Salute 22 aprile 2014

Un “Cuore Artificiale” batte nel futuro dei piccoli pazienti

Innovazione e ricerca chiedono speranze alla solidarietà

Immagine articolo

Un’iniziativa di solidarietà che apre prospettive importanti per ricerca e innovazione tecnologica in sanità. Una nuova speranza per i bambini affetti da problemi cardiaci grazie al progetto “Cuore Artificiale”, curato dall’equipe del professor Antonio Amodeo, direttore della unità organizzativa che ha realizzato il progetto sul cuore artificiale presso l’ospedale pediatrico “Bambino Gesù” di Roma.

Un progetto destinato a cambiare la vita dei piccoli pazienti meno fortunati ma difficile da realizzare senza un aiuto concreto anche da privati e associazioni.

Prof. Antonio Amodeo, un progetto importante destinato ad aiutare tante persone.

Il progetto del Cuore Artificiale è nato diversi anni fa ed ora siamo arrivati alla fase pre-clinica. La speranza è quella di riuscire a dare il via alla fase clinica nel secondo trimestre di quest’anno. Abbiamo messo in piedi un progetto estremamente ambizioso perché riguarda l’ultima frontiera delle tecnologie applicate alla medicina. In questo caso si parla di turbine in titanio del peso di 11 grammi, oppure di 40 grammi nel caso di bambini sopra i 15 chili, in grado di supportare una gittata cardiaca di un litro e mezzo.

Dopo l’operazione i bambini potranno condurre una vita normale in attesa del trapianto

Come funziona il cuore artificiale?

Il cuore artificiale funziona in maniera estremamente semplice: si tratta di una turbina inserita all’interno del cuore e poi connessa con un tubicino all’aorta. Questa turbina aspira il sangue dal ventricolo sinistro e lo inietta in aorta ascendente. Resta però il problema del cavo di alimentazione energetica: al momento siamo in possesso di cavi molto piccoli che vengono “tunnellizzati”, attraverso l’addome, ad una batteria dal peso di un chilo. Sarà utile ad una popolazione di bambini dagli zero anni all’età adolescenziale. Dopo l’operazione questi bambini potranno tornare a condurre una vita normale in attesa del trapianto di cuore. Al di là della semplicità del processo, però, il tipo di progetto sviluppato è molto complesso e per poter essere realizzato necessitava di un lavoro di gruppo, multidisciplinare. In questo caso, Cuore Artificiale è nato anche grazie alla collaborazione di un gruppo di scienziati di New York, il quale ha provveduto a realizzare la turbina miniaturizzata di cui parlavo.

Quali sono, secondo lei, le prospettive future dell’utilizzo di queste tecnologie in ambito sanitario e quale apporto possono dare strumenti come tablet, smartphone e App alla medicina?

Le App in generale e quelle mediche in particolare, sono diventate strumenti ormai indispensabili e sempre più presenti nella vita di tutti noi. Possono avere grandi benefici sulla salute di chi ne fa uso. Sono però necessarie regole precise, per evitare la diffusione di applicazioni che possono creare più danni che benefici  per la salute umana.

Articoli correlati
Oftalmologia, al via il Congresso SITRAC a Firenze. Eccellenze italiane ed esperti mondiali
Si terrà a Firenze a partire dal 22 Febbraio il Congresso Nazionale “S.I.TRA.C., Società Italiana Trapianto di Cornea” organizzato dalla Dottoressa Rita Mencucci, medico chirurgo presso la Clinica Oculistica dell’Azienda ospedaliero-universitaria Careggi  e componente del Consiglio direttivo SITRAC. La S.I.TRA.C ha la l’obiettivo di favorire lo scambio di informazioni, conoscenze ed esperienze riguardanti le tecniche […]
Francesco Wirz, l’italiano che ha operato l’uomo dai tre volti: «In Francia fiducia ai giovani, così si formano i chirurghi»
«Ho fatto tutto quello che, chirurgicamente, avrei potuto fare nella mia vita, ma non mi sento un vincente, perché ho dovuto lasciare il mio Paese. I giovani devono andare all’estero per scelta, non perché sono obbligati»
La storia di Jerome, l’uomo dai tre volti. È il primo ad aver subito due trapianti di faccia
A causa della neurofibromatosi, il primo intervento nel 2010. Poi il rigetto cronico e, dopo un mese e mezzo senza volto, il secondo trapianto
Roma, accordo Idi-Gemelli per tagliare le liste d’attese
L’Istituto dermopatico dell’Immacolata (Idi) e la Fondazione  Policlinico Universitario Gemelli hanno raggiunto un accordo che ha l’obiettivo di abbattere le lunghe liste d’attesa a benificio dei pazienti. Il progetto è frutto del protocollo d’intesa firmato dal presidente della Fondazione Luigi Maria Monti Antonio Maria Leozappa e dal presidente della Fondazione Gemelli Giovanni  Raimondi, e prevede una collaborazione […]
La S.I.TRA.C (Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare) annuncia il XXII Congresso Nazionale
La Società Italiana Trapianto di Cornea e Superficie Oculare è lieta di annunciare il XXII Congresso Nazionale, previsto dal 22 al 24 febbraio a Firenze presso il Palazzo dei Congressi. L’evento riunirà i massimi esperti di cornea, nazionali ed internazionali, per tre giornate all’insegna delle tematiche e delle innovazioni più interessanti in materia. Negli ultimi decenni si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...