Politica 14 febbraio 2018

Sanità, Di Biase (Pd): «Azzerato debito regione Lazio, ora è momento di investire»

Il capogruppo dei democratici in Aula Giulio Cesare, candidata alla Pisana, attacca il sindaco Raggi sui vaccini: «Non usi tema vaccini per fare campagna elettorale»

È uno dei consiglieri comunali che, dall’opposizione, sta dando maggior filo da torcere al sindaco Virginia Raggi. Ora tenta il salto alla Regione Lazio, dove si voterà il 4 marzo. Michela Di Biase, Partito Democratico, vanta giù un lungo curriculum politico. Dal 2006 al 2013 è stata consigliere nel VII Municipio di Roma, dal 2013 membro dell’Assemblea di Roma Capitale dove ha ricoperto il ruolo di presidente della Commissione Cultura, Politiche Giovanili e Lavoro. Nel 2016 viene rieletta e diventa capogruppo Pd in aula Giulio Cesare.

Di Biase, sappiamo quanto per le Regioni sia fondamentale il capitolo Sanità. Il nostro è un quotidiano che si occupa di sanità. Quali saranno le linee guida in materia per i prossimi anni?

«Penso che la Regione Lazio si sia contraddistinta per un grandissimo impegno proprio sui temi della sanità. Bisogna che questa era una regione con un debito immenso e il presidente Zingaretti è riuscito in cinque anni di buon governo a uscire fuori dal commissariamento e quindi dall’emergenza. Penso che sia davvero un risultato straordinario. È evidente che se i cinque anni precedenti sono serviti a risanare il debito enorme che c’era stato lasciato dall’amministrazione Polverini, i successivi cinque anni saranno il momento per investire in quelli che sono i temi caldi che riguardano proprio la nostra cittadinanza: penso a tutta quella che è la vicenda dei pronto soccorso dove sappiamo che ci sono delle difficoltà perché spesso ci vengono segnalate. Risanamento e grandissima attenzione per quello che dev’essere il rilancio e quindi lo sviluppo di un settore fondamentale e strategico. Non solo per Roma ma per tutto l’indotto della nostra regione».

Un altro tema che riguarda la salute dei cittadini è diventato un tema forte della campagna elettorale, quello dei vaccini. Lei è stata in Consiglio comunale in questi anni a Roma. In questi giorni c’è stata una forte presa di posizione contro la presa posizione in materia del sindaco Raggi. I Cinque Stelle anche a livello nazionale su questa questione dei vaccini stanno dividendo l’opinione pubblica.

«La verità è che il sindaco Raggi o non conosce la mozione che è stata votata dall’aula Giulio Cesare o non conosce la legge. In entrambi i casi mi sembra francamente un atteggiamento abbastanza inusuale per un sindaco. La mozione chiede e ha chiesto solo l’approvazione della legge. Noi siamo rimasti molto colpiti che il sindaco abbia voluto strumentalizzare la vicenda vaccini. Sulla salute dei bambini non si scherza. Noi siamo a favore della scienza. Abbiamo detto da subito che i bambini vanno vaccinati e questa riforma sul tema dei vaccini da parte del ministro Lorenzin è un grandissimo passo in avanti. Rispetto a questo, il sindaco Raggi si occupasse di fare il sindaco, perché è questo che dovrebbe fare, quindi si occupasse di quelli che sono i temi cari ai cittadini e non utilizzasse il tema dei vaccini per fare campagna elettorale a favore dei no vax. No agli apprendisti stregoni, sì alla scienza e ai medici che svolgono il loro ruolo con serietà e competenza».

Articoli correlati
Sanità, Foad Aodi (OMCeO Roma) presenta il patto #UnitiperlaRiabilitazione
Il Prof. Foad Aodi, Consigliere dell’Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Roma, ha partecipato al Convegno: “Organizzazione delle prestazioni di riabilitazione specialistica ambulatoriale”, organizzato da SIMFER, Feder ANISAP, Collegio dei Professori Ordinari, SIRN e Movimento Internazionale “UNITI PER UNIRE”. I lavori sono stati coordinati ed introdotti dal Prof. Raffaele Gimigliano di Napoli, dal Prof. Pietro Fiore di Bari che […]
Elezioni, Sileri (M5S): «11 milioni di italiani non hanno accesso a cure, basta tagli alla sanità»
Il chirurgo è candidato al Senato a Roma per il Movimento Cinque Stelle. A Sanità Informazione sottolinea l’importanza della formazione: «Va fatta dentro e fuori l’università e con tutti i mezzi disponibili, compresi quelli telematici»
Elezioni, la sanità secondo Crivellini (Più Europa): «Il cittadino conti di più e i dg si scelgano con bando internazionale»
Il presidente del Comitato Nazionale Radicali Italiani è l’estensore del programma della lista guidata da Emma Bonino. «Non servono più fondi ma bisogna spostarli sulla disabilità e sulla cronicità» afferma a Sanità Informazione
«Ricerca scomparsa dalla campagna elettorale», l’allarme di Nature in vista delle elezioni
L'autorevole rivista scientifica dedica un dettagliato articolo alla crisi della scienza in Italia. Dal 2008 il budget a disposizione delle università si è ridotto di circa un quinto. L’economista Mario Pianta: «Siamo sull’orlo del collasso»
Formazione, assunzioni e stop liste d’attesa, la ricetta di De Poli (Udc) per il rilancio della Sanità
Il presidente del partito guidato da Lorenzo Cesa illustra a Sanità Informazione le sue priorità in ambito sanitario. E rilancia l’allarme sulla carenza di medici: «14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...