Salute 11 maggio 2016

Ricerca OIS: «Ecco chi ci curerà nel 2020». È “social” il profilo dei giovani medici

L’Osservatorio Nazionale della Salute presenta in esclusiva al Ministero i risultati della sua indagine con OMCeO Roma, FIMMG Roma e CIMO

Giovani medici: quale futuro li aspetta? Può la sanità scommettere su di loro, e considerarli punti di riferimento significativi nelle comunità in cui sono inseriti nonostante le attuali condizioni di instabilità occupazionale?

Sono questi i principali interrogativi che verranno sciolti domani, al Ministero della Salute, durante l’evento di presentazione di OIS (Osservatorio Nazionale della Salute), la prima associazione dedicata interamente alle indagini sul mondo medico – sanitario e sul benessere quotidiano dei cittadini, con una particolare attenzione verso le questioni più attuali e stringenti.

In quest’occasione, infatti, OIS presenterà i risultati di un’indagine realizzata in collaborazione con l’Ordine dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri di Roma insieme a FIMMG Roma e Cimo su un tema particolarmente scottante: “Chi ci curerà nel 2020?”. La ricerca, che sarà illustrata alla presenza del ministro Beatrice Lorenzin e dei vertici della categoria, è stata condotta attraverso un questionario online somministrato ad una platea di 8mila medici under 40, analizzando un campione di 800 rispondenti. L’indagine è stata concentrata su sei aree tematiche: la condizione professionale e retributiva dell’ultimo anno; le aspirazioni per il futuro; le esperienze di volontariato; la domanda formativa sui temi etici e deontologici; la tutela professionale e gli strumenti di sostegno finanziario alla professione.

La discussione sarà animata da osservazioni e pareri autorevoli. Interverranno infatti Roberto Lala, presidente dell’OMCeO di Roma, ilvicesegretario della FIMMG Pierluigi Bartoletti, e Riccardi Cassi, presidente di CIMO. Parteciperanno inoltre alla discussione il presidente di OIS, dott. Simone Colombatied il presidente del Comitato Scientifico dell’associazione, prof. Giuseppe Petrella.L’appuntamento si arricchirà ulteriormente delle testimonianze del dott. Sergio Liberatore (IMS Health) e del giovane medico di famiglia Alessandro Di Russo.«OIS è la prima associazione senza scopo di lucro che unisce la ricerca all’azione, interamente dedicata alle indagini sul mondo medico-sanitario e sul benessere quotidiano dei cittadini per promuoverne un corretto stile di vita, con un occhio sempre puntato ai principali cambiamenti socio-culturali in atto», spiega il presidente di OIS, Simone Colombati. Primo fra tutti, la crisi umanitaria e sanitaria che si sta consumando giorno dopo giorno alle frontiere.

Articoli correlati
Firenze, nasce app ‘Feel Better’ per aiutare pazienti oncologici adolescenti
Sarà uno strumento per aiutare i giovani pazienti ad affrontare con più fiducia e consapevolezza la loro quotidianità, con informazioni sullo stile di vita da seguire, attraverso la gestione delle emozioni e  il confronto con i coetanei. ‘Feel better’, scaricabile dal sito www.noipervoi.org e dagli store Android e Ios, è un’app dedicata ai pazienti oncologici adolescenti […]
Italia e Spagna da record: diminuisce ancora la mortalità infantile. Bocciati gli Usa
Negli ultimi 50 anni è l’Italia, insieme alla Spagna, il paese del mondo occidentale dove la salute di bambini e adolescenti è migliorata di più, con una maggiore diminuzione della mortalità. Lo afferma uno studio della Johns Hopkins University  – pubblicato dalla rivista Health Affairs –  riportato dall’Ansa, che invece vede negli Usa il paese meno favorevole […]
Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»
Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente
Migranti e salvaguardia salute: OIS lancia il suo piano per formazione e supporto medici
Parte la nuova iniziativa del progetto Sanità di Frontiera, promosso dall’Osservatorio Internazionale per la Salute, dedicato alla medicina delle migrazioni. I più autorevoli esperti del settore dal 19 al 22 settembre nella sede nazionale Centro Astalli a Roma per formare medici e operatori sanitari: oltre 600 richieste in appena 20 giorni nel solo mese di agosto, aumentato a 40 il numero dei posti. In arrivo anche un corso di Formazione a Distanza (FAD) per consentire a tutti gli operatori di avere le competenze e le conoscenze per gestire le patologie fisiche e psico-emozionali del fenomeno migratorio
La malattia del futuro? La paura di rimanere disconnessi. Si chiama Nomofobia
Terrore di rimanere disconnessi. Si chiama ‘Nomofobia’ (no-mobile-phone-phobia, termine di recente introduzione nel vocabolario della lingua italiana Zingarelli) ed è la malattia da iperconnessione del 21° secolo....
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...