Salute 23 luglio 2018

Vaccini, Assessore Saccardi (Sanità Toscana): «Verificheremo. Se si vuole rivedere l’obbligo lo si faccia in modo chiaro»

«Le famiglie da noi non portano nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata», spiega l’assessore intervenendo sulla circolare disposta in materia dal Ministro della Salute Giulia Grillo

Immagine articolo

«L’autocertificazione come semplificazione delle procedure per le famiglie, nella mia regione, è un tema che non regge: qui l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata e le scuole possono verificare subito quali sono i bambini che non sono in regola con gli adempimenti vaccinali. Abbiamo deciso che queste autocertificazioni le verificheremo tutte e non a campione». Chiaro, netto e preciso il pensiero di Stefania Saccardi, Assessore all’integrazione socio-sanitaria della Regione Toscana sul tema vaccini. Nella sua regione, la Toscana, sembra destinata a incidere poco la circolare del Ministero della Salute e del Ministero dell’Istruzione che permette di autocertificare l’avvenuta vaccinazione del bambino per l’iscrizione, norma contestata dalle opposizioni e da una parte del mondo medico. Abbiamo incontrato l’assessore Saccardi in occasione dell’edizione 2018 degli stati generali dell’assistenza a lungo termine, dove ci ha illustrato anche le soluzioni a supporto della Long Term Care proposte in Toscana.

Assessore, il panorama relativo all’obbligatorietà vaccinale sta cambiando. La circolare del Ministero della Salute consente di presentare un’autocertificazione per l’iscrizione a scuola dei bambini. Lei che cosa ne pensa in qualità di assessore alla Sanità della Regione Toscana?

«Io penso che se si vuole rivedere l’obbligo vaccinale lo si deve fare in modo chiaro e diretto e, quindi, affrontare in modo deciso la revisione della legge. Quando si fa politica ci si assume la responsabilità delle decisioni: se si ritiene che l’obbligo vaccinale – io penso di no – debba essere qualcosa da rivedere si va in Parlamento e si discute. Francamente, diciamo almeno per quello che riguarda la realtà della Regione Toscana, inserire strumenti che hanno il compito di eludere alcune previsioni di legge non mi pare oggi il modo corretto per rispondere a quella che è stata un’emergenza nel nostro paese e che ora comincia a portare dei dati in crescita e aumento. Posso dire che nella Regione Toscana il tema dell’autocertificazione come semplificazione delle procedure – almeno così l’ha descritta il ministro – che riguardano le famiglie è un tema che non regge perché le famiglie da noi non portano assolutamente nulla e non fanno nulla poiché l’anagrafe vaccinale è pienamente realizzata. Non può essere questo il sistema per evitare l’applicazione di una norma che finché c’è va applicata».

Parliamo di soluzioni a supporto della Long Term Care: quali sono le iniziative più significative messe in atto dalla Regione Toscana?

«Stiamo predisponendo il piano regionale della cronicità, mettendo a sistema alcune esperienze che in Regione Toscana partono dal Chronic Care Model e poi si declinano nella sanità d’iniziativa, nell’elaborazione di una delibera che riguarda l’attivazione dell’infermiere di comunità e nella possibilità di gestire le cronicità a livello territoriale in modo integrato, presso le società della salute che coniugano sia le competenze della sanità che quelle sociali. Queste sono tutte quelle tematiche di tipica integrazione sociosanitaria che prevedono anche i percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) ai quali abbiamo aggiunto la “s” di sociali. Sono le grandi sfide che dovremmo affrontare nei prossimi anni a fronte di tante problematiche; alcune riusciamo a contenerle, altre meno. La cronicità, ad esempio, è un fenomeno purtroppo in aumento: aumenta il diabete, aumentano le malattie croniche come la BPCO, ormai diventano croniche anche malattie di carattere oncologico e le problematiche di salute mentale e di psichiatria. A nostro parere, anche questi sono percorsi da inserire in una presa in carico che riguarda il tema della cronicità. Queste sono alcune delle cose che abbiamo cominciato a mettere insieme, che si integrano naturalmente con il percorso ospedale-territorio, con tutte le strutture di cure intermedie che abbiamo a bassa intensità assistenziale che stiamo mettendo in piedi e le cure domiciliari integrate che stiamo provando a sperimentare anche utilizzando il fondo sociale europeo in modo innovativo. Abbiamo sistemi di fast track presso gli studi dei medici di medicina generale che consentono al medico di trovare uno specialista di riferimento immediatamente in modo da evitare anche la presa in carico ospedaliera e il pronto soccorso. Nel complesso, posso dire che stiamo provando a strutturare il territorio nella convinzione, condivisa anche con le altre regioni, che la cronicità si affronta meglio se è presa in carico sul territorio e se ha sempre meno bisogno dell’intervento ospedaliero, sia nell’interesse del paziente che del sistema».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Onda, disturbi del sonno per 9 donne su 10 over 45: a rischio la salute e la felicità di coppia
“Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. “Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i […]
Lazio, Zingaretti: «Non sarà più necessario certificato medico per assenze scolastiche»
A partire da questo anno scolastico, come già avviene in alcune regioni italiane del centro nord, anche nella regione Lazio non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. Il provvedimento è stato approvato durante la discussione del Collegato del Bilancio in Consiglio Regionale […]
Pediatria Aou Sassari, donato monitor e kit per intolleranze alimentari
Un monitor con relativo kit per valutare le intolleranze alimentari nei bambini: è quanto l’associazione sportiva no profit “Gianni Fresu” ha donato ieri sera all’unità operativa complessa di Pediatria dell’Aou di Sassari. L’apparecchio per il “breath test” consente di diagnosticare eventuali condizioni in cui l’organismo non è in grado di digerire il lattosio, zucchero presente […]
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
Cure palliative pediatriche al centro del Congresso della Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio Onlus
Il dolore è purtroppo un sintomo frequente nei bambini malati, sia in situazioni di ospedalizzazione che nei bambini non ricoverati. La valutazione corretta del dolore e la sua gestione ottimale sono considerate principi essenziali nella pratica pediatrica. Di questo e di altre tematiche si parlerà a Roma, dal 24 al 27 ottobre, durante il “4th […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...