Salute 4 giugno 2018

La Sanità nelle parole di Conte e Grillo: «Mai più cittadini di serie A e B. Vaccini? Si decide su basi scientifiche»

Il neoministro delinea la sua visione della sanità: «Cittadini hanno diritto a un Servizio sanitario davvero efficiente e universale. Ci sono milioni di miei concittadini che ogni anno rinunciano alle cure, o le posticipano, per ragioni economiche e questo non deve più accadere». Sui vaccini: «Decisioni saranno collegiali». Le parole di Conte nel discorso per la fiducia

Immagine articolo

«I vaccini sono parte del contratto. C’è una parte del contratto che ne parla, piccola, ma c’è. E su questo agiremo in sinergia con il resto del Governo. Quando lo faremo, vi comunicheremo modi e tempi». Nel giorno dell’insediamento a Lungotevere Ripa, sede del dicastero della Sanità, il neoministro Giulia Grillo torna sul tema dei vaccini, quello su cui è concentrata l’attesa dei media ma anche dei cittadini. «Avremo un rapporto sinergico col Mef  – ha aggiunto il Ministro – che speriamo possa portarci a qualcosa di concreto. Il Ministero dell’Economia è la mia grande preoccupazione. Ci teniamo a invertire una rotta dettata da varie motivazioni sul finanziamento del Servizio sanitario nazionale».

Non sono però le uniche parole dell’esponente M5S, che già venerdì scorso aveva parlato della sua visione della sanità. «Metteremo in campo regole per la trasparenza nella Sanità, basta con i raccomandati. Non ci devono essere più cittadini di serie A e di serie B nell’accesso alle cure», aveva detto dopo il giuramento al Quirinale del Governo presieduto da Giuseppe Conte. Sul proprio profilo Facebook il neoministro ha voluto esplicitare ancora meglio cosa intende fare per la sanità: «Sono davvero onorata di essere stata scelta per ricoprire la carica di ministro della Salute. Come medico e cittadina farò ogni sforzo per restituire dignità a un comparto che nel corso degli anni è stato pesantemente definanziato». Poi ha voluto delineare le principali problematiche su cui ha intenzione di intervenire: «La salute è il bene più importante e gli italiani, da Nord a Sud – sottolinea – hanno diritto a un servizio sanitario davvero efficiente e universale. Ci sono milioni di miei concittadini che ogni anno rinunciano alle cure, o le posticipano, per ragioni economiche e questo non deve più accadere. Sono molte le sfide che mi aspettano e intendo affrontarle con determinazione. Penso alla piaga delle liste di attesa, ai Lea – elenca – alle assunzioni del personale medico e infermieristico, alla governance della farmaceutica. Si tratta di temi ineludibili che, ne sono certa, questo governo del cambiamento affronterà mettendo sempre al primo posto il bene dei cittadini».

LEGGI ANCHE: L’INTERVISTA DI GIULIA GRILLO A SANITA’ INFORMAZIONE: OBBLIGO VACCINALE GIUSTA MISURA IN CASO AUMENTO CONTAGI

Temi e priorità che rispecchiano quelli presentati dal Premier Giuseppe Conte nel suo discorso programmatico per la fiducia pronunciato davanti al Senato: «Bisogna invertire la contrazione della spesa sanitaria – ha detto – per garantire la necessaria equità nell’accesso alle cure. Le differenze socio-economiche non possono e non devono – ha sottolineato con forza Conte – risultare discriminanti per la tutela della salute dei cittadini. Lavoreremo per una maggiore efficienza nell’erogazione dei servizi in termini di volumi, qualità e gestione dei conti. Implementeremo i modelli organizzativi più efficienti con l’integrazione dei servizi ed il potenziamento della medicina del territorio. Diminuiremo le liste d’attesa e faremo in modo – ha concluso – che le nomine delle figure apicali delle strutture manageriali siano basate esclusivamente su criteri meritocratici e al riparo da indebite influenze politiche».

LEGGI ANCHE: È GIULIA GRILLO IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE: ECCO COME LA PENSA SU VACCINI, LISTE D’ATTESA E INTRAMOENIA

Giulia Grillo – Roma 02/06/2018

Sinceramente emozionata di fronte a una piazza stracolma di cittadini venuti a Roma per festeggiare l'inizio del Governo del cambiamento. Ce la metterò tutta per migliorare la sanità italiana. Merito ed efficienza saranno la bussola del mio mandato da ministro della Salute. Ecco il mio intervento alla manifestazione di ieri.

Publiée par Giulia Grillo M5S sur dimanche 3 juin 2018

LEGGI ANCHE: DALLA FNOMCeO ALLA FIMMG, CORO DI AUGURI DAL MONDO DELLA SANITA’ AL MINISTRO GRILLO. E SU FACEBOOK MILITANTI CHIEDONO FINE OBBLIGO VACCINALE

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»
«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Numero chiuso, cresce il fronte per l’abolizione. Grillo: «Rischiamo di perdere grandi medici, serve meccanismo meritocratico»
Il Ministro è intenzionato a rivedere le norme di accesso alla Facoltà di Medicina. E anche il vicepremier Salvini appoggia la proposta: «Non è possibile che migliaia di ragazzi italiani debbano scappare all’estero per studiare, specializzarsi e cominciare a lavorare in ospedale»
Sanità, le priorità di Giuditta Pini (PD): «Precariato ricade su medici e assistiti, servono più fondi a SSN per stabilizzazioni»
La deputata democratica, membro della Commissione Affari Sociali, annuncia opposizione costruttiva: «Incalzeremo il ministro Grillo ma daremo anche una mano». Continuerà il suo impegno sul riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...