Salute 12 maggio 2014

Stenta a decollare la sanità digitale, ma è boom di tablet e smartphone

Device ormai immancabili nella borsa dei camici bianchi. Indispensabile potenziare la rete del Ssn

Immagine articolo

Arranca in salita il processo di digitalizzazione della sanità italiana. Proprio ora che servirebbe lo sprint decisivo, uno studio del Politecnico di Milano fa registrare un segno negativo (-11%) nella spesa per le soluzioni Ict nelle strutture sanitarie italiane.

Gli investimenti complessivi per la digitalizzazione della sanità pubblica italiana, nel 2013, si sono ridotti ulteriormente del 5%, fermandosi a 1,17 miliardi di euro, una cifra che vale appena l’ 1,1% del totale delle uscite pubbliche destinate al comparto sanitario, con una media di 19,72 euro per abitante.

In compenso, però, si registra un vero e proprio boom di smartphone e tablet tra i medici di famiglia. L’uso di device mobili arriva a superare anche il 60% tra i camici bianchi, che attraverso i dispositivi portatili non si limitano ad inviare certificati di malattia online, ma sono anche in grado di seguire a distanza i pazienti accedendo alle loro schede. Contestualmente si registra un incremento dei servizi dei quali i cittadini usufruiscono sfruttando le nuove tecnologie: le app su salute e benessere restano sempre in pole position, ma sono in crescita anche il download dei referti medici, l’accesso via mobile a informazioni sui servizi di un’azienda sanitaria e lo scambio di mail con il proprio medico. Risulta basso invece il livello di utilizzo legato a strumenti di telemonitoraggio.

Innovazione e tecnologia hanno dunque bisogno di terreno fertile, rappresentato appunto da un sistema in cui la digitalizzazione sia il cardine. Il Governo si sta muovendo in questa direzione attraverso il Fascicolo Sanitario Elettronico, che rappresenta un punto chiave sull’eHealth, seppur sia un obiettivo economicamente complicato da raggiungere.  Soprattutto perché, a discapito dell’intenzione di una rapida modernizzazione, la spending review ha seminato parecchie mine lungo questo percorso. Nel frattempo comunque le aziende stanno investendo ingenti risorse sulla Cartella Clinica Elettronica, sui sistemi di front-end e sulle soluzioni Ict per la gestione amministrativa e delle risorse umane, auspicando un’inversione di tendenza anche da parte dello Stato. Se nella borsa del medico smartphone e tablet sono strumenti ormai indispensabili è, dunque, necessaria una riforma per cui le tecnologie digitali mettano in rete il sistema.

Articoli correlati
“Sanità elettronica e processi digitali nel settore della salute” in convegno a Roma
“Sanità elettronica e processi digitali nel settore della salute” è il titolo del convegno che si terrà a Roma l’11 ottobre, presso la Sala della Lupa della Camera dei Deputati in piazza Monte Citorio. L’incontro, organizzato dall’associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell’Agenzia per l’Italia digitale, dell’Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, […]
Sanità digitale, si accelera grazie all’Agenda per la semplificazione
Cinque settori strategici di intervento nel piano triennale 2015-2017: con il passaggio online servizi più efficienti e costi ridotti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...