Salute 30 gennaio 2017

«Smetto di fumare» il proposito più disatteso del 2017 Un aiuto? Parla l’oncologo: «Puntare su prodotti a rischio ridotto»

Umberto Tirelli, responsabile del dipartimento di Oncologia medica del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano: «Perdere il vizio è possibile, ma smettere di fumare dopo anni di dipendenza è davvero difficile. La soluzione è affidarsi a prodotti alternativi, ma che siano validi come le innovative soluzioni a tabacco riscaldato»

«Smetto quando voglio» è la frase più frequentemente pronunciata dai fumatori, di cui, una buona fetta, si trincera dietro la convinzione di non essere schiavo di una dipendenza. Tuttavia il fumo, più che un’abitudine, è una vera e propria assuefazione a un vizio che in alcuni casi può diventare una malattia. Ed è con questa termine: ‘malattia’, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce il tabagismo nella decima revisione della classificazione internazionale delle patologie. Ciliegina sulla torta, l’indagine pubblicata di recente dall’Istat, che segnala in netto aumento l’abitudine al fumo, soprattutto da parte dei giovani in particolare fra i 25 e 34 anni. Dunque, come correre ai ripari? Lo abbiamo chiesto a una voce autorevole nel campo, Umberto Tirelli, responsabile del dipartimento di Oncologia medica del Cro di Aviano.

Per combattere il tabagismo quale alternativa a disposizione ritiene essere più consigliabile per la salute?

«Tutto quello che può essere utile per perdere il vizio. Per combattere il fumo, quando la persona non riesce a smettere con i soliti rimedi, spesso fallimentari, parlo del chewingum, del patch e quant’altro, esistono i prodotti a rischio ridotto. In Gran Bretagna, per esempio, il Ministero della Sanità, già da anni, fa la pubblicità insieme alle associazioni dei medici, affinché la gente fumi le sigarette elettroniche invece di quelle tradizionali. È chiaro che non bisognerebbe fumare, questo lo sappiamo tutti, ma quando hai di fronte persone di 40-50 anni che fumano un pacchetto o due al giorno di sigarette, hanno provato tutti i rimedi disponibili e non hanno funzionato, evidentemente a questo punto, secondo i britannici e anche secondo gli italiani, i prodotti a rischio ridotto sono il sistema migliore».

Una soluzione al tabagismo, come segnala il professore Tirelli, può ricercarsi infatti nei prodotti a rischio ridotto, ottima alternativa alle sigarette tradizionali. Si tratta infatti di strumenti che riducono o eliminano i componenti nocivi o potenzialmente nocivi, conservando invariata la soddisfazione del fumatore.

I prodotti a rischio ridotto hanno effettivamente meno ripercussioni sulla salute? Perché?

«Nei prodotti a rischio ridotto, non si innesca il fenomeno di combustione ma di riscaldamento. È proprio la combustione che genera le sostanze cancerogene, mentre nei prodotti a rischio ridotto questo non avviene, quindi il danno per la salute è decisamente minore. Le sigarette elettroniche producono degli aromi, dei vapori, che non danneggiano l’apparato respiratorio come le la combustione della sigaretta tradizionale. Segnalo nuovamente il caso della Gran Bretagna, l’unico Paese dove il calo delle sigarette tradizionali è massiccio e aumenta proporzionalmente l’utilizzo delle sigarette elettroniche. Quindi ripeto, i medici in Gran Bretagna, consigliano di passare alla sigaretta elettronica per ridurre i danni del fumo».

I prodotti a tabacco riscaldato sono il futuro? È possibile che in un’ottica futura le sigarette vengano soppiantate da questo tipo di prodotti?

«Certo, questo è molto probabile. La nicotina infatti è la sostanza che provoca la dipendenza ed è il cordone ombelicale, quello difficile da tagliare. Interessante, in quest’ottica, l’iniziativa della Philip Morris che ha proposto alla Food and Drug Administration, un nuovo prodotto che contiene nicotina, ma a differenza delle sigarette tradizionali, non brucia ma riscalda».

Articoli correlati
Italia sempre più anziana: aumentano Alzheimer, Parkinson e sclerosi multipla. I risultati del 18° Congresso Nazionale della SIRN
La popolazione italiana ha una elevata longevità: la speranza di vita alla nascita è di 80,3 anni per gli uomini e 84,9 per le donne, superiore alla media europea, che è di 77,9 e 83,3. In Italia si registra anche la percentuale più alta di popolazione anziana, ovvero gli over 65: il 21,7% della popolazione […]
Reggio Calabria, alto rischio cardiocircolatorio per donne
Il 6 e 7 aprile 2018 a Reggio Calabria – Lungomare Facolmatà nei pressi della Stazione Lido – fa tappa l’ambulatorio mobile di “Prevenzione Possibile. La salute al femminile”. Tutte le donne potranno fare una visita gratuita con un medico per la valutazione preliminare del rischio cardiovascolare e la misurazione della densità ossea tramite misurazione […]
Psoriasi, Clara De Simone (Dermatologa): «Non è solo malattia della pelle, può nascondere altro»
«Le malattie della pelle non hanno implicazioni solo di tipo estetico: possono essere la spia di altre problematiche ed impattano notevolmente sulla qualità di vita di chi ne soffre». L’intervista alla professoressa Clara De Simone
Infertilità maschile: a rischio chef e operai. Attenzione a inquinamento, fertilizzanti e farmaci
Le cause di infertilità non sono legate solo a fattori genetici o all’età, ma hanno grande rilevanza anche quelle di natura esterna: parliamo di alimentazione e inquinamento, di alcol e fumo. Ma i rischi sono molto alti anche a causa di particolari posizioni geografiche e di stili di vita e mestieri o attività esercitate. Basti […]
L’Airc torna in piazza con «le Arance della Salute» per la lotta al cancro
0 sigarette, 5 porzioni di frutta e verdura, 30 minuti di attività fisica: ecco le indicazioni da seguire tutti per ridurre il rischio di cancro. Sabato 27 gennaio i volontari dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro saranno in 2.500 piazze e oltre 600 scuole con “Le Arance della Salute”, il primo appuntamento dell’anno per sostenere il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi