Salute 15 marzo 2018

Rovegno, il paese senza medico. Il sindaco Isola: «Non siamo cittadini di serie B, vogliamo un dottore che viva in città»

A due mesi dal provocatorio cartello “Vietato ammalarsi e morire”, il primo cittadino del Comune dell’entroterra ligure continua la sua battaglia: «Il supplente viene nel nostro paese due ore a settimana, quando va via siamo senza presenza sanitaria». E chiede il ripristino della condotta

Immagine articolo

Aveva fatto affiggere un cartello fuori dal Municipio con la scritta “Vietato ammalarsi e morire”. Una provocazione, che nelle intenzioni di Giovanni Isola, sindaco di Rovegno, nel cuore della Val Trebbia in provincia di Genova, doveva servire a portare l’attenzione sul problema di un paese, il suo, rimasto senza medico generico. Non sembra però essere cambiato molto a due mesi dall’iniziativa con cui si invitava, non senza ironia, la cittadinanza ad «adottare tutte le precauzioni possibili, ed anche le impossibili al fine di preservare le proprie difese immunitarie per non incorrere in situazioni infettivologiche nei periodi non coperti ad oggi dalla figura medicale professionale incaricata dall’Asl».

«Sono indignato e preoccupato – spiega Isola – Non riesco a capire come sia potuto succedere che al Ministero della Salute non si siano accorti di quello che sta accadendo. È stato un disastro aver tolto la condotta così che un medico non è obbligato a vivere sul territorio».

Ora a Rovegno c’è un medico supplente iraniano, «una bravissima persona» sottolinea il primo cittadino, con l’arduo compito di servire 7 comuni in 13 ore a settimana. «In pratica resta circa due ore a settimana a Rovegno, e quando va via rimaniamo senza presenza sanitaria. Per questo ho scritto “vietato ammalarsi”», afferma Isola.

Il medico si sposta lungo la Val Trebbia: oltre a Rovegno serve i comuni di Fascia, Fontanigorda, Gorreto, Torriglia, Montebruno, Propata, Rondanina. Mentre la notte e nel week-end tocca alla guardia medica, che però ha base a Toriglia, a 20 chilometri da Rovegno. «Noi siamo nell’entroterra, avevamo ancora ieri il ghiaccio sulle strade. Quando c’è neve ci vogliono 40 minuti da Toriglia, sempre che ci si riesca a muovere. Questo non possiamo più accettarlo, non siamo cittadini di serie B».

LEGGI ANCHE: MEDICI, STUDIO FIMMG – ANAAO LANCIA L’ALLARME: «NEI PROSSIMI 5 ANNI VIA IN 45MILA». SCOTTI: «14 MILIONI DI ITALIANI RESTERANNO SENZA MEDICO DI BASE»

Isola è pronto a invitare a Rovegno il prossimo Ministro della Salute, di qualsiasi partito sia, per prendere coscienza del problema. «Chiedo – spiega il vulcanico sindaco – che venga ripristinata con urgenza la ‘condotta’. È necessario che i medici prendano la residenza, bisogna stare sul territorio come una volta. È giusto che il medico sia pagato per le ore che fa, vanno bene le 13 ore. Ma se domani c’è un’emergenza, un medico che vive sul territorio può intervenire perché ha una sua etica professionale».

Il primo cittadino non rinnega la scelta di affiggere il provocatorio manifesto, anche se non tutti hanno apprezzato: «Non ho ricevuto nessuna solidarietà dai sindaci, quelli locali mi hanno detto che ho fatto troppo casino. Mi hanno persino minacciato di denuncia per procurato allarme per il manifesto “vietato morire”. Ma io sarei felice di essere denunciato. Il manifesto serviva per attirare l’attenzione del Ministro della Salute. La denuncia sarebbe come una freccia rossa. Io sono un combattente».

Il sindaco ha intenzione di non mollare e continuerà la sua battaglia per avere un medico di base residente a Rovegno. «Adesso sto aspettando il direttore generale dell’Asl genovese con il quale ho avuto un confronto costruttivo per sapere a che punto siamo. Il comune di Rovegno mette a disposizione del medico l’appartamento. Gli paghiamo l’affitto. Ha un appartamento nuovo, fiammante a disposizione». La questione, c’è da scommetterci, non finirà qui.

Articoli correlati
Medici, Anaao pronta a 72 ore di sciopero: «Inarrestabile peggioramento condizioni di lavoro, contratto scomparso da agenda politica»
Duro documento della Direzione nazionale del sindacato: pronto stato di agitazione e manifestazione nazionale: «Il blocco priva medici e dirigenti sanitari dipendenti di un fondamentale strumento di cambiamento delle condizioni di lavoro, che restituisca dignità e sicurezza ai professionisti»
Carenza medici, Bartolazzi (Sott. Salute): «Serve piattaforma per programmare risorse e formazione»
Il Sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi ha concluso in questi giorni una serie di incontri con le organizzazioni sindacali del mondo della sanità per raccogliere proposte sul tema della carenza dei medici. «Si è concluso – scrive Bartolazzi – il secondo ciclo di confronti con le organizzazioni sindacali utile alla definizione della problematica della carenza […]
Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»
Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qualità di vita e delle condizioni di lavoro, firmano anzitempo la risoluzione del rapporto di lavoro». Tra le cause anche blocco del turnover e giovani disincentivati
Carenza medici, le proposte dei sindacati: tutti d’accordo su aumento borse ma distanze su apertura concorsi a specializzandi
L'Anaao Assomed propone teaching hospital e richiede nuova programmazione del fabbisogno. Fp Cgil medici, Cisl medici e Uil Fpl medici: «Necessario drastico cambio di rotta». CIMO: «Rivedere il sistema attraverso una programmazione seria del fabbisogno del personale e dei meccanismi di accesso alla professione medica»
Carenza Specialisti, AAROI-EMAC: «Affrontare emergenza ma con regole e corretta programmazione»
In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...