Salute 16 febbraio 2018

Sciopero medici, strappo di Cgil e Uil. Filippi: «Revochiamo la protesta. Abbiamo vinto su tutti i fronti»

Anche la Uil interrompe la mobilitazione. «Abbiamo avuto garanzia dalle regioni di un rinnovo contrattuale rapido, abbiamo avuto garanzie sul finanziamento» sottolinea il segretario della Fp Cgil Medici

Immagine articolo

Il fronte dello sciopero dei medici e degli operatori sanitari, convocato per il 23 febbraio, inizia a mostrare le prime crepe. Oggi la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn e la Uil Fpl Coordinamento Nazionale delle Aree Contrattuali Medica, Veterinaria e Sanitaria hanno annunciato la revoca della protesta alla luce anche della convocazione dell’Aran prevista per il 20 febbraio. Una presa di posizione che era nell’aria già da ieri: durante la riunione dell’intersindacale medica era emersa una diversità di vedute rispetto ad altre sigle. Oggi infatti l’intersindacale medica ha confermato lo sciopero del 23 febbraio anche se dice disposta a «rivedere il calendario di protesta».

«Abbiamo vinto su tutti i fronti su quelle che erano le motivazioni del nostro stato di agitazione iniziale – spiega a Sanità Informazione il segretario della Fp Cgil Medici Andrea Filippi – Abbiamo ottenuto la convocazione, abbiamo avuto garanzia dalle regioni di un rinnovo contrattuale rapido, abbiamo avuto garanzie sul finanziamento perché è stato fatto l’atto integrativo per il comparto e a breve uscirà l’atto integrativo per la dirigenza. Il mantenimento dello sciopero in questo momento è un atto che non ha significato ma i cui significati non sono da ricondurre alle vere esigenze dei lavoratori»

Filippi, dunque si rompe sostanzialmente l’unità intersindacale?

«Su questa revoca dello sciopero sì, poi vedremo. L’intersindacale presumibilmente lo mantiene ma chiedetelo a loro».

Da quello che abbiamo colto ieri sembravano intenzionati a mantenerlo, salvo novità dal 20 febbraio.

«La loro intenzione è quella di revocarlo il 20, ma noi non capiamo perché. Noi preferiamo essere coerenti fino in fondo con le battaglie intraprese. Abbiamo fatto 15 giorni di trattativa con governo e regioni per avere garanzie di rinnovo contrattuale, aprire il tavolo e avere le finanze. Abbiamo vinto su tutti i fronti, ci sembra coerente e serio nei confronti della parte datoriale a questo punto revocare lo sciopero oggi prima di sedersi al tavolo».

Al tavolo delle trattative, quale sarà la quota che ritenete accettabile da un punto di vista economico per il rinnovo del contratto.

«Quella che è già stata finanziata, la quota accettabile è il 3,48% così come per tutti gli altri comparti. Noi siamo in una condizione per cui grazie all’accordo del 30 novembre 2016 è stata fatta un’operazione in cui si è ridato valore all’unità di tutti i comparti del pubblico impiego, parametrando un aumento contrattuale di 85 euro medi. Per noi questa parametratura corrisponde al 3,48% sulla massa salariale. Non è un aumento che va a risanare otto anni di blocco contrattuale, ma è comunque un contratto che noi riteniamo transitorio che ci consente di rimettere i paletti, soprattutto dalla parte normativa, su quegli aspetti di esigibilità del contratto che venivano continuamente mortificati nelle contrattazioni decentrate e non solo».

Ci sono altri aspetti del contratto abbastanza delicati, come gli orari e i tempari. Su questo cosa chiedete al governo?

«Su questo chiediamo che non sia fatta nessuna forma di deroga sulla legge europea sull’orario di servizio se prima non si rivedono i fabbisogni. Noi aspettiamo ancora un incontro al ministero della salute per capire su quali criteri fare il calcolo sui fabbisogni. Abbiamo superato il rischio che i calcoli venissero fatti sui criteri da tempari fatti dalla regione Piemonte. È girata invece una proposta che tiene in considerazione l’organizzazione del lavoro, però non l’abbiamo ancora ricevuta ufficialmente, aspettiamo la convocazione al ministero della Salute per rivedere il fabbisogno. A fronte di una revisione dei fabbisogni, di un loro finanziamento, solo a quel punto si potrà cominciare a ragionare di deroghe».

Articoli correlati
Bonaccini (Regioni): «A passi spediti verso chiusura contratti dirigenza medico-sanitaria»
Andrea Filippi (Fp Cgil): «Registriamo favorevolmente l'impegno a trovare un accordo per chiudere nel più breve tempo possibile questa tornata contrattuale. Manteniamo ferma la necessità di coniugare l'aspetto economico del contratto con l'esigibilità di alcuni punti fondamentali della parte normativa»
Lazio, protesta dei lavoratori della sanità privata a Montecitorio. Cgil, Cisl e Uil: «Rinnovo contratto o sciopero»
I sindacati confederali chiedono che non ci siano lavoratori di serie A e di serie B. L’assessore D’Amato: «Ogni professionista deve avere le medesime opportunità e tutele». Faroni (Aiop Lazio): «Stop a disparità di trattamento tra le varie regioni»
Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro
Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma attesa da 9 anni, la strada è in salita: da una parte vanno reperite risorse adeguate per l'aumento (che dovrà superare i fatidici 85 euro) e per le altre voci; dall'altra ci sono aspetti normativi importanti da definire come orario di lavoro, reperibilità, esigibilità del contratto
Elezioni, Di Manici Proietti (M5S): «Medici penalizzati, Italia in ritardo rispetto all’Europa»
Il cardiochirurgo, che ha partecipato al primo trapianto di cuore artificiale nell’uomo nel Vecchio Continente, è candidato in Umbria alla Camera per il Movimento Cinque Stelle. La sua denuncia: «Medici e infermieri sono lasciati soli nei confronti delle eventuali responsabilità civili e penali del loro agire»
Sciopero medici, Filippi (Cgil): «Non servono bonus, ma strategie di ristrutturazione del SSN e legittimazione professionisti»
Zampetti (Cisl Medici): «È stato un anno deludente per la sanità, e il 2018 si preannuncia caratterizzato da bagarre tra partiti in campagna elettorale mentre il SSN si deteriorerà sempre di più». In vista dello sciopero di febbraio, le dichiarazioni dei rappresentanti di Fp Cgil Medici e Cisl Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Salute

Stop alla Cannabis Light? Ma l’Italia punta su quella terapeutica

Efficace nel trattamento di un grande numero di patologie, la cannabis terapeutica si sta ritagliando un ruolo fondamentale nel mondo sanitario. Negli ultimi anni la domanda è impennata ma l’obiett...