Salute 19 giugno 2018

La salute passa per il sistema endocannabinoide. Bagar (International Institute for Cannabinoids): «Ecco come funziona e a cosa serve»

Diversi processi vitali per l’organismo umano e animale passano per una rete composta da milioni di recettori che interagiscono con i cannabinoidi: «Grandissime potenzialità, ma ancora non conosciamo tutto…»

di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)
Immagine articolo

Nel corpo umano esiste una rete composta da milioni di recettori che interagiscono con i cannabinoidi, sostanze chimiche naturali che possono provenire dall’organismo stesso (e per questo si chiamano endo-cannabinoidi) o dall’esterno. La combinazione tra recettore e cannabinoide genera, all’interno del corpo, determinati processi che garantiscono il funzionamento di diverse funzioni e attività, tanto del sistema nervoso centrale quanto di quello periferico. Questa rete di recettori è conosciuta come “sistema endocannabinoide”, e sulle sue qualità e potenzialità c’è ancora molto da studiare e capire. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Tanja Bagar, CEO and Chairman of the Expert Council of the International Institute for Cannabinoids, in Slovenia, intervenuta nel corso del Balkannabis Expo, in Grecia.

Dottoressa Bagar, che cos’è il sistema endocannabinoide e perché è così importante per le nostre vite?

«Il sistema endocannabinoide è una sorta di sistema di protezione generale che abbiamo nel nostro corpo. La sua funzione è appunto quella di proteggere noi e la nostra biochimica, quindi le nostre cellule, i nostri tessuti, i nostri organi, insomma, tutto il nostro corpo. Forse il modo migliore per capire cosa faccia è quello di paragonarlo al sistema immunitario: abbiamo un sistema immunitario che è lì per proteggerci dai batteri, dai virus, dai parassiti, mentre il sistema endocannabinoide è lì per proteggerci da qualunque cosa ci possa accadere, dallo stress emotivo agli inquinanti che possiamo bere, mangiare o respirare. Questo sistema si attiva quando incontriamo virus, batteri, parassiti, oppure se abbiamo un danno fisico, come una frattura. Quindi il sistema si attiva ogni qual volta accade qualcosa al nostro corpo che rompa il nostro equilibrio e il nostro funzionamento ottimale. È per questo che è così importante per noi. Il sistema endocannabinoide funziona insomma come un pulsante di SOS».

LEGGI ANCHE: MALATTIE DEGENERATIVE, LE PROPRIETA’ DEL CBD. RUSSO (ICCI): «ALLEVIA SINTOMI DI EPILESSIA, CANCRO E ALZHEIMER»

Quali sono le prospettive a breve termine della ricerca?

«Innanzitutto, bisogna sapere cos’è e a cosa serve il sistema endocannabinoide e riuscire a gestire il nostro stile di vita, la nostra salute e il cibo in modo da nutrire questo apparato. Per questo una delle cose fondamentali è avere uno stile di vita e un tipo di alimentazione che possano nutrire il sistema endocannabinoide e aiutarlo a mantenersi in forma. Sappiamo che il nostro organismo ha bisogno di acidi grassi Omega 3 perché senza di loro non possiamo produrre endocannabinoidi. È poi necessario avere un intestino sano, perché è quello il posto in cui viene prodotta la maggior parte del sistema endocannabinoide, e se non è sano non riesce a produrla. Quindi questo è il primo aspetto. L’altro interviene in caso di malattia. Vediamo un utilizzo molto efficace di cannabinoidi nei casi di malattie autoimmuni, nel cancro, in malattie infiammatorie o neurologiche. In caso di malattia, il CBD o gli altri cannabinoidi fanno da stampella al sistema endocannabinoide e gli permettono di tornare in equilibrio e di ricoprire nuovamente il ruolo protettivo che ha. Questo probabilmente è il modo migliore per spiegare dove sta andando la ricerca».

Articoli correlati
Onda, disturbi del sonno per 9 donne su 10 over 45: a rischio la salute e la felicità di coppia
“Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. “Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i […]
Lazio, Zingaretti: «Non sarà più necessario certificato medico per assenze scolastiche»
A partire da questo anno scolastico, come già avviene in alcune regioni italiane del centro nord, anche nella regione Lazio non sarà più necessario per le famiglie portare il certificato medico per le assenze per malattia superiori ai cinque giorni. Il provvedimento è stato approvato durante la discussione del Collegato del Bilancio in Consiglio Regionale […]
Prevenzione, al via la nona edizione di “Nonno Ascoltami” con Lino Banfi testimonial d’eccezione
Al via in tutta Italia la nona edizione di “Nonno Ascoltami! – L’Ospedale in piazza”, la campagna di controlli gratuiti dell’udito, che promuove su tutto il territorio nazionale una nuova cultura della prevenzione e della salute dei cittadini. Ad aprire l’edizione 2018 un testimonial d’eccezione: l’attore Lino Banfi, già promotore al fianco della Onlus “Nonno […]
Il 22 e 23 settembre l’ottava edizione di “Venezia in Salute”. 31 gazebo in piazza per difendere il SSN
Una grande festa per ribadire che, a 40 anni dalla sua nascita, il Servizio Sanitario Nazionale è un tesoro, un’esperienza da difendere e, se possibile, da rafforzare. Questo sarà l’edizione 2018 di Venezia in Salute, la manifestazione in programma il 22 e il 23 settembre tra laguna e terraferma, organizzata dall’Ordine veneziano dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (OMCeO) e dal […]
Nasce “A scuola con le istituzioni” per creare pazienti/influencer
Tutti a scuola con le Istituzioni, per implementare il nuovo Sistema Salute introdotto dal Piano Nazionale Cronicità. L’ambizioso progetto, messo in cantiere da Ipacs (Institutional & Public Coaching Services) nasce dal doppio evento istituzionale del 12 luglio e 12 settembre, patrocinato dal Ministero della Salute, durante il quale è stata fatta esperienza, nei laboratori paralleli, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...