Salute 16 giugno 2015

Spallanzani: fondamentale la collaborazione internazionale. Conoscenze da condividere anche su Mers e altri patogeni

Intervista al professor Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive: «Formazione per sapere come comportarsi quando c’è un un caso di malattia ignota»

Immagine articolo

Due casi di Ebola in Italia, due storie, entrambe a lieto fine grazie all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, che ancora una volta ha dimostrato di essere il fiore all’occhiello tra le eccellenze sanitarie in Italia.


Dopo il caso Pulvirenti, la struttura guidata dal professor Giuseppe Ippolito ha affrontato con successo la vicenda di Stefano Marongiu, l’infermiere sardo di Emergency contagiatosi in Sierra Leone, proprio come Fabrizio Pulvirenti.

Ventinove giorni di degenza per Stefano contro i quaranta di Fabrizio. A cosa è stata dovuta questa differenza nel decorso? A questa e altre domande ha risposto proprio il prof. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani, ai microfoni di Sanità informazione: «Non ci dimentichiamo che Fabrizio Pulvirenti ha trascorso parte della degenza in rianimazione, nel reparto di terapia intensiva.  Ogni caso è a sé, ma di certo il fattore età gioca un ruolo fondamentale nel decorso». Forte il monito a non abbassare la guardia, con Ebola e con tutte le minacce virali, reali e potenziali, in primis quella che arriva dal Medio Oriente: la MERS (Sindrome respiratoria mediorientale). «Negli italiani non deve destare particolare preoccupazione, ma anche qui bisogna essere preparati ad ogni evenienza. Il modello centralistico messo in atto per il caso Ebola e già precedentemente adottato per il bioterrorismo, è molto probabilmente la risposta corretta per far fronte anche a questa patologia».

Tutti casi che rendono l’idea di quanto sia essenziale la formazione e l’informazione per il personale sanitario chiamato a gestire questo tipo di emergenze…
«Sicuramente il modello di formazione passa per la corretta conoscenza di cosa circola nel mondo, di cosa giunge fino a noi, e di come bisogna comportarsi quando c’è un caso di malattia ignota. Bisognerà cambiare l’approccio con cui le persone si informano e si tengono informate. Il personale chiede a gran voce maggiori possibilità di fare formazione: speriamo che ci siano importanti investimenti in tal senso».

Articoli correlati
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Droghe, Cgil e Fp Cgil aderiscono a giornata contro overdose
“Mai più overdose, mai più stigma”. Con questo appello la Cgil e la Fp Cgil aderiscono alla giornata mondiale contro l’overdose, una iniziativa lanciata nel 2001 e che ha visto negli anni crescere l’adesione di molte associazioni e organizzazioni nel mondo, comprese amministrazioni e governi di vari paesi. La Cgil e la Funzione Pubblica Cgil […]
Siglato l’accordo tra il Gruppo ospedaliero San Donato e Nmc Healthcare
Garantire ai pazienti un livello di assistenza sicuro e di elevata qualità, facilitando la formazione e lo sviluppo del personale medico per ottenere i migliori risultati diagnostici e terapeutici. È questo l’obiettivo dell’accordo siglato il 26 agosto tra il Gruppo ospedaliero San Donato e BRS Ventures Investment Ltd, capofila di Nmc Healthcare, il più grande […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...