Politica 5 maggio 2015

“Siamo noi medici la prima linea dell’emergenza migranti”

La testimonianza esclusiva del dottor Alessandro Cristaudo

Immagine articolo

Nei concitati soccorsi direttamente in mare e, subito dopo, nei centri d’accoglienza sono le nostre mani il primo contatto tra i migranti e l’Italia”. Il dottor Alessandro Cristaudo racconta così –  in esclusiva a Sanità Informazione – la sua esperienza a Lampedusa con il C.I.S.O.M. (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta).

Proprio in queste ore in cui gli sbarchi si sono intensificati (secondo le stime del Viminale sono 7mila le persone arrivate solo negli ultimi giorni), la figura dell’operatore sanitario, ha visto confermare la sua centralità nelle operazioni di soccorso. Ed in attesa che si trovi una soluzione, anche a livello internazionale, in prima linea – insieme a forze armate e volontari – ci sono proprio i medici. Ed il loro è un ruolo delicato e pieno di insidie oltre che di responsabilità. E nessuno, meglio di chi vive direttamente sul campo quell’esperienza, può raccontare le criticità che si incontrano e offrire una testimonianza diretta di quanto sia complicato districarsi sulla sottile linea che separa uomo e professionista davanti a scene di forte impatto e grande disperazione e a scelte che danzano sulla linea sottile tra la vita e la morte.

E questo trapela con estrema chiarezza dalle parole di Alessandro Cristaudo. “Davanti a numeri di questo genere, le difficoltà logistiche aumentano e spesso ti portano al limite – spiega il medico – e va considerato che ci troviamo a soccorrere 1500 o 1700 migranti su una nave della Marina, equipaggiati con uno zaino e, nelle situazioni migliori, con una medicheria di bordo a disposizione e con la possibilità di garantire nell’immediato, almeno, un pasto caldo ed un riparo dalle intemperie, a chi è stato in balia del mare per giorni e giorni”.

Senza sottovalutare il rischio delle epidemie: difficile non solo da gestire, ma anche da individuare. “La formazione in questo caso è fondamentale – prosegue il dottor Cristaudo – così come le precauzioni da prendere. Può sembrare banale, ma dobbiamo prepararci con attenzione anche nelle operazioni di vestizione e svestizione dalle tute isolanti e dai guanti. Vanno creati, negli spazi angusti in cui dobbiamo muoverci in quelle situazioni, dei percorsi preferenziali dove isolare e smaltire tutto ciò che può innescare dei contagi con effetti incontrollabili”. Accortezze fondamentali mentre resta forte la minaccia di Ebola e di numerosi virus tornati prepotentemente alla carica, come ad esempio la scabbia. “Nel caso di Ebola – spiega Cristaudo – scattano operazioni di bio-contenimento ad hoc, ma ad ogni modo sarebbe necessario oltre che opportuno essere adeguatamente preparati. Il problema è che questo impone spesso tempi lunghi e mezzi adeguati, ma spesso siamo costretti ad operare in situazione di emergenza pura con migliaia di persone, con tante donne e bambini, e si procede con quanto mette a disposizione la Marina e lo Stato”. Formazione e informazione giocano un ruolo fondamentale, ma la missione del medico – davanti al dramma – finisce per andare oltre i limiti. “Lavorando in pronto soccorso sono abituato ai turni massacranti – conclude il dottor Cristaudo – ma queste situazioni non hanno termini di paragone: al tuo fianco vedi marinai che si alternano dormendo per giorni al massimo 2 o 3 ore e viene spontaneo fare quello che anche per noi è un dovere”.

E intanto è stato creato, proprio a Lampedusa, un Istituto, vigilato dal Ministero della Saluto, che da questa settimana al 30 novembre, offrirà assistenza medico-specialista ai migranti. A loro disposizione – sette giorni su sette –  due medici, un antropologo e un mediatore transculturale esperto in ambito sanitario, nella sede allestita ad hoc nel Centro locale di primo soccorso e accoglienza.

Articoli correlati
Immigrazione, presentate le linee guida per uniformare controlli sanitari. Mirisola (INMP): «Ora la vera sfida è renderle concrete»
«I controlli alla frontiera, la frontiera dei controlli», è questo il titolo del documento presentato da INMP, ISS e SIMM alla Camera dei Deputati con l’obiettivo di standardizzare gli approcci assistenziali per migranti e profughi. Le linee guida «colmano il vuoto che si crea tra lo sbarco e il centro di accoglienza», ha spiegato Ranieri Guerra, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute
INMP presenta la Linea Guida su “controlli sanitari all’arrivo e percorsi tutela per migranti ospiti nei centri di accoglienza”
Il Documento è il primo contributo scientifico a livello europeo su un tema di sanità pubblica estremamente attuale e verrà presentato alla presenza del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il 24 luglio alle ore 17.30 presso la sala stampa della Camera dei Deputati
Il medico di base: un ruolo chiave
“Prevenire è meglio che curare”, più che un semplice luogo comune dovrebbe essere la “forma mentis” alla base di ogni progetto di vita. Perché la salute è ciò che permette di realizzare qualsiasi disegno abbiamo pianificato per il nostro futuro e, quando la condizione di benessere viene meno, le priorità cambiano e i progetti di […]
Regione Lazio, inaugurata casa di cura Bagnoregio. Intervenuto il Presidente Nicola Zingaretti
Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha inaugurato oggi la Casa della Salute di Bagnoregio. La nuova struttura si trova all’interno dell’ex ospedale per acuti chiuso molti anni fa e inserito nei programmi di riconversione della Regione Lazio. E’ la seconda Casa della Salute attiva nella Provincia di Viterbo, dopo quella di Soriano nel […]
Fuocoammare nominato all’Oscar 2017. Bartolo: «Spero che scuota gli animi. A Lampedusa continuiamo a lavorare…»
‘Fuocoammare‘ prende la nomination all’Oscar 2017 nella sezione documentari. Il film del 2016 diretto da Gianfranco Rosi, premiato nello stesso anno con l’Orso d’oro per il miglior film al Festival di Berlino, racconta di una Lampedusa vista dagli occhi di un dodicenne, Samuele, che gioca sulla terraferma circondata da quel mare che racconta le storie di migliaia di donne […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi: 62 milioni di euro di rimborsi. Ma arriva la prescrizione…

Lavra (OMCeO Roma): «Felice per i colleghi rimborsati, Consulcesi patriottica». Andrea Tortorella (Ad Consulcesi): «Cifra emblematica, consigliamo a tutti i camici bianchi di muoversi prima della p...
Lavoro

Medici di famiglia, Lorenzin: «Sono le nostre braccia sul territorio. Più risorse da Def e fondi regionali»

«Investiamo sul capitale umano, i nostri medici di famiglia sono l’anello forte della catena» così il Ministro Lorenzin intervistata al 74° Congresso Nazionale Fimmg. Ecco le ultime novità su D...
Lavoro

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle...