Salute 30 marzo 2017

Tutte le Religioni insieme per combattere il dolore. A Roma l’incontro internazionale per promuovere le cure palliative

In occasione dell’incontro firmata la “Carta delle Religioni per le Cure Palliative per le Persone Anziane” da parte di tutti i rappresentanti religiosi di diverse fedi

Per la prima volta a Roma si sono riuniti rappresentanti delle maggiori Religioni, esperti dei diritti umani, medici, infermieri, pazienti e volontari per partecipare all’incontro “Religioni Insieme per le Cure Palliative” avvenuto presso la sede di Radio Vaticana. Un momento di confronto (moderato da Manuela Lucchini giornalista TG1) per promuovere il diritto di tutte le persone anziane, affette da malattie croniche e inguaribili, di ricevere Cure Palliative.

Cosa sono le Cure Palliative? Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono la presa in carico globale del corpo, della mente e dello spirito della persona e il supporto attivo alla famiglia. In parole più semplici, le Cure Palliative hanno lo scopo di controllare i sintomi e alleviare il dolore riuscendo a garantire alla persona malata un’attenzione e un’assistenza specifica. L’evento è stato promosso dalla Fondazione MaruzzaOnlus la cui mission è diffondere la conoscenza e l’importanza delle cure palliative, in collaborazione con la Pontificia Accademia per la Vita (presente in occasione dell’evento il Presidente Monsignor Paglia).

«La Fondazione Maruzza nasce in memoria di mia sorella Maruzza che è scomparsa nel 1989 a 40 anni per una malattia oncologica – racconta Silvia Lefebvre D’Ovidio, volto della Fondazione -. Lei stessa chiese ai miei genitori di fare qualcosa per le persone che dovevano affrontare il suo stesso destino. Insieme con la famiglia decidemmo di creare una Fondazione che si occupasse di cure palliative, cioè per tutti coloro che devono affrontare l’inguaribilità. All’epoca le cure palliative erano solo per i malati terminali oncologici, poi è arrivata la Legge 38 del 2010 che ha esteso le cure palliative, per fortuna, a tutti i malati affetti da una patologia inguaribile che possono vivere pochi mesi o molti anni. Quindi un grande passo: si è allargato lo spettro di chi può usufruire delle cure».

La gallery dell’evento:

  • Ven. Bhikshuni Tsung Tueng

Dunque, in Italia, dal 2010, grazie alla Legge 38, è prevista la possibilità di accedere alle cure palliative per tutti i cittadini, dai bambini agli anziani; purtroppo gran parte della popolazione non è al corrente di tale diritto e persino tra i medici la conoscenza è spesso scarsa.

«Questa è una Legge molto ambiziosa, e ci vorrà tempo perché venga attuata pienamente – spiega Rosanna Cerbo, neurologo, membro della Commissione dolore OMCeO Roma e Segretario Generale Opera Karol Wojtyla -. Il punto dolente è la mancata informazione, questa è la cosa veramente grave».

In occasione dell’incontro è stata firmata la “Carta delle Religioni per le Cure Palliative per le Persone Anziane” da parte di tutti i rappresentanti religiosi di diverse fedi. Il ruolo dei leader religiosi nella società è così importante e riconosciuto da poter ampliare il consenso globale sulle cure palliative. «Questa carta è fondamentale – prosegue la professoressa Cerbo – in un certo senso siamo anche fortunati visto che le tre religioni abramitiche, quindi Ebraismo, Cristianesimo e Islam, su quanto riguarda l’attenzione al fine vita hanno delle idee assolutamente sovrapponibili, magari molte sono diverse, aborto, matrimonio, ma sul fine vita del tutto simili. Ribadisco che c’è tanto da lavorare, in primo luogo perché le persone capiscano bene la differenza che esiste fra i termini, accanimento terapeutico, cure palliative, sedazione, eutanasia, suicidio assistito, ed altro… si fa una confusione enorme, per cui quando succede un caso tipo quello di Dj Fabo, non si ha la minima idea di cosa si sta parlando».

«In India le cure palliative non sono ancora molto sviluppate – racconta Suresh Kumar Direttore del WHO Collaborating Center (India) specializzato in cure palliative che sul tema, ci offre il punto di vista del suo Paese e ci racconta come è riuscito a coinvolgere la sua comunità nell’organizzazione della cura – ma ci sono aree in cui sta avvenendo una sorta di espansione. A Kerala (Stato dell’India meridionale) per esempio, da dove arrivo io, è una di quelle zone, a differenza di molti altri luoghi, dove ciò che facciamo, incentivare le cure palliative, sta dando dei risultati. Questo è stato possibile anche grazie alle leggi locali, alla comunità locale, alla loro formazione, grazie a tutto questo siamo riusciti a portare consapevolezza e la consapevolezza gioca un ruolo importante nel fornire un servizio così fondamentale. Questo ha determinato un grande cambiamento».

 

Articoli correlati
Cure palliative, on line la Carta che vede per la prima volta le religioni unite
La “Carta delle Religioni per le Cure Palliative per le Persone Anziane” è stato pubblicato e reso interamente disponibile online. La dichiarazione è il risultato di un lavoro internazionale collettivo, condiviso e firmato da specialisti in cure palliative, esperti di diritti umani, pazienti, volontari, famiglie e rappresentanti religiosi di diverse fedi. La dichiarazione collettiva è […]
Biotestamento: ecco cosa potrà fare il medico se il paziente decide d’interrompere il trattamento
La Legge passa alla Camera con un’ampia maggioranza e arriva al Senato. Ma rimangono alcune voci critiche. La Presidente del corso di laurea di Medicina e Chirurgia de La Sapienza, Stefania Basile: «Testo frettoloso: ai medici non serve una legge per il consenso informato, meglio lavorare sulla cattiva informazione»
Sì della Camera al Biotestamento. Ora la legge passa al Senato
La legge sul fine vita ottiene il suo primo via libera. Con 326 voti favorevoli e 37 contrari la Camera ha approvato il disegno di legge sul Biotestamentoche consente, tra l’altro, a tutte le persone maggiorenni di poter esprimere le proprie preferenze sui trattamenti sanitari, compresa la nutrizione e idratazione artificiale. Un testo criticato dall’area […]
Testamento Biologico, torna in Aula. Binetti (Udc): «Legge ostacolo ai medici». Cicchitto (Ap): «Agire secondo coscienza»
La parola al Parlamento. Altissimo il pressing per colmare il vuoto normativo sul tema fine vita. Paola Binetti, deputata Udc: «Nutrizione e idratazione rappresentano una garanzia per la salute». Fabrizio Cicchitto, deputato dell’Area Popolare: «Dovrebbe essere consentita anche l’eutanasia, diritto pieno su gestione della nostra esistenza»
I medici: eutanasia da legalizzare per il 71%, ma solo il 54% la praticherebbe
L’indagine di Sanità Informazione ha raccolto le risposte di 1609 camici bianchi. Per il 70% eutanasia (attiva e passiva) e suicidio assistito dovrebbero essere consentite nelle strutture del Sistema Sanitario Nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...