Politica 5 maggio 2015

“Siamo noi medici la prima linea dell’emergenza migranti”

La testimonianza esclusiva del dottor Alessandro Cristaudo

Immagine articolo

Nei concitati soccorsi direttamente in mare e, subito dopo, nei centri d’accoglienza sono le nostre mani il primo contatto tra i migranti e l’Italia”. Il dottor Alessandro Cristaudo racconta così –  in esclusiva a Sanità Informazione – la sua esperienza a Lampedusa con il C.I.S.O.M. (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta).

Proprio in queste ore in cui gli sbarchi si sono intensificati (secondo le stime del Viminale sono 7mila le persone arrivate solo negli ultimi giorni), la figura dell’operatore sanitario, ha visto confermare la sua centralità nelle operazioni di soccorso. Ed in attesa che si trovi una soluzione, anche a livello internazionale, in prima linea – insieme a forze armate e volontari – ci sono proprio i medici. Ed il loro è un ruolo delicato e pieno di insidie oltre che di responsabilità. E nessuno, meglio di chi vive direttamente sul campo quell’esperienza, può raccontare le criticità che si incontrano e offrire una testimonianza diretta di quanto sia complicato districarsi sulla sottile linea che separa uomo e professionista davanti a scene di forte impatto e grande disperazione e a scelte che danzano sulla linea sottile tra la vita e la morte.

E questo trapela con estrema chiarezza dalle parole di Alessandro Cristaudo. “Davanti a numeri di questo genere, le difficoltà logistiche aumentano e spesso ti portano al limite – spiega il medico – e va considerato che ci troviamo a soccorrere 1500 o 1700 migranti su una nave della Marina, equipaggiati con uno zaino e, nelle situazioni migliori, con una medicheria di bordo a disposizione e con la possibilità di garantire nell’immediato, almeno, un pasto caldo ed un riparo dalle intemperie, a chi è stato in balia del mare per giorni e giorni”.

Senza sottovalutare il rischio delle epidemie: difficile non solo da gestire, ma anche da individuare. “La formazione in questo caso è fondamentale – prosegue il dottor Cristaudo – così come le precauzioni da prendere. Può sembrare banale, ma dobbiamo prepararci con attenzione anche nelle operazioni di vestizione e svestizione dalle tute isolanti e dai guanti. Vanno creati, negli spazi angusti in cui dobbiamo muoverci in quelle situazioni, dei percorsi preferenziali dove isolare e smaltire tutto ciò che può innescare dei contagi con effetti incontrollabili”. Accortezze fondamentali mentre resta forte la minaccia di Ebola e di numerosi virus tornati prepotentemente alla carica, come ad esempio la scabbia. “Nel caso di Ebola – spiega Cristaudo – scattano operazioni di bio-contenimento ad hoc, ma ad ogni modo sarebbe necessario oltre che opportuno essere adeguatamente preparati. Il problema è che questo impone spesso tempi lunghi e mezzi adeguati, ma spesso siamo costretti ad operare in situazione di emergenza pura con migliaia di persone, con tante donne e bambini, e si procede con quanto mette a disposizione la Marina e lo Stato”. Formazione e informazione giocano un ruolo fondamentale, ma la missione del medico – davanti al dramma – finisce per andare oltre i limiti. “Lavorando in pronto soccorso sono abituato ai turni massacranti – conclude il dottor Cristaudo – ma queste situazioni non hanno termini di paragone: al tuo fianco vedi marinai che si alternano dormendo per giorni al massimo 2 o 3 ore e viene spontaneo fare quello che anche per noi è un dovere”.

E intanto è stato creato, proprio a Lampedusa, un Istituto, vigilato dal Ministero della Saluto, che da questa settimana al 30 novembre, offrirà assistenza medico-specialista ai migranti. A loro disposizione – sette giorni su sette –  due medici, un antropologo e un mediatore transculturale esperto in ambito sanitario, nella sede allestita ad hoc nel Centro locale di primo soccorso e accoglienza.

Articoli correlati
“Lontane americhe”, la mostra dell’ADA in corso a Roma
La Federazione Nazionale ADA (Associazione per i diritti degli anziani) ha organizzato e promosso la mostra: “Lontane Americhe”, visitabile fino al 16 dicembre presso gli spazi dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio, Lungotevere della Vittoria 31. Come si legge sul sito della Federazione, l’obiettivo della mostra è quello di risvegliare la memoria storica […]
Istat e aspettative di vita, CIMO-CIDA: divario sanità Nord-Sud che va colmato
I dati Istat sugli indicatori di mortalità nel 2016, pur se positivi a livello nazionale, «fotografano un’Italia a due velocità, con forti squilibri territoriali nel Mezzogiorno, diretta conseguenza di un vistoso gap nell’assistenza sanitaria e nella politica ospedaliera. Inoltre se, come conseguenza della media statistica nazionale, ci sarà una modifica verso l’alto dell’età pensionabile, chi […]
Migranti, nell’anniversario strage di Lampedusa Pietro Bartolo si racconta: «Io, in trincea da 25 anni e record infame sulle spalle»
Quattro anni fa il naufragio e la morte di 368 persone diede il via all’operazione Mare Nostrum: tra critiche e apertura, l’Italia ancora in prima linea nel salvataggio e nell’accoglienza. Il medico protagonista di ‘Fuocoammare’: «La realtà degli sbarchi edulcorata dai media. Necessario abbattere pregiudizi»
Immigrazione, presentate le linee guida per uniformare controlli sanitari. Mirisola (INMP): «Ora la vera sfida è renderle concrete»
«I controlli alla frontiera, la frontiera dei controlli», è questo il titolo del documento presentato da INMP, ISS e SIMM alla Camera dei Deputati con l’obiettivo di standardizzare gli approcci assistenziali per migranti e profughi. Le linee guida «colmano il vuoto che si crea tra lo sbarco e il centro di accoglienza», ha spiegato Ranieri Guerra, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute
INMP presenta la Linea Guida su “controlli sanitari all’arrivo e percorsi tutela per migranti ospiti nei centri di accoglienza”
Il Documento è il primo contributo scientifico a livello europeo su un tema di sanità pubblica estremamente attuale e verrà presentato alla presenza del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, il 24 luglio alle ore 17.30 presso la sala stampa della Camera dei Deputati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Sanità internazionale

Elogio della medicina generale, che può veramente salvarci la vita

«Mi sono iscritto a medicina perché ero attirato dalla sua aura di eroismo, dalla possibilità di intervenire per risolvere un problema pericoloso. È stata la sala operatoria, ovviamente, a cattura...
Salute

Al via la prova d’esame delle specializzazioni mediche: «Basta con il concorso ‘lotteria’ dove vince il più fortunato…»

Parte il concorso tanto atteso dai medici neolaureati. Ecco le nuove regole stabilite dal Miur: prova unica nazionale così come la graduatoria finale. Fedeli: «Introdotte novità qualificanti». Ma ...