Salute 31 marzo 2015

Tubercolosi, il bilancio è di milioni tra vittime e superstiti. Ma l’obiettivo è solo uno: sradicarla 

Allo “Spallanzani” di Roma, nella giornata mondiale dedicata alla Tbc, la parola al direttore scientifico Giuseppe Ippolito

Immagine articolo

Il bacillo scoperto da Robert Koch nel 1882 continua, nonostante i progressi della scienza e della ricerca, a rappresentare la più diffusa causa di morte a livello globale, seconda solo al virus dell’HIV, dovuta ad un unico agente patogeno.

La tubercolosi, infatti, solo nel 2013 ha colpito 9 milioni di persone, uccidendone 1 milione e mezzo. La buona notizia, tuttavia, è che l’OMS in occasione del World Tuberculosis day 2015 dello scorso 24 marzo, ha annunciato “il rovescio della medaglia”, che riguarda il numero di vite salvate negli ultimi 15 anni: ben 37 milioni. Ma non finisce qui. Nella stessa sede, l’Organizzazione Mondiale della Sanità si è sbilanciata con quella che suona a metà tra una previsione e una speranza: debellare completamente la malattia entro il 2035.

Sanità Informazione ha intervistato il prof. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma dove, nella giornata dedicata alla Tbc, si è tenuto un summit internazionale per fare il punto sulla situazione. “Proprio qualche giorno fa il Centro europeo per il controllo delle malattie ha segnalato che ogni giorno in Europa ci sono mille nuovi casi di tubercolosi – sottolinea il direttore scientifico – e cento vittime: cifre che fanno riflettere sull’esigenza di attivare appositi sistemi di sorveglianza, di garantire che la diagnostica venga effettuata secondo il nuovo standard di microbiologia dell’OMS, con l’utilizzo di laboratori di biocontenimento, e – continua Ippolito – che preveda l’accesso ai nuovi farmaci contro la tubercolosi multiresistente. Il tutto, naturalmente, in strutture adeguate che vedano almeno duecento casi l’anno”.

Un’attenzione che si concentra sia sul mondo occidentale sia su altre aree, e che richiede approcci differenziati. “Se si parla dell’Africa, è ovvio che in tema di tubercolosi gli interventi devono essere prima di tutto sociali – osserva Ippolito – e che presuppongono un’organizzazione difficile da trovare in quelle aree. L’Italia è tra i 30 paesi al mondo che potrebbe arrivare ad un controllo totale della tubercolosi – conclude il professore –  da qui una rinnovata attenzione nel controllo e nella gestione di questa patologia.”

Articoli correlati
Terni, ritorna dal Madagascar con febbre e cefalea: nessuna malattia infettiva
Sta bene il ternano con sintomi di febbre, diarrea e cefalea – presenti da quando era rientrato da un soggiorno in un’isola del Madagascar –  che l’avevano spinto a recarsi il 24 dicembre al pronto soccorso dell’Ospedale di Terni. Esclusa fin da subito l’ipotesi della peste (preoccupazione nata dal fatto che in alcune città del […]
Roberto Burioni, il paladino dei vaccini tra allarme tubercolosi e ‘somari’ all’italiana…
«La medicina non è democratica e chi si rivolge al dottor Google e alla dottoressa Wikipedia è ‘un somaro’». La  parola al virologo del San Raffaele ‘paladino’ dei vaccini e autore di un nuovo libro
di Lucia Oggianu
Tbc, settimo caso al Fatebenfratelli. Si tratta del barista della tavola calda interna all’ospedale
Settimo caso di tubercolosi in quattro mesi all’ospedale capitolino Fatebenefratelli. Dopo sei casi di contagio tra personale sanitario, quest’ultimo contagio si differenzia dagli altri perché il paziente non è un medico ma un barista della tavola calda interna all’ospedale. La struttura assistenziale fa sapere in una nota stampa che «non c’è alcun pericolo si verifichi […]
Senza nuovi antibiotici la tubercolosi tornerà. L’allarme dell’OMS
Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà […]
Brescia, bimba di 4 anni muore di malaria. Non era mai stata all’estero
Una bimba trentina di 4 anni è morta di malaria nel reparto di malattie infettive agli Ospedali Civili di Brescia,  dove era stata trasferita d’urgenza per un ultimo tentativo di cura. La malaria, infatti, le era già stata diagnosticata all’ospedale Santa Chiara di Trento. I medici stanno cercando di capire come possa essere avvenuto il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...