Salute 28 novembre 2017

Specializzazioni e borse di studio dei farmacisti: «Vogliamo equiparazione con medici»

Parlano i giovani farmacisti in occasione del 38esimo convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera). Ecco i motivi della protesta: «Differenza ingiustificabile, serve contratto di formazione come in Medicina»

Lavorano fianco a fianco negli ospedali ma hanno un trattamento economico molto diverso. Parliamo degli specializzandi in Medicina e in Farmacia Ospedaliera. Se da diversi decenni i medici che frequentano un corso di specializzazione portano a casa una borsa di studio che gli permette di mantenersi (fatta esclusione per gli anni 1978-2006, ma questa è un’altra questione), ciò non accade per i farmacisti, ed è per questo che si sta facendo sempre più forte la voce di chi vuole mettere sullo stesso livello i due tipi di professione.

«Penso sia corretto paragonare la nostra borsa di studio a quella che ricevono i medici – ci dice una giovane specializzanda che ha preso parte al Convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera) che ha avuto luogo il 23 novembre scorso a Roma –: noi lavoriamo a tutti gli effetti da dipendenti dell’ospedale, e lì passiamo la maggior parte del nostro tempo da specializzandi, insieme ai medici. Per questo motivo senza dubbio è giusto che anche a noi venga concesso lo stesso trattamento economico».

LEGGI ANCHE: BORSE DI STUDIO AI FARMACISTI, LA “CROCIATA” DEL SENATORE D’AMBROSIO LETTIERI (FOFI): «INGIUSTIZIA CHE VA SANATA»

«Quella delle borse di studio – ci spiega invece Roberto, anche lui giovane farmacista ospedaliero all’ultimo anno di scuola post-laurea – è una battaglia che stiamo portando avanti su più fronti e da più anni: nonostante nel marzo del 2015 sia stato pubblicato un decreto ministeriale che va proprio nella direzione dell’equiparazione tra le scuole di specializzazione di Farmacia Ospedaliera e Medicina, purtroppo, allo stato dei fatti, questa equiparazione non c’è mai stata».

La battaglia che questi giovani combattono però va oltre il concetto di borsa di studio: «Noi non vogliamo – spiega ancora Roberto – una borsa di studio intesa come quella che tendono ad elargire alcune Università italiane per fare in modo che lo studente possa sostenersi. Noi vogliamo il contratto di formazione, come quello applicato ai medici specializzandi, che prevede una retribuzione che proviene dal Ministero della Salute, e non dalle Università. È vero – continua – siamo inquadrati in un percorso di studio universitario, ma siamo a tutti gli effetti operatori sanitari che lavorano in ospedale. Per questo tutto quel che chiediamo è che ci venga riconosciuto quanto viene dato ai medici. Né più né meno».

 

 

Articoli correlati
Amianto nei thermos: l’allarme del Ministero della salute
«Rischio Chimico-cancerogeno per presenza di amianto». Con questa motivazione e attraverso una circolare ufficiale, il Ministero della salute ha disposto il divieto di vendita, ritiro e richiamo dal mercato del thermos porta pranzo di produzione cinese marca Kitchen Club. Come specifica il Ministero, «il laboratorio di Prevenzione della ATS Milano ha seguito l’analisi di prima istanza del campione “Thermos-Marca Kitchen Club” riscontrando la […]
Bari, influenza: tre morti
L’influenza stagionale ha costretto due milioni di italiani a letto e ha provocato a Bari tre decessi e sei ammalati ricoverati in gravi condizioni. Come riporta l’Ansa, i dati sono forniti dall‘Osservatorio epidemiologico regionale pugliese. Le vittime sono tre uomini pugliesi ricoverati a Bari: un 58enne affetto da ipertensione, un 86enne e un 73enne affetti […]
Lorenzin e Lorusso (FNSI) firmano Protocollo di Intesa per formazione dei giornalisti su temi di salute
«Con questo Protocollo ci vacciniamo contro le fake news», ha dichiarato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Sifo Care: “Il farmacista del futuro nel sistema salute”
Al via oggi il 38esimo Congresso della Società Italiana di Farmacia Ospedaliera (Sifo) che si svolgerà a Roma presso l’Hotel Rome Cavalieri tra il 23 ed il 26 novembre. Focus dell’evento il ruolo del farmacista nel “futuro del Sistema Salute” in un momento di grandi cambiamenti ed innovazione nell’ambito delle cure, dei farmaci e dell’assistenza […]
Avian influenza: il Ministro risponde…
Si è svolta il 4 ottobre a Roma la Conferenza internazionale “Avian influenza: a global threat”. L’evento, organizzato dal Ministero della Salute, in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie – Centro di referenza nazionale e laboratorio di riferimento OIE/FAO per l’influenza aviaria e la malattia di Newcastle, ha radunato esperti e autorità sanitarie internazionali […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...