Salute 23 dicembre 2014

Un sorriso sotto l’Albero per i piccoli pazienti del Bambino Gesù

Consegnati regali ai bambini ricoverati nell’ospedale pediatrico romano dalla Onlus di Consulcesi. La dottoressa Carla Carlevaris: “Iniziativa fondamentale per la loro crescita”

Immagine articolo

Un piccolo gesto può significare tanto per chi lo riceve. Soprattutto se chi lo riceve dovrà trascorrere il periodo delle feste tra le mura di un ospedale.Un contesto dove la cura migliore, in certi casi, è un sorriso regalato col cuore.

Proprio in quest’ottica si inserisce l’iniziativa della Onlus di Consulcesi che, per far sentire la sua vicinanza ai piccoli pazienti ricoverati presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma, e alle loro famiglie, la scorsa settimana ha distribuito doni ai bambini nella ludoteca dell’ospedale. E di certo ha regalato loro un Natale più sereno, come ha testimoniato la dottoressa Carla Carlevaris, responsabile della ludoteca, intervistata da Sanità Informazione.

L’ospedale Bambino Gesù si prende cura dei bambini, della loro salute e non solo.
Cerchiamo di curare questi bambini a tutto tondo, oltre alle procedure medico chirurgiche necessarie, concentrandoci  anche sugli aspetti psicologici ed emotivi legati all’impatto con l’ospedalizzazione e la malattia. La ludoteca nasce con questo intento, come uno spazio non medicalizzato all’interno dell’ospedale dove i bambini hanno libero accesso.  Qui troveranno personale competente ad ascoltarli, e a proporre attività ludiche ed espressive, per aiutarli ad elaborare e a trasformare l’ansia, la paura e le emozioni negative.

Il periodo natalizio è ideale per sottolineare questo impegno: regalare un sorriso in più ai bambini che devono affrontare percorsi difficili.
A Natale prepariamo un’accoglienza particolare per tutti i bambini che sono costretti, in questo periodo,  a restare in ospedale, per aiutarli a viverlo nel modo più naturale possibile. La ludoteca è un luogo d’incontro con gli amichetti e le famiglie, e facciamo sì che i bambini colleghino all’ospedale anche ricordi positivi e legati alla loro vita normale: una sorta di ponte con tutto ciò che non è “malattia”.

E in occasione del Natale è evidente l’impegno anche di chi, esterno all’ospedale, vuole dare il suo supporto. E’ il caso della Onlus di Consulcesi, che oggi è qui a consegnare i doni ai piccoli pazienti.
Riceviamo un grandissimo supporto in questo senso. Iniziative come queste sono in linea con la nostra missione: far sì che quest’esperienza sia un momento di crescita per i bambini, per farli sentire al centro dell’attenzione e ascoltati nei loro bisogni. Per loro, vedere Babbo Natale che arriva coi regali è un’emozione grande.

www.consulcesionlus.it

Articoli correlati
Come relazionarsi con i figli malati: il progetto “paziente esperto” del Bambino Gesù
Il ricovero in ospedale per un bambino è sempre un trauma, perché necessita di un riadattamento della vita quotidiana e dei suoi ritmi e rappresenta il distacco da tutto ciò che rappresenta un punto di riferimento. Lo stesso si può dire per i genitori ed è difficile comunicare e relazionarsi in modo corretto con i […]
Via il ciuccio e niente passeggino. I consigli dei medici per crescere senza timori
I consigli dei professionisti dell'ospedale Bambino Gesù per affrontare tutte le tappe della crescita dei bambini.
Nasce IDEA, la nuova rete di IRCCS pediatrici
E’ la prima rete italiana che riunisce gli IRCCS (Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico) pediatrici. A farvi parte sono Irccs Gianna Gaslini (Genova), Irccs Burlo Garofolo (Trieste), Irccs Eugenio Medea (Lecco), Irccs Fondazione Stella Maris (Pisa), Irccs Oasi Maria Santissima (Troina, Enna) e Irccs ospedale pediatrico Bambino Gesù (Roma). L’obiettivo è unire forze […]
Carnevale al Bambino Gesù, supereroi acrobati arrivano dal cielo ǀ FOTO
Sono stati Capitan America, Hulk, Flash, Superman, Iron Man, Spiderman e Deadpool a rendere indimenticabile la mattinata dei piccoli pazienti dell’Ospedale…
Meningite, l’Ospedale Bambino Gesù: «Profilassi d’emergenza efficace e sicura. Solo col vaccino nessun rischio»
«In caso di stretto contatto con un soggetto affetto da meningite è possibile proteggersi con una profilassi d’emergenza, ovvero con una terapia antibiotica specifica per il tipo di germe responsabile, su prescrizione dell’autorità sanitaria» sottolinea Alberto Villani, responsabile di Pediatria Generale e Malattie Infettive dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. «La profilassi avviata entro le 48 ore dal contatto è efficace […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...