Salute 22 dicembre 2017

Si può morire di “cuore spezzato”? «L’80% di chi ne soffre è donna»

«La sindrome insorge dopo forte stress fisico o emotivo». Così ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino

Si chiama sindrome del cuore spezzato e colpisce quasi esclusivamente le donne. La patologia, che presenta sintomi molto simili ad un infarto, può insorgere in seguito ad un forte stress emotivo o fisico, mentre in alcuni casi può seguire ad un episodio di violenza. Niente di “romantico”, dunque, ma un problema serio che può avere conseguenze molto pesanti. «Questa patologia – spiega ai nostri microfoni la dottoressa Roberta Della Bona, Cardiologa del Policlinico Casilino – si manifesta in maniera molto simile ad un infarto miocardico acuto, dal quale si differenzia solo perché non avviene occlusione delle coronarie. In comune c’è un’alterazione della contrattività del ventricolo sinistro del cuore, che può essere anche molto importante e può portare ad una disfunzione ventricolare acuta che se non trattata in maniera tempestiva può causare anche la morte del soggetto».

Un vero pericolo per la vita, insomma, che colpisce prevalentemente le donne: «Circa l’80% dei casi che si registrano riguardano donne in età post-menopausale e spesso arrivano dopo un forte stress che può essere sia emotivo che fisico. Tra gli stress emotivi possiamo citare, ad esempio, un lutto molto grave o eventi catastrofici come i terremoti, con perdita di parenti o della propria abitazione. Tra quelli fisici, invece, possiamo annoverare interventi chirurgici o di violenza, soprattutto sulle donne. Le cause fisiopatologiche alla base di questa sindrome – continua la dottoressa Della Bona – non sono del tutto conosciute. Si ipotizza anche una predisposizione genetica su cui però si stanno conducendo ancora degli studi che, si spera, chiariranno alcuni aspetti di questa sindrome. Quel che è venuto fuori, però, è che spesso esiste una correlazione dal punto di vista fisiopatologico con il sistema nervoso centrale. Nello specifico – spiega ancora la dottoressa –, c’è un aumento di catecolamine, che avviene dopo che il soggetto ha subito lo stress, che va ad interagire con la corteccia celebrale. Queste catecolamine vengono prodotte e poi vanno a stimolare i recettori che sono localizzati a livello cardiaco, portando appunto a questa disfunzione della contrattività miocardica». Ma cosa si può fare per combattere questo tipo di patologia? «Se trattata tempestivamente e bene – conclude la dottoressa Della Bona – la sindrome regredisce nella maggior parte dei casi, con una prognosi positiva».

 

Articoli correlati
La depressione ha origine nell’infanzia: la ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia
Una ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia dimostra il legame tra geni ed eventi traumatici dell’età evolutiva nel successivo sviluppo della depressione. Annamaria Cattaneo, ricercatrice dell’Istituto, ha pubblicato su Molecular Psychiatry un articolo intitolato “FoxO1, A2M e TGFB1: tre nuovi geni che predicono la depressione come conseguenza dell’interazione tra geni di vulnerabilità’ e condizioni ambientali avverse”. Si tratta […]
Club Medici contro la violenza sulle donne: al Policlinico Tor Vergata un corso ECM su maltrattamenti di genere
Su iniziativa della senatrice Francesca Puglisi, Presidente della Commissione Parlamentare di inchiesta sul femminicidio, si è tenuta il 28 novembre, presso la Sala Caduti di Nassirya al Senato della Repubblica, la presentazione del corso ECM (Educazione Continua in Medicina) sulla violenza contro le donne, organizzato da Club Medici in collaborazione con il Policlinico di Tor […]
A Roma batte cuore della cardiologia mondiale. Tanti temi a ‘Place’ congresso a guida Leonardo Calò e Fiorenzo Gaita
Un confronto tra i più grandi specialisti su anomalie cardiache, apnee ostruttive, vantaggi di una buona alimentazione, ricerca e prevenzione. «Obiettivo primario: arrivare con diagnosi a prevenire patologie rischiose» l’intervista al Professor Calò Cardiologo del Policlinico Casilino
Quello che si nasconde dietro il prurito: le cause che non ti aspetti!
La pelle, con i tre tessuti di cui è composta (epidermide, derma e ipoderma), è l’organo più esteso ed esterno del nostro corpo. Essa assolve a molteplici funzioni fondamentali per tutto l’organismo, quali la regolamentazione della temperatura corporea, la protezione degli organi esterni da tossine, batteri e raggi ultravioletti, la produzione di vitamine, ecc. La […]
di pazienti.it
Stress da rientro? Ecco cosa fare per sconfiggerlo
«Un'alimentazione studiata e attenzione a recuperare le sane abitudini» la Dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista fornisce utili consigli per sconfiggere lo stress da rientro e ricominciare a carburare al meglio dopo le ferie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...