Salute 28 novembre 2017

Specializzazioni e borse di studio dei farmacisti: «Vogliamo equiparazione con medici»

Parlano i giovani farmacisti in occasione del 38esimo convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera). Ecco i motivi della protesta: «Differenza ingiustificabile, serve contratto di formazione come in Medicina»

Lavorano fianco a fianco negli ospedali ma hanno un trattamento economico molto diverso. Parliamo degli specializzandi in Medicina e in Farmacia Ospedaliera. Se da diversi decenni i medici che frequentano un corso di specializzazione portano a casa una borsa di studio che gli permette di mantenersi (fatta esclusione per gli anni 1978-2006, ma questa è un’altra questione), ciò non accade per i farmacisti, ed è per questo che si sta facendo sempre più forte la voce di chi vuole mettere sullo stesso livello i due tipi di professione.

«Penso sia corretto paragonare la nostra borsa di studio a quella che ricevono i medici – ci dice una giovane specializzanda che ha preso parte al Convegno SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera) che ha avuto luogo il 23 novembre scorso a Roma –: noi lavoriamo a tutti gli effetti da dipendenti dell’ospedale, e lì passiamo la maggior parte del nostro tempo da specializzandi, insieme ai medici. Per questo motivo senza dubbio è giusto che anche a noi venga concesso lo stesso trattamento economico».

LEGGI ANCHE: BORSE DI STUDIO AI FARMACISTI, LA “CROCIATA” DEL SENATORE D’AMBROSIO LETTIERI (FOFI): «INGIUSTIZIA CHE VA SANATA»

«Quella delle borse di studio – ci spiega invece Roberto, anche lui giovane farmacista ospedaliero all’ultimo anno di scuola post-laurea – è una battaglia che stiamo portando avanti su più fronti e da più anni: nonostante nel marzo del 2015 sia stato pubblicato un decreto ministeriale che va proprio nella direzione dell’equiparazione tra le scuole di specializzazione di Farmacia Ospedaliera e Medicina, purtroppo, allo stato dei fatti, questa equiparazione non c’è mai stata».

La battaglia che questi giovani combattono però va oltre il concetto di borsa di studio: «Noi non vogliamo – spiega ancora Roberto – una borsa di studio intesa come quella che tendono ad elargire alcune Università italiane per fare in modo che lo studente possa sostenersi. Noi vogliamo il contratto di formazione, come quello applicato ai medici specializzandi, che prevede una retribuzione che proviene dal Ministero della Salute, e non dalle Università. È vero – continua – siamo inquadrati in un percorso di studio universitario, ma siamo a tutti gli effetti operatori sanitari che lavorano in ospedale. Per questo tutto quel che chiediamo è che ci venga riconosciuto quanto viene dato ai medici. Né più né meno».

 

 

Articoli correlati
Liste d’attesa, il Ministro Grillo chiede informazioni alle Regioni: «Presto piano nazionale per abbattere i tempi»
Nella circolare richieste su accesso alle prestazioni sanitarie, massima trasparenza e sicurezza delle cure, equità e uniformità in tutta Italia, nessun onere aggiuntivo per gli assistiti, controllo puntuale del corretto svolgimento della libera professione da parte dei medici. Il Ministro su Fb: «Basta con la vergogna di ottenere una mammografia dopo 13 mesi»
Vaccini, +4,4% copertura morbillo. Lorenzin: «Dove MMG e pediatri sono più proattivi, si ottengono grandi risultati»
Presentate al Ministero della Salute le coperture vaccinali dell’età pediatrica e dell’adolescente del 2017. A livello nazionale, copertura al 94,5%. Per il Ministro il risultato è ottimo, ma la guardia deve rimanere alta
Cecità e riabilitazione visiva, la Relazione al Parlamento. Il Ministro risponde…
Il 28 febbraio 2018 il Ministro della salute ha inviato ai Presidenti di Camera e Senato la nuova Relazione annuale al Parlamento ai sensi della Legge 284/97 sulla riabilitazione visiva, documento che riporta tutte le attività svolte in Italia, nel 2016, per la prevenzione dell’ipovisione e della cecità. La legge 284/97 stabilisce l’esistenza e il funzionamento di specifici […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Screening neonatali, completata la mappatura italiana dei Centri. Del Favero (ISS): «Pronti ad applicare la Legge»
«Tutto questo possibile grazie alla collaborazione preziosa delle Regioni. L’organizzazione messa in piedi ha funzionato come una vera e propria squadra a servizio della salute» dichiara Angelo Del Favero, Direttore Generale dell’Istituto Superiore di Sanità
Contributo del 5,5 % delle spese sostenute per attività promozionali
Tra gli obblighi delle imprese del settore dei dispositivi medici vi è quello di inviare alla Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico una dichiarazione concernente le spese per attività promozionali e provvedere al versamento del contributo del 5,5% delle spese. La dichiarazione e il versamento devono essere effettuati entro il 30 aprile di ogni anno.
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...