Salute 20 giugno 2017

Vaccini: dal 2013 in diminuzione, ecco perché obbligo. Rezza (ISS): «Non sottovalutare immunità gregge»

L’Istituto Superiore di Sanità ha consegnato alla Commissione Sanità del Senato un’analisi dell’impatto epidemiologico delle patologie per i quali il decreto ha reso obbligatorie le vaccinazioni. «Vaccini vittime del loro stesso successo: l’immunità abbassa la percezione del rischio» lo spiega Gianni Rezza, Direttore Dipartimento Malattie infettive dell’ISS

Immagine articolo

«Il successo delle strategie vaccinali, che ha determinato la scomparsa quasi totale di alcune malattie e, quindi, la riduzione della percezione della pericolosità del contagio, ha agevolato il diffondersi di movimenti di opposizione alle vaccinazioni per motivi ideologici o religiosi. Di conseguenza, a partire dal 2013 (coorte del 2011), si è registrato un progressivo e inesorabile trend in diminuzione del ricorso alle vaccinazioni». Lo segnala l‘Istituto Superiore di Sanità in un’analisi dell’impatto epidemiologico delle patologie per le quali il decreto ha reso obbligatorie le vaccinazioni, consegnata alla Commissione Sanità del Senato.

«Il calo della copertura vaccinale tende sempre a preoccupare perché se diminuisce l’immunità di gregge, i germi che vengono reintrodotti possono incominciare a diffondersi nella popolazione». Lo spiega Gianni Rezza, Direttore Dipartimento Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità commentando il decreto legge sull’obbligo dei vaccini. 

Eppure, nonostante le raccomandazioni, il calo ha riguardato sia le vaccinazioni obbligatorie che alcune di quelle raccomandate. I dati più allarmanti sono in relazione alla diminuzione delle coperture per morbillo e rosolia che sono passati dal 90,4% nel 2013 all’85,3% nel 2015 per poi risalire nel 2016 ma bel lontano dal raggiungimento della copertura necessaria per eliminare il virus (95%). Per polio, difterite, tetanopertosse, epatite B , Haemophilus influenzae e parotite il calo della copertura vaccinale è stato di circa un punto percentuale ogni anno.

Considerando che l’Oms raccomanda il 90% per tutti i vaccini, per garantire la cosiddetta ‘immunità di gregge’ è necessario non scendere al di sotto del 95% per proteggere sia indirettamente coloro che, per motivi di salute, non possono vaccinarsi, sia i soggetti che non rispondono ai vaccini, fa sapere in una nota l’ISS. «È importante mantenere alte le coperture vaccinali – prosegue Rezza – per proteggere direttamente e indirettamente le persone attraverso l’immunità di gregge o di comunità, come dir si voglia».

«Restituiamo la giusta importanza ai vaccini perché ci sono evidenze scientifiche che ne sanciscono l’attendibilità e la fondatezza. I vaccini hanno eliminato malattie pericolose e gravissime per l’umanità come il vaiolo e la poliomielite. Non si ha più percezione di alcune malattie proprio perché sono stati i vaccini a controllarle ed eliminarle. I vaccini, dunque, diventano vittime del loro stesso successo: fanno scomparire sostanzialmente le malattie e questo abbassa le percezione del rischio che le persone avvertono. Però abbiamo visto, con il caso meningite, che quando la percezione del rischio si innalza nuovamente, c’è una corsa alla vaccinazione».

«Ci tengo a ribadire l’importante funzione del medico in ottica vaccini: è il professionista che deve consigliare e indirizzare, non certo il web. Su internet, come ben sappiamo, purtroppo la parola di un ciarlatano vale quanto quella di un esperto. Questo è il problema maggiore delle informazioni reperite sul web: possiamo trovare di tutto, quindi è molto importante discriminare».

Articoli correlati
«Ricerca scomparsa dalla campagna elettorale», l’allarme di Nature in vista delle elezioni
L'autorevole rivista scientifica dedica un dettagliato articolo alla crisi della scienza in Italia. Dal 2008 il budget a disposizione delle università si è ridotto di circa un quinto. L’economista Mario Pianta: «Siamo sull’orlo del collasso»
Formazione, assunzioni e stop liste d’attesa, la ricetta di De Poli (Udc) per il rilancio della Sanità
Il presidente del partito guidato da Lorenzo Cesa illustra a Sanità Informazione le sue priorità in ambito sanitario. E rilancia l’allarme sulla carenza di medici: «14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica»
Bologna, nuovo test per scoprire l’autismo
Un team di ricercatori dell’Università di Bologna, Istituto di Scienze neurologiche (Irccs) del Bellaria, Università di Warwick e di Birmingham, ha scoperto un «bio marcatore» che potrebbe individuare la presenza dell’autismo anche nei bimbi piccoli. Lo studio ha coinvolto 38 bambini in cura presso l’Irccs e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista «Molecular Autism». […]
Vaccini in Italia dal 1900 ad oggi, lo studio dell’ISS: «Evitati 4 milioni di casi e decine di migliaia di morti»
I dati analizzati dal Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e pubblicati sulla rivista Vaccine parlano chiaro. L’autore Pezzotti: «I programmi di vaccinazione universale rappresentano lo strumento di prevenzione più efficace contro le malattie infettive ed i risultati di questo studio devono rafforzare la fiducia dei cittadini»
Sanità, Di Biase (Pd): «Azzerato debito regione Lazio, ora è momento di investire»
Il capogruppo dei democratici in Aula Giulio Cesare, candidata alla Pisana, attacca il sindaco Raggi sui vaccini: «Non usi tema vaccini per fare campagna elettorale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...