Salute 11 novembre 2014

Ricerca, in tre anni i primi vaccini contro il cancro

Lo ha annunciato il numero uno di AIFA, Luca Pani, evidenziando i progressi della tecnologia. Resta da superare lo scoglio dei costi.

Immagine articolo

Mentre il tema dei vaccini è tornato di forte attualità a causa dell’epidemia di Ebola, una buona notizia arriva dal convegno organizzato dal Ministero della Salute e dedicato proprio al tema delle vaccinazioni.

Luca Pani, Direttore Generale dell’ Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), ha infatti dichiarato che entro i prossimi tre anni potrebbero essere immessi sul mercato farmaceutico i primi vaccini terapeutici per contrastare il cancro. Gli studi in questo ambito sarebbero infatti ad un livello estremamente avanzato e potrebbero portare, in un periodo di tempo che va dai cinque ai dieci anni, a vaccini contro Alzheimer e consumo di sostanze che creano dipendenza, come le droghe.

Oltre alle vaccinazioni che Pani definisce “classiche”, molto presto potrebbero dunque essere venduti prodotti “per tutte le età della vita. La tecnologia sta progredendo – aggiunge il numero uno di AIFA – e siamo giunti alla conoscenza del genoma informatizzata”, la quale consente la scoperta di “meccanismi vaccinali” che rappresentano “un’arma fondamentale contro i virus” e permettono di “conoscere gli attacchi che il sistema immunitario rivolge a se stesso, che sono alla base di molte malattie”. C’è lieve preoccupazione, però, per il problema relativo ai costi dei nuovi vaccini, troppo elevati secondo il ministro Lorenzin, che auspica una politica coordinata a livello europeo per riuscire a sostenerli.

A prescindere da quel che succederà in futuro, comunque, la priorità odierna è quella di non abbassare la guardia e non dare credito alle campagne “pseudoscientifiche” che, negli ultimi tempi, hanno avuto sempre maggior seguito, in particolar modo su internet. Il consiglio del ministro della Salute è dunque quello di non ascoltare chi getta discredito su questa pratica e continuare a vaccinare sia i bambini che le persone anziane: i primi contro le malattie infettive, i secondi contro l’influenza stagionale.

Articoli correlati
Vaccini, il Ministro Grillo: «Mai stata contro. Sono presidio fondamentale di prevenzione»
«Qualunque titolo di giornale che abbia riportato il contrario ha detto il falso», chiarisce l’esponente M5S. Sulle liste d’attesa: «Ordinare materia per farla funzionare»
Pediatria, Congresso SIP. Il Presidente Villani: «Tasso mortalità infantile in Italia tra i più bassi al mondo»
Infanzia e adolescenza sotto osservazione per 6 giorni e a 360 gradi. Il Presidente della Società di Pediatria: «Una festa per ricordare quanto sia importante fare rete per poter vincere le sfide»
Un pediatra di famiglia su tre vaccina nel proprio studio
Oltre un terzo dei pediatri di famiglia lombardi ha l’abitudine di vaccinare nel proprio ambulatorio, sia nell’ambito di campagne pubbliche sia su richiesta dei genitori; questa attività è stata svolta per il 49% dal singolo pediatra e nel 51% dei casi in equipe tra pediatra, un altro medico o l’infermiere di studio. Inoltre, nella più recente esperienza […]
L’identikit dei no vax? Grignolio (Sapienza): «Istruiti e benestanti. E il movimento è nato ben prima di Internet…»
Nel ripercorrere la storia degli anti-vaccinisti, il Professor Grignolio, docente di Storia della Medicina, spiega come le tesi no vax, un tempo marginali ed eterodosse, siano state sposate dalla classe dirigente. Ma sottolinea: «Quando c’è una forte alleanza terapeutica tra medico e paziente, non c’è teoria anti-vaccinista che regga»
Vaccini: come promuovere genitori esitanti? I risultati del progetto “Valore in Prevenzione” della Fondazione Smith Kline
In Paesi come l’Italia, caratterizzata da coperture vaccinali complessivamente adeguate, ma con recenti gravi criticità relative al mantenimento stabile delle coperture e al coinvolgimento della popolazione, risulta importante: realizzare una strategia dell’offerta vaccinale complessiva, strutturata ed evidence-based; implementare in modo omogeneo sul territorio nazionale tale strategia, così da rendere subito disponibili i vaccini più innovativi; mantenere il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Leucemia infantile, tra le cause anche la mancata esposizione ai microbi. La ricerca pubblicata su Nature

Il Professor Greaves, autore dello studio: «L’incidenza della leucemia linfoblastica acuta infantile è maggiore nei Paesi sviluppati, non a causa di onde elettromagnetiche o agenti chimici, ma deg...