi soltanto che la probabilità di avere un figlio autistico senza predisposizione genetica è dell’1%, ma se c’è propensione familiare il rischio sale al 26%. Inoltre sappiamo che ci sono fattori ambientali che possono facilitare la comparsa, per esempio la nascita gravemente prematura oppure una condizione di sottopeso. Ma anche l’assunzione durante la gravidanza di sostanze psicotrope, alcol, fumo in grande quantità, possono influire come l’età paterna al momento del concepimento. Infatti quando il padre ha più di 50 anni il rischio sale. Altro elemento da considerare è l’esposizione ad agenti inquinanti: ci sono degli studi che documentano che vivere al piano terra di una grande città comporta una probabilità maggiore di incorrere nel rischio autismo rispetto che vivere all’ultimo piano dove l’esposizione agli idrocarburi è minore. Quindi l’autismo, come altre malattie, riconosce più fattori che possono intervenire insieme – con proporzioni diverse – nel determinare l’autismo nel bambino».

Quali consigli darebbe ai pediatri e ai medici di base per creare una cultura delle vaccinazioni?

«Io ritengo sia necessario più che altro intervenire sui genitori. In che modo? Noi medici dobbiamo essere empatici con i genitori e accogliere la loro preoccupazione più che legittima perché le informazioni che troviamo sono moltissime, spesso non controllate. Dobbiamo ascoltare di più le mamme e i papà e accogliere le preoccupazioni senza bollarle come allarmismi, terrori immotivati o segnali di mancata civiltà e informare quanto possibile».

LEGGI ANCHE: ADOLESCENTI ITALIANI A RISCHIO FAKE NEWS SUI VACCINI. LA GUIDA DEI PEDIATRI SIMPE PER RICONOSCERE LE “BUFALE NO VAX”

Articoli correlati
In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali
No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto. Alle famiglie vengono tolti 28 dollari […]
Vaccini, Siani (Pd): «Autocertificazione sia transitoria. Manteniamo obbligo per due anni e poi proviamo a convincere le famiglie»
Il deputato democratico, pediatra, sottolinea: «Norma non può servire ad aggirare obbligatorietà. Fa intendere ai cittadini che sia scelta politica invece non è così»
Vaccini, Commissario UE Andriukaitis contro Salvini: «Pericoloso dare consigli medici senza avere qualifiche»
In un tweet, il titolare della Salute dell’Unione europea torna sul tema delle vaccinazioni dopo le affermazioni del Ministro dell’Interno: «Il risultato peggiore sono i bambini che muoiono perché non ottengono vaccinazioni salvavita». No vax presentano proposta di legge per abolire obbligo
L’identikit dei no vax? Grignolio (Sapienza): «Istruiti e benestanti. E il movimento è nato ben prima di Internet…»
Nel ripercorrere la storia degli anti-vaccinisti, il Professor Grignolio, docente di Storia della Medicina, spiega come le tesi no vax, un tempo marginali ed eterodosse, siano state sposate dalla classe dirigente. Ma sottolinea: «Quando c’è una forte alleanza terapeutica tra medico e paziente, non c’è teoria anti-vaccinista che regga»
Autismo, Bambino Gesù: “Troppi paesi senza diagnosi e trattamenti”
In troppe aree del mondo, soprattutto nei Paesi a basso o medio reddito, l’autismo è ancora poco conosciuto ed è precluso l’accesso a diagnosi e trattamenti. La stessa ricerca scientifica è condotta in pochi Paesi, tutti ad alto reddito. Per reagire a questo squilibrio, segnalato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nasce all’Ospedale Bambino Gesù, un network […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...