Salute 23 febbraio 2018

Tortorella (Consulcesi): «Apriamo gli occhi sulla dipendenza da web, ecco un corso per i medici e un film per i giovani»

Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi e ideatore dello #SconnessiDay, evidenzia i pericoli per la salute della nomofobia e invita medici e pazienti a formarsi correttamente sull’argomento

«All’epoca di Humphrey Bogart si pensava che fumare fosse la cosa più glamour del mondo, poi si è scoperto che causa la malattia del secolo. C’è il rischio che la nomofobia segua lo stesso percorso». A sottolineare i rischi che la dipendenza da Internet può avere sulla salute di tutti è Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi e CEO di Falcon Production, che ha co-prodotto il film “Sconnessi”. Ecco perché è stato tra i promotori dello #SconnessiDay, la prima Giornata Mondiale della S-Connessione da ripetere il 22 febbraio di ogni anno, presentata presso il Ministero della Salute ad una numerosa platea composta da esponenti delle Istituzioni, della stampa e del mondo medico sanitario.

Presidente, lo #SconnessiDay è una giornata per staccare i cellulari e ritornare a comunicare. Perché promuovete questa iniziativa?

«La promuoviamo per tre ragioni: il 22 febbraio è la giornata in cui si lancia il film Sconnessi, è la giornata in cui si celebra la Giornata Mondiale della S-Cconnessione ed è la giornata in cui promuoviamo il corso di formazione ECM “Internet e adolescenti: I.A.D. e cyberbullismo” rivolto al mondo sanitario e dei pazienti. I problemi di cui parliamo sono l’Internet Addiction Disease, la malattia che riguarda proprio l’abuso dell’utilizzo di Internet, e la nomofobia. Si tratta di malattie che oggi sono allo studio e che di fatto rappresenteranno le malattie del futuro. Anche all’epoca di Humphrey Bogart, d’altro canto, si fumava e si pensava che il fumo fosse la cosa più glamour del mondo; poi però si è scoperto che il fumo causa la malattia del secolo. La nomofobia rischia di fare la stessa fine. È una patologia che si sta sottovalutando ma che noi vogliamo sottolineare e rendere evidente con iniziative come lo #SconnessiDay».

Lei ha definito la nomofobia una patologia che viene sottovalutata. Quanto è importante, allora, che il personale sanitario si formi su questa malattia in modo da avere gli strumenti per approcciare e risolvere questo problema?

«La formazione del personale sanitario su questo tema è fondamentale. Per questo il provider Sanità in-Formazione, in collaborazione con Consulcesi Club, propone questo corso di formazione. Un corso nuovo e innovativo che utilizza il mondo del cinema e degli attori per spiegare in modo concreto e fattivo come educare e curare al meglio i propri pazienti. Un corso che fa parte di una collana più ampia di “Film Formazione” che consente di affrontare la patologia con rigore scientifico unito alla capacità di presa e la viralità di un progetto cinematografico ad ampia diffusione. Ma la formazione sul tema della dipendenza da Internet è importante anche per le famiglie. Ecco perché consigliamo anche ai pazienti di seguire questo corso di formazione. Solo conoscendo bene il problema si può spiegare ai propri familiari, soprattutto ai propri figli, che l’iperconnessione può diventare un problema, una vera e propria malattia che va a limitare non solo gli aspetti sociali ma addirittura quelli personali. È proprio di questi giorni la pubblicazione di uno studio sulla rivista Global Pediatric Health della Pennsylvania in cui risulta che l’abuso di cellulari e di computer limita non solo il sonno dei bambini di circa un’ora a notte, ma crea anche dei problemi legati all’obesità, oltre all’incapacità di relazionarsi in modo corretto con le altre persone».

LEGGI ANCHE: «SCONNESSI PER UN GIORNO, LA DIPENDENZA DA WEB CI FA PERDERE IL CONTATTO CON LA REALTA’»

Articoli correlati
Assistenza migranti, minori e soggetti vulnerabili: cresce la rete di OIS Onlus e Sanità di Frontiera
Pietro Bartolo, medico simbolo di Lampedusa: «Tanti i progetti che Ois sta portando avanti per l’assistenza, sanitaria e non, nei confronti di chi arriva dall’altra parte del Mediterraneo, dedicandosi agli ultimi, ai più deboli: anche i nostri poveri hanno bisogno del nostro sguardo e della nostra attenzione»
Blockchain, il libro “Cripto-svelate” spiega la rivoluzione che coinvolgerà anche la sanità
ICO, hash, mining, token, Smart Contracts: termini ancora poco conosciuti che preannunciano un cambiamento epocale. Andrea e Massimo Tortorella, imprenditori forti dei loro successi in Italia e all’estero nel settore sanitario e non solo, presentano la guida per comprendere il futuro che è già davanti a noi
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
Aggressioni: non solo personale sanitario ma anche scolastico. Alleanza educativa genitori-insegnanti-medici
«Non sono tollerabili le aggressioni nei confronti degli educatori, che rivestono un ruolo strategico per il futuro della nazione, e nemmeno contro gli operatori sanitari, che lavorano per la salute di tutti i cittadini» così Antonello Giannelli, Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP)
Web addiction, Alberto Oliveti (Enpam): «Importante formazione medici per riconoscere sintomi legati al problema»
«Internet è una grande invenzione, ma l’altro lato della medaglia nasconde pericoli che è bene saper affrontare» così il Presidente Enpam sulle dipendenze dal web
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»

Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma manca...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...