Salute 28 maggio 2014

Staminali, la conservazione del cordone ombelicale aiuta i pazienti… e la ricerca

Intervista a Valentina Bozza, Direttore Generale di Futura Stem Cells

Immagine articolo

Sono sempre più numerose le famiglie che negli ultimi anni stanno scegliendo di crioconservare, presso banche private con sedi all’estero – ciò in quanto è vietato dalla normativa vigente nel nostro Paese l’istituzione di banche private adibite a tale scopo – le cellule staminali del cordone ombelicale: una scelta dettata dalla volontà di regalare ai membri della propria famiglia una speranza concreta in caso di patologie trattabili con il trapianto di staminali.

Una realtà importante nel mondo della crioconservazione delle cellule staminali ematopoietiche cordonali è rappresentata da Futura Stem Cells.  La sua banca di proprietà, con sede a Londra, dal 2001 ad oggi ha conservato le cellule staminali del cordone ombelicale per più di 15.000 famiglie in tutto il mondo: proprio il mese scorso, ha festeggiato un importante traguardo. Di questo, e di tanto altro, ci ha parlato Valentina Bozza, Direttore Generale di Futura Stem Cells.

Nel mese di aprile Futura Stem Cells ha raggiunto un grande obiettivo. Di che si tratta?

Il nostro risultato è stato l’essere riusciti, grazie alla nostra banca, ad effettuare nove rilasci di campioni di staminali cordonali. Dal 2005, data in cui è stato fatto il primo rilascio, ad oggi, siamo arrivati a quota nove. Per noi questo rappresenta un traguardo importante perché si tratta di rilasci effettuati presso ospedali di tutto il mondo e che servono per curare bambini affetti da varie patologie.

Sono tanti anni che Futura Stem Cells segue questa materia e i relativi sviluppi scientifici…

Futura Stem Cells è impegnata fortemente nell’ambito della ricerca e si occupa da vicino di tutte le evoluzioni a cui oggi stiamo assistendo nel campo della sperimentazione, garantendo però sempre chiarezza ai genitori e ai futuri genitori che si avvicinano a crioconservare le cellule staminali del proprio bambino.

Quali sono le principali domande o perplessità delle coppie che si accostano a questa pratica?

I genitori hanno principalmente il timore di dover consegnare questo prezioso materiale nelle mani di qualcuno. A mio avviso, in questo  momento chi meglio di Futura Stem Cells, dotata di una banca in possesso di una certificazione molto importante, l’HTA (Human Tissue Authority, il massimo ente governativo britannico che regola lo stoccaggio e gli utilizzi dei materiali biologici, Ndr)  può dare una garanzia per custodire questo bene così prezioso?

 

Articoli correlati
Genova, malati di HIV potrebbero essere curati con antitumorali
Passi avanti nella lotta al virus dell’HIV. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Genova – guidato dal Prof. Gilberto Filaci, affiliato al Centro di Eccellenza per le Ricerche Biomediche e al Dipartimento di Medicina Interna presso l’Ospedale Policlinico San Martino di Genova, ha scoperto un nuovo meccanismo attraverso il quale il virus dell’HIV causa l’immunodeficienza. I risultati […]
Salute della donna: neuropelveologia, staminali e diagnosi prenatale le novità dal congresso Sigo-Aogoi-Agui
«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali, argomenti sui quali è necessaria grande accortezza» ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico e già vicepresidente nazionale Aogoi
di Lucia Oggianu
Sanità digitale: 32% dei medici usa app per screening. Intervista alla direttrice Osservatorio Innovazione Digitale Sanità
«L'Osservatorio è ormai un punto di riferimento per la ricerca sull’innovazione digitale perché permette un confronto e una collaborazione tra i diversi attori del settore sanitario. L'Italia è ancora indietro rispetto all’Europa. Il problema? Mancano gli investimenti». Queste le parole della direttrice dell’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano, Chiara Sgarbossa
Trapiantato il primo esofago artificiale negli Usa: è opera di due ricercatori italiani
Costruire un esofago in materiale sintetico; rivestirlo di cellule staminali del paziente; aspettare che intorno alla struttura ricresca il nuovo tessuto esofageo; rimuovere l’impalcatura artificiale che ha fatto da “binario” per la formazione del nuovo organo e salvare una vita. È quanto compiuto da due ricercatori italiani, Fabio Triolo (Direttore del Nucleo terapie cellulari dell’Università […]
Posizione “a culla” o “a rugby”? Ecco come si allatta un figlio in totale sicurezza
L’osteopata Tiziana Galeotti spiega ai nostri microfoni quali sono le posizioni e gli accorgimenti che ogni mamma deve avere quando allatta suo figlio. «Mai piegarsi ma avvicinare il piccolo al seno». Il dito in bocca? Da evitare: «Modifica la cavità orale…»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...