Salute 19 luglio 2018

Telemedicina, Gramatica (Don Carlo Gnocchi): «Tele-riabilitazione aumenta realtà assistenziale. Il professionista diventa ‘super-terapista’»

«La paura che i robot prendano il posto dell’uomo è immotivata: la tecnologia è un grande supporto ma è integrazione non rimpiazzo» così il Direttore Sviluppo Innovazione della Fondazione Don Carlo Gnocchi

Immagine articolo

La telemedicina rappresenta un elemento chiave per l’abbattimento delle liste d’attesa negli ospedali, per la sostenibilità del sistema dal punto di vista della cronicità, dell’invecchiamento e della cura delle malattie degenerative. Eppure, nonostante gli innegabili vantaggi, c’è chi guarda con sospetto questa tecnologia che oramai è parte integrante del tessuto assistenziale nazionale e mondiale. Il timore è che prima o poi «i ‘robot’ sostituiscano l’uomo» spiega Furio Gramatica, Direttore Sviluppo Innovazione della Fondazione Don Carlo Gnocchi.

«La tecnologia evoluta è un plus in tutti i settori e in particolare in medicina. Nonostante gli aspetti positivi, la diffidenza di alcuni nasce dalla paura che l’innovazione possa prendere il posto delle braccia umane. Ma non è così: la telemedicina e tutti i sistemi tecnologici avanzati, rappresentano un supporto, un’integrazione, aumentano le capacità umane ma non le soppiantano».

LEGGI ANCHE: NANOMEDICINE ROMA 2018, MOLINARI (ISS): «DALL’INGEGNERIA TISSUTALE AL DRUG DELIVERY: LE NANOTECNOLOGIE “AL SERVIZIO” DELLA MEDICINA»

«Il medico non è sostituibile – prosegue Gramatica -, ma con la tecnologia il terapista può diventare un ‘super-terapista’ con capacità aumentate che non solo offrono ottime prestazioni al paziente ma permettono l’alleggerimento del sistema dal punto di vista della sostenibilità».

La presa in carico del paziente e soprattutto la riabilitazione nel periodo di convalescenza post ricovero rappresentano un effort elevato nel quadro della pianificazione assistenziale delle strutture mediche «la telemedicina può misurare intrinsecamente lo stato del paziente e quindi prevedere anche l’appropriatezza delle prestazioni riabilitative erogate, in un modo comodo e gradito al paziente che rimane presso il suo domicilio».

«Un esempio assolutamente valido – spiega il Direttore -, è la tele-riabilitazione pienamente operativa presso la Fondazione Don Carlo Gnocchi: si tratta di ICT (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), scenari di realtà virtuale trasmessi sul televisore del paziente a casa sua con uno strumento in grado di rilevare i movimenti e di correlarli all’esercizio proposto. Per mantenere però la sicurezza del paziente, proprio perché la tecnologia è integrativa e non sostitutiva, attraverso questo sistema il paziente vede il terapista e può confrontarsi con lui da remoto».

«Questo è un sistema che oltre a migliorare la qualità della prestazione perché il paziente è maggiormente ben disposto – conclude -, abbassa i costi e aumenta l’accessibilità delle cure per tutti».

LEGGI ANCHE: STAMPA 3D IN SANITÀ, MARCONI (UNIVERSITÀ DI PAVIA): «ECCO COME AIUTA MEDICI E PAZIENTI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Autismo, amico robot aiuta interazione tra piccoli pazienti. Lo studio di Yale
Per un bambino autistico relazionarsi con un robot abbassa l'ansia da prestazione. Questa la posizione dei ricercatori dell'università americana che hanno assistito al miglioramento delle abilità sociali di 12 bambini dopo 30 giorni con gli automi
Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»
Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma mancano i decreti attuativi. L’intervista a Giampaolo de Sena vice segretario del Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa
di Isabella Faggiano
Medici sostituiti da robot? Ecco cosa ne pensano gli esperti
La robotica in campo sanitario ha migliorato la vita di professionisti e pazienti. Ma esiste un rischio occupazionale per i camici bianchi e i chirurghi? Lo abbiamo chiesto a Calogero Maria Oddo, Assistant Professor di Biorobotica nella Scuola superiore Sant’Anna di Pisa
Roma, al Gemelli si celebra la Giornata mondiale del Linfedema
Oggi pomeriggio, al Policlinico A. Gemelli di Roma sarà celebrata la Giornata mondiale sul linfedema, patologia che provoca dolore e difficoltà a vestirsi e muoversi liberamente per il rigonfiamento degli arti a causa di una mancanza del drenaggio della linfa sotto la pelle. Gli specialisti del Policlinico Gemelli faranno il punto sulle nuove opzioni di trattamento […]
Festival Internazionale della Robotica: ecco i robot chirurghi che ci opereranno
Tra i numerosi appuntamenti del Festival, dal 7 al 13 settembre a Pisa, ampio spazio dedicato alla chirurgia robotica con convegni, esposizioni di sistemi, formazione di chirurghi e simulazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...