Salute 5 giugno 2018

Vaccini, Carsetti (Bambino Gesù): «Abbiamo paura che l’obbligo vaccinale venga abolito»

Si dice d’accordo con la Responsabile della struttura semplice di diagnostica immunologica il Professor Locatelli (Bambino Gesù): «Le vaccinazioni obbligatorie sono una manifestazione di civiltà del nostro Paese». La dottoressa Carsetti spiega poi quali sono i vaccini da fare da adulti, soprattutto in gravidanza

Immagine articolo

Quando le chiedo se è preoccupata di un passo indietro del nuovo governo sull’obbligo vaccinale, la dottoressa Rita Carsetti non riesce a celare un sorriso imbarazzato. «Sì – poi risponde la Responsabile della Struttura Semplice di Diagnostica Immunologica del Bambino Gesù di Roma -, abbiamo paura che i vaccini obbligatori vengano aboliti. Un obbligo che in altri Paesi non è necessario perché si vaccinano tutti, ma qui sì, finché non riusciremo a diffondere la cultura delle vaccinazioni e far capire perché vaccinarsi è giusto, necessario e importante».

Una risposta simile a quella che dà il Professor Franco Locatelli, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia Cellulare e Genica presso il medesimo Ospedale, che, anzi, è ancora più netta e incisiva: «La legge promossa dal Ministro Lorenzin porta il nostro Paese in linea con agli standard europei di coperture vaccinali. Tornare indietro vorrebbe dire identificare l’Italia come uno dei Paesi meno evoluti da un punto di vista socio-sanitario, in cui vi è minor tutela delle popolazioni a rischio. Le vaccinazioni obbligatorie sono una manifestazione di civiltà del nostro Paese».

LEGGI ANCHE: VACCINI, +4,4% COPERTURA MORBILLO. LORENZIN: «DOVE MMG E PEDIATRI SONO PIÙ PROATTIVI, SI OTTENGONO GRANDI RISULTATI» 

Sono dichiarazioni che giungono pochi minuti dopo l’annuncio del nuovo Ministro della Salute Giulia Grillo di voler «agire, in sinergia con il resto del governo» sui vaccini, che sono «parte del contratto». E la risposta del mondo scientifico viene proprio da quei medici riuniti al Bambino Gesù per un talk scientifico dal titolo esplicativo: “Io mi vaccino, io non posso, io non voglio”. «L’evento è stato organizzato – spiega la dottoressa Carsetti – proprio per spiegare il valore delle vaccinazioni, i motivi di chi si vaccina e di chi non può vaccinarsi e per imparare ad orientarsi su Internet tra bufale, fake news e siti, invece, attendibili dove potersi informare veramente sui rischi dei vaccini».

Un convegno informativo che dovrebbe, quindi, aiutare a creare quella cultura delle vaccinazioni necessaria e imprescindibile per ipotizzare l’abolizione dell’obbligo. «E va ricordato – aggiunge la dottoressa – che non sono solo i bambini a doversi vaccinare, ma anche gli adulti».

«In particolare – prosegue – c’è una fase molto importante della vita di una donna che è la gravidanza, periodo in cui andrebbero fatti due vaccini: per la pertosse e per l’influenza. Quest’ultima può essere una malattia grave per la donna in gravidanza e può essere molto grave per il bambino appena nato; ma se la mamma si vaccina in gravidanza, gli anticorpi proteggeranno sia lei che, passando attraverso la placenta, il bambino nei suoi primi 2-3 mesi di vita, quando è troppo piccolo per essere vaccinato. La pertosse in gravidanza invece non è pericolosa per la mamma ma per il bambino, e il vaccino può quindi proteggerlo. Tuttavia, sono ancora poche in Italia le donne in gravidanza che si vaccinano».

Ci sono poi le vaccinazioni da fare dopo i 65 anni: influenza e pneumococco. «Le persone anziane con l’influenza – continua la dottoressa Carsetti – possono avere molto più complicazioni di un giovane. Per quanto riguarda l’infezione da pneumococco, poi, sappiamo che ci sono gli antibiotici ma funzionano sempre meno perché ci sono sempre più ceppi di batteri antibiotico resistenti».

Infine, c’è il vaccino contro l’HPV, «che può essere fatto a tutte le bambine e anche ai maschi e che è importantissimo, non solo perché previene l’infezione del papilloma virus, ma previene anche il cancro. Anche in questo caso, però, solo il 60% delle persone che dovrebbe fare questo vaccino l’ha fatto. Un vaccino che invece dovremmo fare tutti per essere veramente protetti», conclude.

LEGGI ANCHE: PSEUDOSCIENZA E BUFALE, ATTIVISSIMO: «FAKE NEWS IN SANITÀ SONO SOCIALMENTE PERICOLOSE. SOLUZIONI FACILI RARAMENTE SONO VERE» 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Vaccini, FTOM: «Soddisfazione per Legge regionale che conferma obbligatorietà delle vaccinazioni»
Plaudo della Federazione Toscana degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri per l’approvazione da parte del Consiglio Regionale della Toscana della Legge che conferma la profilassi obbligatoria
Vaccini, D’Amato (Lazio): «On line i dati fascia 0-16 anni, a disposizione di scuole e Asl»
Risultano immessi on line i dati sanitari di più di 506mila bambini e oltre 12,5 mln di vaccinazioni nella fascia di età fino ai 16 anni, consultabili da scuole e Asl attraverso il portale Salutelazio.it. D'Amato: «Il servizio agevola il lavoro dei centri vaccinali, dei pediatri e del personale di supporto amministrativo delle scuole»
Vaccini, SIPPS: «Non aspettare focolaio di epidemia per procedere a vaccinazioni»
Un osservatore esterno che volesse cercare di comprendere le motivazioni che stanno spingendo la politica italiana a sostituire, a distanza di poco più di un anno dalla sua approvazione da parte del Parlamento, una legge che aveva aumentato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10 ed esteso l’obbligo a vaccinazioni raccomandate già presenti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...