Salute 10 giugno 2015

«Sono salvo ma di Ebola dobbiamo avere ancora paura»

Il grazie ai medici ed un monito per Stefano Marongiu, il paziente 2 guarito dall’Ebola: «Formazione fondamentale, ma il mondo non deve abbassare la guardia»

Immagine articolo

Sono abituato a sentirmi dire grazie dalle persone a cui presto soccorso. Stavolta sono io ad avere una lista infinita di ringraziamenti». Visibilmente commosso, Stefano Marongiu – l’infermiere sardo contagiato dall’Ebola – ha raccontato la sua guarigione all’istituto “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

Proprio nell’Istituto di ricerca per le malattie infettive è stata vinta la seconda battaglia contro l’epidemia dopo il caso del medico siciliano, Fabrizio Pulvirenti, dimesso lo scorso 2 gennaio dopo 40 giorni di isolamento totale.

È invece durato 29 giorni il ricovero dell’infermiere di Emergency.  «Ai due pazienti italiani guariti dal virus ebola sono stati applicati protocolli clinici in parte differenti: questo poiché “ogni caso di infezione è diverso»,  ha spiegato il direttore scientifico dell’Istituto “Spallanzani”, Giuseppe Ippolito, che ha poi reso noti i tipi di farmaci impiegati: «per Pulvirenti abbiamo utilizzato il Favipiravir ottenuto dal Giappone, plasma da convalescente giunto da Germania e Spagna, il farmaco Zmab ed un altro medicinale prodotto in Italia, il Melanocortin. Per Marongiu i due farmaci Favipiravir e Nill 77, quest’ultimo di produzione cinese». Per l’infermiere sardo, ha inoltre chiarito Ippolito, si è deciso di non usare il plasma da convalescente «poiché la situazione non lo richiedeva e considerando i rischi comunque legati a tale opzione terapeutica». «La mia mia guarigione è una vittoria di squadra:  c’è stato un coinvolgimento internazionale grazie all’Italia, e allo “Spallanzani” che con l’eccellenza della sua equipe medica mi ha salvato la vita e, sinceramente, avendo visto i miei valori so che è stata un impresa: mi hanno trattato come un amico da salvare ad ogni costo».

Marongiu ha ringraziato tutti, sottolineando l’importanza di esser partito per la Sierra Leone, adeguatamente preparato e formato da Emergency: «Davanti ad Ebola non bisogna abbassare la guardia, ora c’è il rischio di non averne più paura. La  formazione – aggiunge –  è fondamentale per affrontare questa epidemia e le tante altre, che non vanno sottovalutate, che minacciano milioni di persone>. Se per Marongiu è finito l’incubo, la situazione resta ancora profondamente preoccupante, specialmente in Africa. A maggio si è registrata una nuova impennata di casi in Guinea e gli esperti parlano di nuovi focolai. «Adesso mi aspetta la mia famiglia, ma mi piacerebbe essere ancora d’aiuto sia allo “Spallanzani”, collaborando alla ricerca, sia tornando in Africa, quando, chiaramente, ci saranno le condizioni per farlo».

Nonostante la bella notizia delle dimissioni di Stefano Marongiu, il caso continua comunque a tenere banco anche alla luce di tutte le criticità emerse poco alla volta nel corso di questo mese. A Cagliari si è riunita l’unità di crisi regionale per fare il punto sul caso. All’incontro, voluto e presieduto dall’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, ha partecipato, in qualità di rappresentante del ministero della Salute, anche il direttore generale della prevenzione sanitaria Raniero Guerra. Ma se in Italia la vicenda ha avuto un lieto fine, in Europa e nel resto del mondo l’aria che tira appare ben diversa. Tant’è che il cancelliere tedesco, Angela Merkel, aveva messo tra le questioni prioritarie da affrontare nel G7 appena concluso proprio la discussione su come è stata affrontata, a livello mondiale, la questione Ebola e quali sono le lezioni da imparare per evitare che si ripetano emergenze simili in futuro. I risultati? Deludenti, almeno secondo Medici Senza Frontiere: per Bruce de la Vingne, direttore delle operazioni di MSF, sarebbe stato necessario puntare in maniera nettamente più decisa sulla formazione del personale mentre  per Joanne Liu, presidente internazionale di MSF ha evidenziato i rischi legati alla diffusione di nuove epidemie:  sono infatti saliti ad 87 i casi totali di infezione da virus MERS (Middle East Respiratory Syndrome) che si sono verificati in Corea del Sud. Di questi, 23 sono quelli registrati soltanto negli ultimi giorni, mentre 17 soggetti infetti provengono dallo stesso pronto soccorso dell‘ospedale di Seul dove il primo paziente è stato ricoverato dopo la conferma alla positività al virus MERS.

Tags

Articoli correlati
Sanità internazionale
Gli Ebola fighters hanno vinto? 
Santé internationale
Est-ce que les Ebola fighters ont gagné?
«Esportiamo le nostre competenze». Un modello europeo contro le pandemie
Al Parlamento europeo arriva l’allerta di Ignazio Corrao, Presidente Commissione Sviluppo e Diritti Umani: «Formazione e informazione e sui vaccini campagne di consapevolezza e confronto»
Emergenze pandemie “senza confini”: i Medici Stranieri in Italia dicono basta agli allarmismi e promuovono i film formativi
Il presidente dell’Amsi, Foad Aodi: «Informare correttamente le popolazioni e per le formazione del personale sanitario serve un coordinamento internazionale puntando sulle eccellenze italiane»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...