Salute 30 gennaio 2017

«Smetto di fumare» il proposito più disatteso del 2017 Un aiuto? Parla l’oncologo: «Puntare su prodotti a rischio ridotto»

Umberto Tirelli, responsabile del dipartimento di Oncologia medica del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano: «Perdere il vizio è possibile, ma smettere di fumare dopo anni di dipendenza è davvero difficile. La soluzione è affidarsi a prodotti alternativi, ma che siano validi come le innovative soluzioni a tabacco riscaldato»

«Smetto quando voglio» è la frase più frequentemente pronunciata dai fumatori, di cui, una buona fetta, si trincera dietro la convinzione di non essere schiavo di una dipendenza. Tuttavia il fumo, più che un’abitudine, è una vera e propria assuefazione a un vizio che in alcuni casi può diventare una malattia. Ed è con questa termine: ‘malattia’, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce il tabagismo nella decima revisione della classificazione internazionale delle patologie. Ciliegina sulla torta, l’indagine pubblicata di recente dall’Istat, che segnala in netto aumento l’abitudine al fumo, soprattutto da parte dei giovani in particolare fra i 25 e 34 anni. Dunque, come correre ai ripari? Lo abbiamo chiesto a una voce autorevole nel campo, Umberto Tirelli, responsabile del dipartimento di Oncologia medica del Cro di Aviano.

Per combattere il tabagismo quale alternativa a disposizione ritiene essere più consigliabile per la salute?

«Tutto quello che può essere utile per perdere il vizio. Per combattere il fumo, quando la persona non riesce a smettere con i soliti rimedi, spesso fallimentari, parlo del chewingum, del patch e quant’altro, esistono i prodotti a rischio ridotto. In Gran Bretagna, per esempio, il Ministero della Sanità, già da anni, fa la pubblicità insieme alle associazioni dei medici, affinché la gente fumi le sigarette elettroniche invece di quelle tradizionali. È chiaro che non bisognerebbe fumare, questo lo sappiamo tutti, ma quando hai di fronte persone di 40-50 anni che fumano un pacchetto o due al giorno di sigarette, hanno provato tutti i rimedi disponibili e non hanno funzionato, evidentemente a questo punto, secondo i britannici e anche secondo gli italiani, i prodotti a rischio ridotto sono il sistema migliore».

Una soluzione al tabagismo, come segnala il professore Tirelli, può ricercarsi infatti nei prodotti a rischio ridotto, ottima alternativa alle sigarette tradizionali. Si tratta infatti di strumenti che riducono o eliminano i componenti nocivi o potenzialmente nocivi, conservando invariata la soddisfazione del fumatore.

I prodotti a rischio ridotto hanno effettivamente meno ripercussioni sulla salute? Perché?

«Nei prodotti a rischio ridotto, non si innesca il fenomeno di combustione ma di riscaldamento. È proprio la combustione che genera le sostanze cancerogene, mentre nei prodotti a rischio ridotto questo non avviene, quindi il danno per la salute è decisamente minore. Le sigarette elettroniche producono degli aromi, dei vapori, che non danneggiano l’apparato respiratorio come le la combustione della sigaretta tradizionale. Segnalo nuovamente il caso della Gran Bretagna, l’unico Paese dove il calo delle sigarette tradizionali è massiccio e aumenta proporzionalmente l’utilizzo delle sigarette elettroniche. Quindi ripeto, i medici in Gran Bretagna, consigliano di passare alla sigaretta elettronica per ridurre i danni del fumo».

I prodotti a tabacco riscaldato sono il futuro? È possibile che in un’ottica futura le sigarette vengano soppiantate da questo tipo di prodotti?

«Certo, questo è molto probabile. La nicotina infatti è la sostanza che provoca la dipendenza ed è il cordone ombelicale, quello difficile da tagliare. Interessante, in quest’ottica, l’iniziativa della Philip Morris che ha proposto alla Food and Drug Administration, un nuovo prodotto che contiene nicotina, ma a differenza delle sigarette tradizionali, non brucia ma riscalda».

Articoli correlati
Gilchrist (PMI): «Oltre il 70% dei fumatori tradizionali si converte a prodotti a potenziale rischio ridotto»
Il punto sui dati e le ricerche di Philip Morris International su iQOS, il prodotto a tabacco riscaldato alternativo alla sigaretta tradizionale, presentati al recente Global Forum on Nicotine tenutosi a Varsavia. Moira Gilchrist, Vice Presidente PMI per i prodotti a potenziale rischio ridotto: «Vanno avanti i nostri studi tossicologici e di sistema. Oltre 2 milioni di fumatori hanno completamente abbandonato le sigarette per passare alla nostra alternativa a rischio ridotto»
di Cesare Buquicchio – Inviato a Varsavia (Polonia)
La lotta al fumo passa da ricerca e prodotti a potenziale rischio ridotto. Prof. Polosa: «Eliminare combustione riduce danni del 90%»
Un sottotitolo ambizioso, “Ridurre il danno, salvare vite”, quello del Forum Mondiale sulla Nicotina che si è svolto in questi giorni a Varsavia, in Polonia. Confronto tra scienziati, esperti e aziende. Professor Polosa (Università di Catania e Lega Italiana Anti Fumo): «Prodotti a tabacco riscaldato ed e-cigarette per soppiantare il fumo di sigaretta»
di Cesare Buquicchio – Inviato a Varsavia (Polonia)
Fumare nuoce gravemente… al sesso. I consigli dell’esperto
«L’ossigeno è il carburante del sesso, il fumo rallenta la circolazione e quindi una buona ossigenazione. Una soluzione? Per ridurre molti degli effetti nocivi ci sono prodotti a rischio ridotto» lo spiega Emmanuele A. Jannini, Specialista in endocrinologia, malattie metaboliche e andrologia
Troppe sigarette in ospedale. L’allarme del Ministero della Salute
«Multe al personale sanitario che fuma negli spazi ospedalieri. Serve informazione e maggiore consapevolezza, soprattutto da parte di chi lavora per salvaguardare la salute e deve dare il buon esempio». L’intervista a Daniela Galeone del Dipartimento di Prevenzione e Comunicazione del Ministero della Salute
Smettere di fumare senza dire addio al tabacco? Il cardiologo: «Sì prodotti “rischio ridotto” ma non per fumare di più»
Francesco Romeo, direttore del reparto di Cardiologia di Tor Vergata e Presidente SIC: «Prodotti a tabacco riscaldato riducono sostanze dannose. Ben vengano per chi non ha nessuna intenzione di smettere di fumare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...