Salute 10 giugno 2015

«Sono salvo ma di Ebola dobbiamo avere ancora paura»

Il grazie ai medici ed un monito per Stefano Marongiu, il paziente 2 guarito dall’Ebola: «Formazione fondamentale, ma il mondo non deve abbassare la guardia»

Immagine articolo

Sono abituato a sentirmi dire grazie dalle persone a cui presto soccorso. Stavolta sono io ad avere una lista infinita di ringraziamenti». Visibilmente commosso, Stefano Marongiu – l’infermiere sardo contagiato dall’Ebola – ha raccontato la sua guarigione all’istituto “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

Proprio nell’Istituto di ricerca per le malattie infettive è stata vinta la seconda battaglia contro l’epidemia dopo il caso del medico siciliano, Fabrizio Pulvirenti, dimesso lo scorso 2 gennaio dopo 40 giorni di isolamento totale.

È invece durato 29 giorni il ricovero dell’infermiere di Emergency.  «Ai due pazienti italiani guariti dal virus ebola sono stati applicati protocolli clinici in parte differenti: questo poiché “ogni caso di infezione è diverso»,  ha spiegato il direttore scientifico dell’Istituto “Spallanzani”, Giuseppe Ippolito, che ha poi reso noti i tipi di farmaci impiegati: «per Pulvirenti abbiamo utilizzato il Favipiravir ottenuto dal Giappone, plasma da convalescente giunto da Germania e Spagna, il farmaco Zmab ed un altro medicinale prodotto in Italia, il Melanocortin. Per Marongiu i due farmaci Favipiravir e Nill 77, quest’ultimo di produzione cinese». Per l’infermiere sardo, ha inoltre chiarito Ippolito, si è deciso di non usare il plasma da convalescente «poiché la situazione non lo richiedeva e considerando i rischi comunque legati a tale opzione terapeutica». «La mia mia guarigione è una vittoria di squadra:  c’è stato un coinvolgimento internazionale grazie all’Italia, e allo “Spallanzani” che con l’eccellenza della sua equipe medica mi ha salvato la vita e, sinceramente, avendo visto i miei valori so che è stata un impresa: mi hanno trattato come un amico da salvare ad ogni costo».

Marongiu ha ringraziato tutti, sottolineando l’importanza di esser partito per la Sierra Leone, adeguatamente preparato e formato da Emergency: «Davanti ad Ebola non bisogna abbassare la guardia, ora c’è il rischio di non averne più paura. La  formazione – aggiunge –  è fondamentale per affrontare questa epidemia e le tante altre, che non vanno sottovalutate, che minacciano milioni di persone>. Se per Marongiu è finito l’incubo, la situazione resta ancora profondamente preoccupante, specialmente in Africa. A maggio si è registrata una nuova impennata di casi in Guinea e gli esperti parlano di nuovi focolai. «Adesso mi aspetta la mia famiglia, ma mi piacerebbe essere ancora d’aiuto sia allo “Spallanzani”, collaborando alla ricerca, sia tornando in Africa, quando, chiaramente, ci saranno le condizioni per farlo».

Nonostante la bella notizia delle dimissioni di Stefano Marongiu, il caso continua comunque a tenere banco anche alla luce di tutte le criticità emerse poco alla volta nel corso di questo mese. A Cagliari si è riunita l’unità di crisi regionale per fare il punto sul caso. All’incontro, voluto e presieduto dall’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru, ha partecipato, in qualità di rappresentante del ministero della Salute, anche il direttore generale della prevenzione sanitaria Raniero Guerra. Ma se in Italia la vicenda ha avuto un lieto fine, in Europa e nel resto del mondo l’aria che tira appare ben diversa. Tant’è che il cancelliere tedesco, Angela Merkel, aveva messo tra le questioni prioritarie da affrontare nel G7 appena concluso proprio la discussione su come è stata affrontata, a livello mondiale, la questione Ebola e quali sono le lezioni da imparare per evitare che si ripetano emergenze simili in futuro. I risultati? Deludenti, almeno secondo Medici Senza Frontiere: per Bruce de la Vingne, direttore delle operazioni di MSF, sarebbe stato necessario puntare in maniera nettamente più decisa sulla formazione del personale mentre  per Joanne Liu, presidente internazionale di MSF ha evidenziato i rischi legati alla diffusione di nuove epidemie:  sono infatti saliti ad 87 i casi totali di infezione da virus MERS (Middle East Respiratory Syndrome) che si sono verificati in Corea del Sud. Di questi, 23 sono quelli registrati soltanto negli ultimi giorni, mentre 17 soggetti infetti provengono dallo stesso pronto soccorso dell‘ospedale di Seul dove il primo paziente è stato ricoverato dopo la conferma alla positività al virus MERS.

Tags

Articoli correlati
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...